Prepararsi a servire

Domande comuni di missionari potenziali e dei loro genitori


Missionari potenziali

Ho molte domande sul servizio missionario. Chi può dare la miglior risposta?

Parla con il tuo vescovo. Predicare il mio Vangelo e il Manuale del missionario sono anche grandi risorse.

Come posso sapere se sono degno e capace di svolgere una missione?

Se hai dubbi sulla tua dignità o le limitazioni fisiche o emotive, dovresti consultare il tuo vescovo o presidente di ramo. Egli ti aiuterà a comprendere i requisiti per il servizio missionario.

Chi dovrebbe svolgere una missione?

Il presidente Thomas S. Monson ha detto: “Affermiamo che il servizio missionario è una responsabilità sacerdotale e invitiamo tutti i giovani uomini che siano degni, che siano abili fisicamente e mentalmente, a rispondere a questa chiamata a servire. Anche molte giovani sorelle servono, sebbene non siano soggette alla stessa responsabilità di servire che hanno i giovani fratelli. Vogliamo però rassicurare le giovani sorelle della Chiesa e far sapere loro che il loro contributo come missionarie è prezioso e che siamo contenti che servano”.

Approfondisci guardando il discorso del presidente Monson tenuto alla sessione del sabato mattina della conferenza generale di ottobre 2012.

Devo iniziare il servizio missionario a 18 anni (per gli anziani) o 19 (per le sorelle)?

Il presidente Thomas S. Monson ha detto: “Tutti i giovani maschi degni e capaci che abbiano terminato la scuola superiore o che abbiano conseguito un titolo equivalente, a prescindere da dove vivano, possono ora essere raccomandati per il servizio missionario a partire dal diciottesimo anno di età, e non più dal diciannovesimo. Non sto suggerendo che tutti i giovani maschi serviranno — o debbano servire — a questa età. Piuttosto, in base alle circostanze individuali e a ciò che decidono i dirigenti del sacerdozio, questa opzione è ora disponibile.

“Nel considerare in preghiera l’età in cui i fratelli giovani possono iniziare il loro servizio missionario, abbiamo considerato anche l’età in cui le sorelle giovani possono iniziare a servire. Oggi sono lieto di annunciare che le giovani capaci e degne, che abbiano il desiderio di servire, possono essere raccomandate per il servizio missionario a partire dal diciannovesimo anno di età, e non più dal ventunesimo”.

Approfondisci guardando il discorso del presidente Monson tenuto alla sessione del sabato mattina della conferenza generale di ottobre 2012.

Come posso prepararmi meglio a essere un missionario?

Consigliati con il Signore e con i dirigenti locali del sacerdozio per prepararti spiritualmente, fisicamente, mentalmente, emotivamente e finanziariamente per il servizio missionario.

Quando posso inviare la documentazione per la missione?

Puoi inviare la documentazione 120 giorni prima di essere idoneo a servire.

Devo fare l’intervista con il vescovo del rione dei membri non sposati o con il vescovo del mio rione?

Se frequenti un rione di membri non sposati, parla prima al tuo vescovo del rione dei membri non sposati. Egli ti guiderà e collaborerà con il vescovo del tuo rione in base alle tue circostanze individuali.

Devo aspettare fino a che ho risparmiato abbastanza denaro per andare?

I missionari e i loro familiari devono fare i sacrifici necessari per finanziare la missione. Parla con il tuo vescovo per avere informazioni specifiche.

Devo soddisfare determinati requisiti fisici per servire una missione?

La salute fisica è una parte importante del servizio missionario. Parla col tuo vescovo per ulteriori informazioni.

Com’è la tipica giornata di un missionario?

Informazioni sul programma di un missionario e su ciò che insegnerai si possono trovare in Predicare il mio Vangelo.

Come comunicherò con i miei familiari e amici?

“Scrivi alla tua famiglia ogni settimana, durante il giorno di preparazione. Limita la tua corrispondenza con altre persone. Condividi le tue esperienze spirituali” (Manuale del missionario, 20). I missionari possono comunicare con la famiglia e il presidente di missione, via e-mail secondo le direttive approvate. Le e-mail devono essere usate solo durante il giorno di preparazione. Per ulteriori informazioni su come comunicare con i familiari e amici, vedi pagina 20 del Manuale del missionario.

Genitori

Ho molte domande sul servizio missionario. Chi può dare la miglior risposta?

Parla con il tuo vescovo. Predicare il mio Vangelo e il Manuale del missionario sono anche grandi risorse.

Mio figlio deve aspettare per mandare la documentazione per il servizio missionario fino a quando ha messo da parte abbastanza soldi per andare?

I missionari e i loro familiari devono fare i sacrifici necessari per finanziare la missione. Parla con il vescovo per avere informazioni specifiche.

Come posso aiutare al meglio mio figlio a prepararsi per la missione?

Tu conosci meglio tuo figlio. Consigliati con il Signore e con i dirigenti locali del sacerdozio per prepararti spiritualmente, fisicamente, mentalmente, emotivamente e finanziariamente per il servizio missionario.

Cosa farà mio figlio come missionario?

Informazioni sul programma di un missionario e su ciò che insegnerà si possono trovare in Predicare il mio Vangelo.

Di cosa avrà bisogno esattamente il mio missionario? C’è un elenco? E se dimentica qualcosa?

Un’elenco completo di articoli di prima necessità è fornito con il pacchetto della chiamata in missione. Il tuo missionario ti contatterà se avrà bisogno di qualcosa nel corso della missione.

Qual è il mio ruolo e la mia responsabilità come genitore di un missionario?

Il sostegno e l’incoraggiamento dei membri della famiglia sono molto utili per un missionario. Puoi fornirli attraverso le lettere e le e-mail settimanali.

Come comunicherò con mio figlio o mia figlia?

Ti invitiamo a sostenere e a edificare il tuo missionario tramite e-mail settimanali e lettere. Il missionario chiamerà a casa anche a Natale e un’altra volta durante l’anno (di solito per la festa della mamma).

Come posso sostenere al meglio il mio missionario mentre è in missione?

Quando parli con il missionario, sii edificante e aiutalo a concentrarsi sulla sua sacra chiamata invece che sulle cose che si è temporaneamente lasciato dietro.