Annunciati cambiamenti nell’età di ordinazione e per l’avanzamento dei giovani

Inserito da Camille West, Notizie della Chiesa di LDS.org

  • 14 Dicembre 2018

Nel 2019, i bambini completeranno la Primaria e i giovani passeranno da una classe o quorum a quelli successivi per gruppi di età. I giovani uomini degni potranno essere ordinati al corretto ufficio del sacerdozio a gennaio dell’anno in cui compiono dodici, quattordici e sedici anni. I giovani degni potranno beneficiare di una raccomandazione del tempio per usi specifici a partire dal mese di gennaio dell’anno in cui compiono dodici anni.

Punti salienti dell’articolo

  • I bambini e i giovani passeranno da una classe a quella successiva per gruppi di età, non il giorno del compleanno.
  • I giovani degni potranno beneficiare di una raccomandazione del tempio per usi specifici a partire dal mese di gennaio dell’anno in cui compiono dodici anni.
  • I giovani uomini potranno essere ordinati al corretto ufficio del sacerdozio a gennaio dell’anno in cui compiono dodici, quattordici e sedici anni.

Venerdì 14 dicembre, la Prima Presidenza ha annunciato il cambiamento delle tempistiche con cui i bambini e i giovani completano la Primaria, passano da una classe o quorum a quelli successivi e vanno al tempio per la prima volta, nonché quelle con cui i giovani uomini possono essere ordinati ai corretti uffici del sacerdozio. Questi cambiamenti saranno effettivi da gennaio 2019.

Questi annunci nascono dal desiderio di “rafforzare i nostri cari bambini e giovani grazie a una fede crescente in Gesù Cristo, a una comprensione più profonda del Suo vangelo e una maggiore unità con la Sua chiesa e i suoi membri”, come dichiarato in una lettera della Prima Presidenza.

A partire da gennaio 2019, i bambini completeranno la Primaria e inizieranno a frequentare la Scuola Domenicale e la classe delle Api o il quorum dei diaconi per gruppi di età, non più in base al giorno del loro dodicesimo compleanno come in passato.

Inoltre, i giovani uomini potranno essere ordinati al corretto ufficio del sacerdozio a gennaio dell’anno in cui compiono dodici, quattordici e sedici anni, e i giovani potranno beneficiare di una raccomandazione del tempio per usi specifici a partire dal mese di gennaio dell’anno in cui compiono dodici anni, in base alla “dignità personale, alla preparazione e alle circostanze personali”.

In base al materiale pubblicato dalla Chiesa, l’età per l’ordinazione dei giovani uomini agli uffici del sacerdozio non è “stabilita dottrinalmente” e, infatti, è variata nel corso della storia della Chiesa (vedere le domande frequenti).

In un post di Facebook pubblicato venerdì, il presidente Russell M. Nelson ha detto: “Sebbene queste modifiche portino ad alcuni cambiamenti organizzativi importanti, vi incoraggio a concentrarvi come prima cosa sui benefici spirituali.

I nostri giovani e i nostri bambini sono tra le persone migliori che il Signore abbia mai mandato in questo mondo. Hanno la capacità di essere più intelligenti, più saggi e di avere un impatto maggiore sul mondo di qualunque altra generazione precedente! Dobbiamo fare la nostra parte per aiutarli a rendersi conto del loro potenziale”.

“Il Salvatore sta guidando la Sua chiesa”, ha detto la sorella Bonnie H. Cordon, presidentessa generale delle Giovani Donne. “Egli sapeva che questo cambiamento stava per arrivare e lo ha ispirato per questo gruppo di undicenni, che sono pronti per nuovi compiti e per maggiori opportunità di servire. Egli conosce le capacità dei Suoi figli e delle Sue figlie. Abbiamo piena fiducia in loro. Quanto siamo grati per la possibilità di ricevere rivelazioni!”.

Progredire insieme

Attualmente, quando i bambini compiono 12 anni, iniziano a frequentare le Giovani Donne o i Giovani Uomini e tornano in Primaria per le lezioni oppure hanno l’opzione di partecipare alla classe della Scuola Domenicale dei giovani. Nel 2019, la classe della Primaria Valorosi 11 non esisterà più e, a gennaio, tutti gli undicenni frequenteranno insieme la Scuola Domenicale.

“Questo faciliterà la transizione alle classi, facendo passare i bambini alla classe successiva tutti insieme invece che uno alla volta nel corso dell’anno” ha detto la sorella Joy D. Jones, presidentessa generale della Primaria.

A partire da gennaio 2019, i giovani uomini degni potranno essere ordinati al corretto ufficio del sacerdozio a gennaio dell’anno in cui compiono dodici, quattordici e sedici anni.

Da gennaio 2019, i giovani potranno beneficiare di una raccomandazione del tempio per usi specifici a partire dal mese di gennaio dell’anno in cui compiono dodici anni, in base alla “dignità personale, alla preparazione e alle circostanze personali”.

Il fratello Stephen W. Owen, presidente generale dei Giovani Uomini, ha detto che uno dei benefici di far progredire i bambini e i giovani come gruppo è che “c’è il fattore unità e l’amicizia. Progrediscono insieme. Questo cambiamento aiuta nel processo di conversione. Crea un senso di appartenenza”. Tuttavia, il cambiamento non ha come scopo l’amicizia, ha detto, sebbene aumenterà i sentimenti di fratellanza nei quorum. “Lo scopo è la conversione al vangelo di Gesù Cristo”, ha affermato. “I giovani fanno parte del battaglione, come ha insegnato il presidente Nelson; nessuno deve sentirsi solo. Siamo tutti insieme”.

Il cambiamento significa anche che i diaconi e le Api non dovranno attendere fino al loro dodicesimo compleanno per partecipare ai campeggi. Inoltre, sebbene per uscire da soli in coppia bisogna aspettare comunque di avere sedici anni, le Damigelle e gli insegnanti non dovranno più aspettare di avere quattordici anni per partecipare ai balli e alle conferenze della gioventù e per accettare incarichi di ministero.

Il fratello Owen desidera che i giovani uomini sappiano quanto sarà meraviglioso questo cambiamento. “Avete amici”, ha detto. “Non avete bisogno di aspettare. Avanzate insieme. Questo cambiamento è in linea con ciò che avviene a scuola e in altri ambiti della vostra vita”.

La sorella Cordon ha detto che un beneficio del progredire per gruppo d’età è che una presidenza di classe può servire senza che la perdita di un componente, dovuta al passaggio alla classe successiva al momento del suo compleanno, causi alcuna interruzione. Invece, le presidenze “dedicheranno tempo a conoscere le giovani donne e a pianificare attività che benediranno loro e le loro famiglie”. Sarà una benedizione anche per le dirigenti, ha detto. “Questo è motivo di gioia. Non perderemo continuamente membri della presidenza. Sappiamo che avremo giovani donne in ciascun gruppo d’età per gli stessi due anni. Avremo continuità e unità”.

Servizio reso nel tempio

“Sono particolarmente emozionata per il fatto che questi cambiamenti renderanno possibile il coinvolgimento dei bambini più piccoli nel lavoro di tempio”, ha detto la sorella Jones. “Di solito contano i giorni che precedono il compimento dei dodici anni per ricevere una raccomandazione per usi specifici e svolgere le ordinanze nel tempio”.

L’annuncio è “un’altra dimostrazione di fiducia nei confronti di questi giovani straordinari”, ha detto la sorella Cordon. “Questi giovani hanno un’opera potente da svolgere nel tempio, un’opera che può avere inizio non appena passano alle Giovani Donne e ai Giovani Uomini!

Spero che i genitori preoccupati si rendano conto di quanto siano veramente preparati i loro figli”, ha detto la sorella Jones. “Sono pronti! Questo consentirà a un’intera classe della Primaria di bambini che hanno imparato e che si sono preparati insieme di continuare la loro crescita e il loro progresso alle Giovani Donne e ai Giovani Uomini”.

L’annuncio consente anche un po’ di flessibilità dovuta alle circostanze personali, lasciando che i genitori e i vescovi si consultino per decidere ciò che è nel migliore interesse di ciascun bambino o giovane, e alcune aree della Chiesa possono scegliere di adottare a livello locale la data di transizione che usano attualmente, invece che gennaio.

A partire da gennaio 2019, i bambini completeranno la Primaria e inizieranno a frequentare la Scuola Domenicale e la classe delle Api o il quorum dei diaconi per gruppi di età, non più in base al giorno del loro dodicesimo compleanno come in passato.