Il vescovo Burton parla del ruolo dei membri della Chiesa negli interventi per i disastri

  Melissa Merrill, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 2011-09-13
 

“Se siamo buoni discepoli di Gesù Cristo, faremo ciò che Egli vorrebbe che facessimo se fosse qui, cioè tendere la mano, amare e aiutare… il nostro prossimo”.—Vescovo H. David Burton, vescovo presiedente della Chiesa

I titoli sono familiari. Terremoti. Tsunami. Alluvioni. Uragani. Incendi. Tornado. Eruzioni vulcaniche. (Leggi riguardo all’impegno umanitario della Chiesa durante i recenti disastri).

I profeti di tutte le epoche e persino il Salvatore stesso ci hanno messi in guardia in merito alle difficoltà degli ultimi giorni (vedi, per esempio, Matteo 24, Mormon 8, DeA 45 e Joseph Smith—Matteo 1).

Quindi in che modo i santi che vivono in questi tempi devono agire quando essi stessi o i loro vicini affrontano simili calamità? Il vescovo H. David Burton, vescovo presiedente della Chiesa, ha offerto consigli—sia riguardo alle reazioni in tempi di disastro che riguardo al trovare uno scopo nella devastazione.

“Prima che venissimo qui, ci è stato detto che [la vita sulla terra] non sarebbe stata facile—che avremmo affrontato avversità, problemi ed esperienze”, ha detto il vescovo Burton in un’intervista con Notizie ed eventi della Chiesa. “Penso che riprendersi dai disastri naturali faccia parte di quella esperienza di vita. Come gestiamo noi stessi quando le avversità ci colpiscono? Parte di quel grande processo di apprendimento è pensare alla natura eterna della vita”.

La risposta ai disastri

Il vescovo Burton ha spiegato che il comitato generale del programma di benessere della Chiesa—che consiste della Prima Presidenza, del Quorum dei Dodici Apostoli, del vescovato presidente e della presidenza generale della Società di Soccorso—detiene la responsabilità dei soccorsi per i disastri al livello generale della Chiesa. Il gruppo si riunisce spesso per esaminare le questioni e per cercare ispirazioni per fornire risorse nel miglior modo possibile per i dirigenti del sacerdozio locali.

“Mi piace pensare che mentre distribuiamo le risorse della Chiesa, noi—per ispirazione—li mettiamo strategicamente nei posti dove possono essere maggiormente disponibili e dove possono arrecare il massimo beneficio ai dirigenti locali del sacerdozio”, ha detto.

Ed è lì—a livello locale—che la “prima linea di difesa” viene fornita nei soccorsi per i disastri.

“Quando parliamo della ‘Chiesa’ che offre aiuto in tempo di disastri, in realtà parliamo delle persone [della Chiesa]—i vostri amici e vicini del rione vicino”, ha detto. “Quando i disastri sono più grandi, la risposta potrebbe includere i pali o persino le aree della Chiesa.

“La nostra strategia è sempre stata quella in base alla quale i dirigenti del sacerdozio locali provano a soddisfare le necessità al livello locale con qualsiasi supporto possono richiedere alle istituzioni della Chiesa”, ha continuato il vescovo. Questo può includere cose come i prodotti per l’igiene personale o per la pulizia, che la Chiesa raccoglie e conserva per le occasioni nelle quali le persone sono state sfollate dalla propria casa.

Il vescovo Burton ha detto che le chiavi del sacerdozio giocano un ruolo significativo nell’esecuzione dei soccorsi.

“Le chiavi del sacerdozio danno [ai dirigenti del sacerdozio locali] il diritto all’ispirazione mentre dirigono gli affari relativi all’assistere i propri fedeli… Sì, oggi abbiamo l’ausilio della tecnologia moderna, [ma] sappiamo tutti che a volte durante i disastri questi strumenti non sono disponibili o non possiamo contarci troppo. I nostri vescovi, i presidenti di ramo e gli altri dirigenti sono ispirati dal nostro Padre Celeste per dare direttive come richiesto a livello locale”, ha detto il vescovo Burton.

Un esempio di ciò è avvenuto nel periodo immediatamente successivo al tornado che ha colpito Joplin, nel Missouri, USA il 22 maggio.

Il mattino successivo al tornado, il vescovo Chris Hoffman del Primo rione di Joplin ha incontrato diversi altri fratelli del rione in un punto centrale della città per iniziare a controllare e valutare. Ma essi non erano sicuri di dove cominciare o di chi visitare prima. Visto che le linee di comunicazione erano interrotte, il gruppo ha iniziato a pregare. “Le risposte sono giunte”, ha detto il vescovo Hoffman. “Lo hanno sempre fatto. e lo faranno sempre”.

In un’altra occasione, un vescovo giapponese la cui congregazione era al centro del terremoto di Sendai non era sicuro di come controllare i membri del rione. Il gas non era facilmente disponibile e le strade erano congestionate. Tuttavia questo vescovo “ha preso una moto e si è dato da fare per visitare e trovare ogni membro del suo gregge”, ha detto il vescovo Burton.

Trovare uno scopo nel disastro

Quello stesso dirigente del sacerdozio, ha detto il vescovo Burton, è stato un valido strumento nell’incoraggiare i membri del suo rione ad aiutarsi a vicenda. Di conseguenza, i fedeli del rione si sono avvicinati molto di più di quanto non lo fossero prima del terremoto.

“Non vi è alcun dubbio che dalle avversità scaturiscano grandi benefici”, ha detto il vescovo Burton. “Uno dei benefici che ho notato nel corso degli anni è che l’avversità unisce le persone—unisce i rioni, unisce i pali e unisce le comunità in un modo in cui forse nient’altro può.

“Ora, vi prego di non fraintendermi. Non sto dicendo che dovremmo subire disastri per poter essere uniti. Sto dicendo, invece, che dalle avversità scaturisce un sentimento particolare quando ci volgiamo agli altri e comprendiamo di essere tutti fratelli e sorelle. Quel processo di unione è un meraviglioso ‘beneficio collaterale’”.

Questo era il caso dei membri della Chiesa e della comunità del Nord Dakota, USA, che sono stati colpiti da una grave alluvione nel giugno del 2011.

“È solo lo spirito del ‘posso farlo’”, ha detto Janelle Williams del Primo rione di Minot, una delle due unità delle zone colpite. “In ogni angolo persone con camion e rimorchi [stavano] semplicemente offrendosi volontarie e dando una mano”.

Il vescovo Burton ha citato anche le persone delle regioni montane dell’Ovest degli Stati Uniti che si sono riunite per proteggere a vicenda la propria casa e i campi dall’alluvione avvenuta durante l’estate del 2011. Egli ha inoltre commentato il comportamento delle persone delle Filippine, dove “i numerosi disastri”, causati da tifoni, terremoti e vulcani, spesso “sembrano affliggere le comunità”.

“Quei meravigliosi Filippini sopravvivono perché hanno imparato che possono aiutarsi a vicenda, e comprendono il beneficio derivante dall’unità con gli altri per estendere il proprio aiuto mentre si adoperano per riprendersi dai disastri”, ha detto il vescovo Burton.

Ma le persone colpite direttamente dai disastri non sono le uniche ad essere benedette dall’opportunità di aiutare. Il vescovo Burton ha ricevuto rapporti dei rioni di tutto il Giappone che, già “quando le notizie erano appena andate in onda” sul terremoto a Sendai, hanno cominciato a chiedersi cosa potevano fare per assistere le persone del luogo.

“I vescovi hanno raccontato del sentimento spirituale derivante dai soccorsi e di ciò che quello spirito ha fatto nell’influenzare la vita sia di coloro che donavano che di quelli che ricevevano il loro servizio”, ha detto il vescovo Burton.

Cose simili sono successe in Perù a seguito del terremoto del 2007. Il vescovo Burton ha raccontato che i quorum e le Società di Soccorso di tutte le regioni si sono offerti volontari per aiutare gli altri a ricostruire la propria casa.

“C’è un forte legame di amicizia che si crea [quando] alle persone che non si conoscono [spuntano] i calli sulle mani per aver scavato fondamenta e aver fatto tutto il necessario per aiutare altre persone a riprendersi”, ha detto il vescovo Burton.

Egli ha sottolineato che membri della Chiesa ordinari e tipici possono rispondere ai disastri che accadono nella propria zona “in una miriade di modi”.

“Certamente, la prima cosa che viene in mente è un po’ di muscoli”, ha detto il vescovo Burton. “Virtualmente, i muscoli sono l’ingrediente necessario per tutti i disastri. Bisogna pulire le cose. Bisogna aiutare la gente. Bisogna riparare i tetti. Ci sono una miriade di cose che sono importanti. I fedeli possono rispondere davvero con maggiore prontezza in quest’opera di volontariato quando rispondono ai propri dirigenti del sacerdozio in modo organizzato”.

È soprattutto necessario anche solo ascoltare coloro che hanno vissuto situazioni traumatiche. “Una delle cose che abbiamo imparato… è quanto sia importante per le persone che hanno virtualmente perso tutto, avere qualcuno con cui parlare e a cui raccontare ciò che hanno in testa. Ciò richiede pazienza e longanimità, ma abbiamo imparato che è un ingrediente importante nel processo di guarigione”.

Coloro che vivono in regioni nelle quali non possono essere chiamati per offrire lavoro fisico o che magari non possono essere fisicamente presenti, possono aiutare fornendo altre risorse. Le donazioni al Fondo umanitario della Chiesa (che possono essere effettuate utilizzando i classici moduli per le donazioni) arrivano “molto lontano”, ha detto il vescovo Burton. “Abbiamo l’opportunità di usare il denaro che abbiamo in più—un dollaro qui, cinque dollari là—e quando milioni di Santi fanno la stessa cosa, si crea una bella cifra. Ciò dà alla Chiesa le risorse per rispondere ai disastri e alle altre necessità umanitarie”.

“I disastri sono probabilmente più importanti per la salvezza di coloro che danno piuttosto di coloro che ricevono”, ha continuato. “Se siamo buoni discepoli di Gesù Cristo, faremo ciò che Egli vorrebbe che facessimo se fosse qui, cioè tendere la mano, amare, aiutare e rispettare il nostro prossimo”.

Il vescovo Burton prova apprezzamento e gratitudine per i molti Santi degli Ultimi Giorni che sono fedeli seguaci dell’esempio del Salvatore nel tendere la mano ai propri fratelli e sorelle.

“Esprimo apprezzamento alle molte milioni di persone in tutto il mondo che rendono possibile alla Chiesa di essere pronta ad agire in questo sforzo umanitario che stiamo compiendo, non solo per la propria generosità in termini di fondi, ma per la propria generosità in termini di tempo e interesse. Esprimo apprezzamento dal profondo del mio cuore per coloro che sono imbarcati nell’opera del Padre Celeste—prendersi cura l’uno dell’altro”.