8 consigli per delle serate familiari efficaci e di successo

Inserito da Marianne Holman Prescott, redazione di Church News

  • 15 Settembre 2014

I genitori hanno il dovere importante di guidare la loro famiglia nello studio delle Scritture e nell’apprendimento del Vangelo. La serata familiare fornisce ai genitori opportunità di insegnare e di rafforzare i rapporti familiari.

Punti salienti dell’articolo

  • Istruisci te stesso e insegna ai figli in casa usando le molte risorse disponibili ai membri della Chiesa.
  • Sebbene le attività divertenti siano buone per le famiglie, è più importante che i figli e le famiglie passino del tempo leggendo le Scritture e concentrandosi su Cristo.
  • La costanza è un fattore vitale nelle serate familiari. È più efficace una combinazione di qualità e quantità.

“I genitori conducono alla fonte di acqua più pura”. — Darren E. Schmidt, insegnante di Seminario

PROVO, UTAH (USA)

Per molti anni i profeti hanno consigliato alle famiglie di stabilire una sera a settimana per trascorrere del tempo insieme, imparando e divertendosi. Molte famiglie in tutto il mondo stanno mettendo in pratica quel consiglio e ritagliano del tempo per la serata familiare nonostante i loro molti impegni.

Nel cercare di rafforzare la propria famiglia e le testimonianze individuali, i genitori guidano i loro figli durante le lezioni, nel canto degli inni e nella preghiera, e condividono con loro quelli che pensano che siano i bisogni della famiglia in quel momento.

“Mandare avanti una famiglia è un lavoro duro”, ha detto Darren E. Schmidt durante una lezione al Campus Education Week della BYU. Ecco perché il tempo trascorso insieme come famiglia è vitale per far crescere le testimonianze e rafforzare i rapporti.

Il fratello Schmidt, un insegnante di Seminario, ha condiviso principi e idee per migliorare le serate familiari e lo studio delle Scritture, basandosi su elementi semplici e pratici con cui le famiglie possono migliorare il tempo che passano insieme.

1. Essere costanti

“Non deve essere perfetta, ma soltanto costante”, ha detto.

Per molti genitori, la frase “meglio la qualità che la quantità” si applica alla serata familiare, ma c’è un rischio dietro questo principio, ha detto il fratello Schmidt. È la combinazione di qualità e quantità che sarà più efficace per la famiglia. Sebbene sia importante pianificare e preparare le serate familiari, la costanza è un fattore vitale.

“È un processo, non un prodotto”, ha detto.

Quando la serata familiare diventa parte della routine della famiglia, i figli si aspetteranno di ricevere dei compiti e delle responsabilità e attenderanno con ansia di trascorrere del tempo insieme.

2. Essere uniti

“Satana cercherà di insinuarsi, perciò quello che facciamo è prepararci”, ha detto il fratello Schmidt.

Un modo per affrontare le distrazioni e le altre cose che sono di ostacolo è essere uniti. Quando marito e moglie sono uniti, entrambi i coniugi ricopriranno un ruolo attivo nella serata familiare.

Il fratello Schmidt ha condiviso idee su come dividere le responsabilità per portare a termine i compiti: un coniuge è responsabile della disciplina e l’altro manda avanti la serata familiare. Nelle famiglie in cui c’è un solo genitore, ai figli più grandi può essere chiesto di aiutare a dirigere.

3. Rendere la serata familiare ispirata e darle uno scopo

Le famiglie dovrebbero fare di tutto per tenere serate familiari costanti, significative e incentrate su Cristo.

La serata familiare è il luogo — oltre alla chiesa — in cui i figli possono imparare i principi del Vangelo. A volte gli argomenti da insegnare sono molto chiari, perché i genitori hanno alcuni principi che vogliono analizzare con i loro figli. Altre volte i genitori devono “prendere le cose migliori”, ha detto il fratello Schmidt. Quando la famiglia è preparata, lo Spirito può insegnare. In questi momenti il Signore ispirerà spesso i genitori a insegnare qualcosa su cui i loro figli potrebbero avere domande o su cui desiderano imparare di più. È quando i genitori si preparano con uno scopo che il Signore potrà preparare il cuore di chi deve imparare.

4. Programmare con anticipo

Parte di una serata familiare efficace è il programmarla con anticipo. Attraverso una pianificazione appropriata i genitori sono in grado di coinvolgere i loro figli e aiutarli a prepararsi.

Il fratello Schmidt ha parlato dell’importanza di assegnare un compito da svolgere a ogni membro della famiglia — a prescindere dall’età — ogni settimana. Quando i figli sono coinvolti, possono preparare le lezioni e imparare come cercare l’ispirazione. Assegnando ai figli cose da fare alcuni giorni prima della serata familiare, essi sono in grado di prepararle assieme ai loro genitori.

Un semplice schema di carta è un ottimo modo per assegnare compiti a rotazione e mantenere le cose organizzate.

5. Essere pastori, non pecorai

C’è una differenza tra un pastore e un pecoraio, ha detto il fratello Schmidt.

“Un pastore conosce le sue pecore e le pecore conoscono lui”, ha detto il fratello Schmidt. “Esse sentono la voce del pastore e si fidano di lui. Accorrono quando sentono che egli le chiama”.

Un pecoraio può urlare affinché le pecore lo seguano, ma fa molta fatica per farsi ascoltare. La vita familiare è molto impegnata, piena di attività — compiti di scuola, allenamenti di calcio, lezioni di pianoforte e pratica con lo strumento — quindi le famiglie vanno spesso di fretta. Un semplice avviso cinque o dieci minuti prima dell’inizio della serata familiare — invece di strillare in giro per casa — aiuta i figli a finire ciò che stanno facendo e a partecipare così pienamente alla serata familiare.

“Un avviso di cinque minuti mostra loro che rispetti i loro tempi”, ha detto. “È meno coercitivo e crea un’atmosfera che invita lo Spirito”.

6. Tutti devono avere un ruolo

Quando si assegna un compito a ogni familiare — anche ai figli più piccoli con l’aiuto dei genitori — la partecipazione viene facilitata. Quando si studiano le Scritture, fornisci una qualche forma di Scritture a ogni persona affinché tutti abbiano qualcosa da tenere in mano e da leggere.

“Per i figli piccoli vanno bene i libri con le storie evangeliche”, ha detto il fratello Schmidt. Quando tutti hanno qualcosa da leggere, si aspettano di partecipare e seguono con attenzione.

In questo caso, fare domande ispirate consente una discussione e un apprendimento più profondi. Quando i genitori sono preparati, sono in grado di seguire lo Spirito nel fare inviti che incoraggiano i loro figli ad agire. Tanto importante quanto gli inviti ispirati è dare un seguito alle discussioni e agli inviti stessi.

“Abbiate uno scopo in ciò che fate con il vostro tempo e con il vostro denaro”, ha detto il fratello Schmidt. A volte è una semplice conversazione a fare la differenza più grande.

La serata familiare può essere un momento in cui le famiglie fissano degli obiettivi insieme — cambiandoli e adattandoli man mano che ciascuno cresce — e un ottimo luogo per pensare ed essere responsabili delle proprie mete.

7. Istruire se stessi

Con così tante risorse disponibili ai membri della Chiesa oggi, i genitori hanno l’opportunità di consultarle per trarre idee per le loro lezioni, come pure per trovare risposte alle domande. I siti web come LDS.org, il materiale della Chiesa, tra cui l’opuscolo Per la forza della gioventù, e i Messaggi mormoni sono disponibili da usare mentre si insegna e per aiutare i genitori a istruire se stessi. Sono disponibili risorse relative ad argomenti trattati spesso che le famiglie possono discutere e analizzare, affrontando a volte domande difficili in un ambiente sicuro e incentrato sul Vangelo. I figli possono fare domande e imparare nella propria casa, piuttosto che imparare da fonti esterne.

8. Usare “la parola del Signore” costantemente

Oltre all’importanza di tenere la serata familiare, è altrettanto importante trascorrere del tempo a leggere le Scritture e a concentrarsi su Cristo. Il divertimento e i giochi sono buoni per le famiglie, ma insegnare ai figli nella loro gioventù a sviluppare un rapporto con il loro Padre Celeste è il dovere più importante di un genitore. Quando i genitori stabiliscono di studiare insieme le Scritture, sono in grado di insegnare e testimoniare mentre imparano insieme.

“I genitori conducono alla fonte di acqua più pura”, ha detto il fratello Schmidt.