Elaine Low Jack

Dodicesima presidentessa generale
della Società di Soccorso

1990–1997


 

Elaine Low Jack

Elaine L. Jack, dodicesima presidentessa generale della Società di Soccorso, si rese conto che non poteva risolvere i problemi di ogni donna ma che poteva ricordare loro la loro più grande risorsa di forza e potere — il vangelo di Gesù Cristo.

“Nonostante le prove, la confusione che regna nel mondo e le voci di critica, noi possiamo confidare nel Signore e progredire con il cuore lieto, sapendo che per ogni difficoltà o problema troviamo la forza per proseguire. Perché?” mi domandò. “Perché noi sappiamo che le Sue promesse sono reali, che Egli ci conosce per nome e ha un piano per ognuna di noi. Egli ci aiuterà a imparare cosa dobbiamo fare e ci farà trovare gioia nel farlo”.1

Una testimonianza personale di Gesù Cristo è la chiave della felicità, ed Elaine voleva che ogni sorella ne avesse una. “Il primo scopo [della Società di Soccorso]… è di edificare una testimonianza personale”, diceva. “Questo è il fondamento di qualunque altra cosa facciamo”.2

Il desiderio della sorella Jack si intensificò nel 1992 quando la Società di Soccorso lanciò il programma di alfabetizzazione evangelica, un servizio mondiale per aiutare le sorelle a imparare a leggere. “La capacità di leggere è più che una semplice abilità terrena. È altrettanto importante per il nostro progresso eterno”, disse Elaine. “Se dobbiamo portare anime a Cristo, queste devono essere in grado di capire i comandamenti e i principi di base del Vangelo che sono contenuti nelle parole di Dio — le Scritture”.3

In seguito, le donne e le loro famiglie furono benedette quando le sorelle della Società di Soccorso fecero volontariato nelle scuole, stabilirono programmi di alfabetizzazione e insegnarono alle insegnanti visitatrici come leggere.

“Noi facciamo parte di un grande insieme”, disse la sorella Jack. “Abbiamo bisogno l’una dell’altra per rendere completa la nostra sorellanza. Quando allunghiamo la mano per stringere quella delle nostre sorelle, arriviamo in ogni continente, perché siamo presenti in ogni nazione. Noi siamo unite nel cercare di conoscere ciò che il Signore ha da dirci, ciò che Egli farà di noi. Parliamo lingue diverse, eppure siamo una famiglia che può tuttavia avere un cuore solo”.4

I primi anni di vita

Una dei quattro figli di Sterling Oliver e Lovina Anderson Low, fedeli membri della Chiesa, Elaine Low nacque il 22 marzo 1928 a Cardston in Alberta, Canada. La sua casa d’infanzia si trovava a meno di un isolato dal tempio di Cardston, Alberta.5 I suoi genitori erano una delle prime coppie suggellate in quel tempio, e il suo nonno patriarca lavorò alla sua costruzione dall’inizio alla fine. Ella suonava l’organo alla scuola domenicale 6 e trascriveva benedizioni patriarcali per suo nonno.7

Istruzione e matrimonio

Dopo essersi diplomata con il voto più alto tra quelli del suo stesso corso, Elaine si specializzò in lingua inglese alla University of Utah di Salt Lake City. Là conobbe suo marito, Joseph E. Jack, uno studente all’ultimo anno di medicina. Si sposarono il 16 settembre 1948 nel Tempio di Cardston, Alberta. La coppia visse a New York, nel Massachusetts e in Alaska prima di ritornare nello Utah. Allevarono quattro figli maschi.

Estratti di servizio nella Chiesa

Prima di essere chiamata nella presidenza generale della Società di Soccorso, Elaine servì come seconda consigliera nella presidenza generale delle Giovani Donne sotto la direzione di Ardeth G. Kapp. La Società di Soccorso ha compiuto 150 anni nel 1992. Per celebrare l’evento, la sorella Jack incoraggiò le sorelle a partecipare a dei progetti di servizio nelle loro comunità. Le sorelle fecero di tutto, spianarono un sentiero verso una sorgente d’acqua, pitturarono case di accoglienza per i senzatetto e raccolsero libri.8 Inoltre, la presidenza generale organizzò la trasmissione satellitare per il centocinquantesimo anniversario della Società di Soccorso, il 14 marzo 1992. Le sorelle sentirono un forte spirito di unità nel partecipare nella prima trasmissione in diretta della Chiesa per le sorelle, in dieci città principali del mondo, oltre a quelle degli Stati Uniti, Canada e Caraibi.9 Dal 1997 al 2000, i coniugi Jack servirono come presidente e matrona del tempio di Cardston, Alberta.


Note

  1. Elaine L. Jack, “La carità non verrà mai meno”, La Stella, luglio 1992, 107.
  2. Elaine L. Jack, “The Mission of Relief Society”, discorso tenuto all’open house della Società di Soccorso, il 27 settembre 1990 alla Church History Library di Salt Lake City.
  3. Julie A. Dockstader, “Goal of Learning to Read: To Expand the Horizons of Gospel Understanding”, Church News, 1 ottobre 1994, 4.
  4. Elaine L. Jack, “La carità non verrà mai meno”, 107.
  5. Vedere Janet Peterson e LaRene Gaunt, Faith, Hope, and Charity (2008), 224.
  6. Vedere Peterson e Gaunt, Faith, Hope, and Charity, 224.
  7. Vedere Jill Mulvay Derr, Janath Russell Cannon e Maureen Ursenbach Beecher, Women of Covenant: The Story of Relief Society (1992), 403.
  8. Vedere Peterson e Gaunt, Faith, Hope, and Charity, 233.
  9. Vedere Derr, Cannon, e Beecher, Women of Covenant, 415.

Indietro Ritorna alla pagina principale delle presidentesse generali della Società di Soccorso.