Cambiamenti al campeggio delle Giovani Donne spiegati in dettaglio nella nuova guida

Inserito da Marianne Holman Prescott, redazione di Church News

  • 1 Marzo 2018

La presidenza generale delle Giovani Donne: la sorella Bonnie L. Oscarson, al centro; la sorella Carol F. McConkie, a destra; e la sorella Neill F. Marriott, a sinistra, insieme in piedi mentre tengono in mano una copia della nuova Guida al campeggio delle Giovani Donne.  Fotografia di Marianne Holman Prescott.

Punti salienti dell’articolo

  • Nessun certificato e un’enfasi sulle dirigenti giovani sono alcuni dei cambiamenti che appariranno nella nuova Guida al campeggio delle Giovani Donne che verrà pubblicata questa primavera.

I cambiamenti al programma del campeggio delle Giovani Donne, inclusi in un nuovo manuale per il campeggio che sarà pubblicato nei prossimi mesi, comprendono l’eliminazione dei certificati e l’enfasi posta sulle dirigenti giovani.

Intesa per essere “applicabile a livello globale” per le giovani donne che vivono in tutte le aree del mondo, la nuova Guida al campeggio delle Giovani Donne sarà presto disponibile in versione cartacea come risorsa per le presidenze delle Giovani Donne, per le specialiste del campeggio e per le dirigenti giovani del campeggio. La versione in formato PDF è già disponibile in inglese online e nell’applicazione Biblioteca evangelica per dispositivi mobili nelle sezioni dirigenti e giovani.

I membri di tutto il mondo del comitato generale delle Giovani Donne hanno dato il proprio contributo alla nuova guida. Questa guida sostituisce il vecchio manuale del campeggio, che è stato “una risorsa importante e preziosa” per molti anni ma che non è più applicabile in una Chiesa mondiale com’è quella di oggi, hanno detto i membri della presidenza generale delle Giovani Donne.

“Ciò che speriamo sia uno dei maggiori cambiamenti che nascerà dall’utilizzo della Guida al campeggio delle Giovani Donne è il coinvolgimento delle dirigenti giovani del campeggio”, ha dichiarato a Church News la sorella Bonnie L. Oscarson, presidentessa generale delle Giovani Donne. “Vogliamo che abbiamo un ruolo fondamentale sia nel determinare ciò che deve accadere al campeggio sia nel gestire le attività”.

Benché non sia stata fissata una data specifica di pubblicazione, alla fine la nuova guida sarà disponibile in 23 lingue tramite i Centri distribuzione della Chiesa e online in versione digitale.

La nuova Guida al campeggio delle Giovani Donne illustra i cambiamenti nel pianificare un campeggio.

“Si basa sui principi di dirigenza descritti nel Manuale 2, che sono: prepararsi spiritualmente; partecipare ai consigli; ministrare agli altri e insegnare il Vangelo”, ha detto la sorella Carol F. McConkie, prima consigliera della presidenza generale delle Giovani Donne.

Lo scopo della nuova guida — hanno spiegato le dirigenti — è quello di aiutare i dirigenti locali a perseguire e a ricevere ispirazione su ciò che è maggiormente necessario nella loro area.

“Nella prima pagina, sotto l’introduzione, scoprirete che uno degli obiettivi del campeggio è dare alle giovani donne il luogo di cui hanno bisogno per ‘potersi riunire, dove potersi allontanare dalle influenze del mondo, dove poter sentire lo Spirito del Signore, dove poter crescere in unità e amore e dove poter rafforzare la propria fede e la propria testimonianza del Padre Celeste e di Gesù Cristo’”, ha affermato la sorella Oscarson.

La sorella Neill F. Marriott, seconda consigliera della presidenza generale delle Giovani Donne, ha aggiunto: “Poiché si basa sui principi, la nuova guida permette alle dirigenti giovani del campeggio di avere lo spazio necessario per ricevere rivelazione personale in merito al campeggio di cui sono responsabili. Non viene semplicemente detto loro cosa fare. Mettono in pratica il principio di dirigenza del riunirsi in consiglio e imparano a cercare la guida dallo Spirito al fine di soddisfare le loro necessità. Queste abilità benediranno, negli anni a venire, le giovani donne, le loro famiglie e la Chiesa”.

La sorella Oscarson ha raccontato di come si sia spesso chiesta, nel visitare tante città in giro per il mondo che “si estendono per chilometri e chilometri senza alcun parco o zone verdi: “Dove troveranno un luogo per allontanarsi dal mondo?”.

“L’idea generale alla base del campeggio è quella di offrire un’esperienza divertente che si distingua da quelle della vita di tutti i giorni, e l’ideale sarebbe in mezzo alla natura”, ha detto la sorella Oscarson. “Questo è un campeggio tradizionale, ma luoghi di questo tipo non sono disponibili in ogni parte del mondo”.

Per alcune ragazze il campeggio potrebbe essere organizzato in montagna o sulla spiaggia, per altre nella sala polifunzionale di un edificio della Chiesa, per altre ancora nel giardino di un membro o di un dirigente della Chiesa. A prescindere dal posto in cui si svolge il campeggio, la nuova risorsa si applicherà a tutte le circostanze.

Il libretto — di circa 40 pagine e le cui dimensioni sono poco meno di 13 centimetri per 18 centimetri — contiene passi scritturali, illustra i principi per le dirigenti del campeggio, offre un ausilio per programmare il campeggio, promuove la valutazione ed elenca una serie di suggerimenti per le attività del campeggio che sono collegate a risorse online.

“Penso che questo sia un nuovo modo di vedere il campeggio”, ha detto la sorella Marriott. “Inoltre, tramite questa guida, estendiamo l’invito a valutare le tradizioni che da tempo vengono messe in atto nei campeggi, soprattutto quelle che potrebbero non contribuire al raggiungimento degli obiettivi del campeggio stesso o che potrebbero implicare scherzi o atti scortesi compromettendo lo spirito di verità e di amore del campeggio”.

Alcuni dei cambiamenti più notevoli — hanno detto le dirigenti — riguardano il fatto che la nuova guida non prevede alcun certificato e che non ne verrà data una copia a ogni giovane. Soltanto le dirigenti, adulte e giovani, avranno una copia della guida.

“I requisiti per ottenere un certificato acquisendo abilità specificatamente assegnate sono stati eliminati, ma speriamo che nel valutare le esigenze e nel cercare l’ispirazione, le dirigenti del campeggio, sia adulte che giovani, sapranno riconoscere che è ancora importante che le ragazze imparino queste abilità”, ha affermato la sorella Oscarson. “Il campeggio offre un’ottima opportunità per sviluppare tecniche di sopravvivenza all’aperto, autosufficienza, preparazione per le emergenze, primo soccorso e cura e protezione dell’ambiente. Speriamo che queste abilità continuino a far parte del campeggio”.

Piuttosto che un elenco di argomenti da trattare, la nuova guida offre suggerimenti per le attività — tra cui molte attività riprese dal vecchio manuale — che si concentrano su iniziative spirituali, sociali, fisiche e intellettuali. Le dirigenti giovani devono essere coinvolte in ogni aspetto del campeggio, collaborando con le dirigenti adulte per decidere cosa sia importante per il loro gruppo.

La presidenza ha incoraggiato le dirigenti a evitare esperienze che facciano affidamento sulle emozioni e che provino a imporre un’esperienza spirituale tramite situazioni drammatiche.

“A volte le giovani donne, soprattutto quelle che stanno imparando da poco a rispondere allo Spirito, potrebbero pensare: ‘Tutti stanno piangendo, perché io no? Allora non sto sentendo lo Spirito’”, ha spiegato la sorella Oscarson. “Le persone possono sentire lo Spirito che opera nella loro vita e ognuno reagisce in maniera diversa. Rimanete fedeli alle Scritture, alle dottrine fondamentali di Cristo e del Vangelo, e scegliete attività appropriate che invitino lo Spirito ma che non cerchino di manipolare le emozioni”.

La sorella McConkie ha aggiunto che la nuova guida pone un’enfasi sulla sicurezza. “Sicurezza sotto ogni aspetto: spirituale, morale, emotivo e fisico. Vogliamo che le giovani donne si sentano al sicuro e protette a prescindere dal luogo in cui si possa tenere il campeggio”.

Fondamentale nel pianificare un campeggio è “prendere in considerazione le necessità delle ragazze che parteciperanno”, ha detto. “Possiamo organizzarci per far fronte alle esigenze di ragazze con disabilità, con allergie o circostanze speciali, cosicché tutte si possano sentire incluse”.

La cosa più importante — ha affermato la presidenza — è che le dirigenti “mantengano le cose semplici” e consentano alle giovani donne di contribuire a pianificare e a mettere in atto i dettagli. Le sorelle della presidenza incoraggiano i dirigenti a “ridurre e a semplificare” le attività, le decorazioni e, persino, il cibo.

Le “dirigenti giovani del campeggio devono avere la responsabilità principale di programmare, di dirigere e di valutare il campeggio”, si legge nella guida. “Si consigliano con la presidenza delle Giovani Donne, con i dirigenti del campeggio di rione e di palo e con i dirigenti del sacerdozio”.

Astenersi dall’occuparsi di ogni dettaglio della programmazione permettendo alle giovani di ricoprire un ruolo maggiore richiederà “molta fede e molta umiltà da parte delle nostre dirigenti”, ha detto la sorella Oscarson. Ha anche incoraggiato le giovani donne a fare in modo che il campeggio sia una priorità tra i loro innumerevoli impegni.

La sorella Marriott ha aggiunto: “Vogliamo che sia chiaro che questo non è un manuale; è una guida. Non contiene una lista di specifiche che devono concretizzarsi per avere un campeggio perfetto. Questa nuova guida pone l’enfasi sulle dirigenti giovani del campeggio. Non sono semplicemente coinvolte; sono loro effettivamente a dover dirigere e programmare”.

Benché la nuova guida offra dei suggerimenti, si tratta proprio di questo: sono linee guida.

“Alla fine, vogliamo vedere le giovani donne lasciare il campeggio avendo avuto un’esperienza gioiosa e portando con sé una testimonianza più profonda e una maggiore fede nel Salvatore e nel loro Padre Celeste. Ci auguriamo che se ne vadano avendo compreso meglio chi sono e come sono legate a questo pianeta meraviglioso che è stato creato per loro. Vogliamo che il campeggio sia qualcosa che le elevi veramente”.

Nelle settimane a venire, ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito delle Giovani Donne youngwomen.lds.org e anche nell’applicazione della Biblioteca evangelica.

La nuova Guida al campeggio delle Giovani Donne illustra i cambiamenti nel pianificare un campeggio.