Un apostolo visita un piccolo ramo remoto in Marocco

  Gerry Avant, direttore della rivista Church News

  • 7 dicembre 2012

I membri del ramo di Rabat, Marocco ascoltano durante una serata familiare speciale con l’anziano Holland.  Foto di James Dalrymple.

“Non siete stati dimenticati e siete parte di un’opera meravigliosa che sta avendo luogo mentre il Signore riconosce il Suo popolo e affretta il raduno d’Israele in questa grande, ultima dispensazione”. — Anziano Jeffrey R. Holland del Quorum dei Dodici Apostoli

Al ritorno da una storica visita in Sierra Leone nell’Africa occidentale, l’anziano Jeffrey R. Holland ha fatto una visita speciale a un piccolo e remoto ramo della Chiesa a Rabat, Marocco, il 2 e il 3 dicembre.

A uno speciale devozionale serale tenuto domenica 2 dicembre, con tutti i 24 membri attuali del ramo, più altri visitatori, l’anziano Holland ha condiviso il suo affetto per il gruppo spiegando che una tale visita a sorpresa sottolineava l’amore che la Prima Presidenza e il Quorum dei Dodici Apostoli hanno per ciascun membro della Chiesa in tutto il mondo, indipendentemente da quanto pochi di numero o distanti possano essere.

“Il Signore vi conosce e vi ama”, ha detto l’anziano Holland. “Non siete stati dimenticati e siete parte di un’opera meravigliosa che sta avendo luogo mentre il Signore riconosce il Suo popolo e affretta il raduno d’Israele in questa grande, ultima dispensazione”.

Rabat è la capitale e la terza città più grande del regno del Marocco, con una popolazione di circa 650.000 persone. La città si affaccia sull’Oceano Atlantico, vicino alla punta dell’Africa settentrionale, non lontano da Gibilterra.

Nel 1146, i governatori della città usarono Rabat come rampa di lancio per gli attacchi alla Spagna. Rabat significa letteralmente “luogo fortificato”. I francesi invasero il Marocco nel 1912 e stabilirono un protettorato. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, gli Stati Uniti stanziarono delle milizie a Rabat. Quando il Marocco ottenne l’indipendenza dalla Francia nel 1956, il re Mohammed V chiese agli Stati Uniti di ritirare le sue milizie. Rabat è il luogo in cui si trovano tutte le ambasciate presenti in Marocco.

Il 18 settembre 2011, l’anziano Bruce D. Porter dei Settanta, ha organizzato il ramo di Rabat. Il ramo si riunisce nelle case dei membri, la maggior parte dei quali sono cittadini americani impiegati presso l’ambasciata americana. Tuttavia, il presidente del ramo di Rabat, Rodney D. Erickson, ha detto che il ramo è un crogiolo di esperienze internazionali, dato che molti membri provengono da vari paesi africani, inclusi la Repubblica del Congo, la Costa d’Avorio e il Kenya. Una famiglia del ramo si è trasferita di recente da Rabat alla Cina, mentre un’altra famiglia è appena arrivata dall’Indonesia.

Una visitatrice residente in Germania, che due anni fa era stata a una conferenza tenuta dall’anziano Holland in Bahrein, si trovava a Rabat per affari per conto del Dipartimento di Stato americano e ha partecipato al devozionale. “Credo che soltanto nella grande, immensa e meravigliosa Chiesa puoi seguire gli spostamenti di un apostolo e di sua moglie in Europa, nel Medio Oriente e nell’Africa settentrionale e, nel fare ciò, godere di un tale spirito”, ha detto.