La Chiesa offre nuove opportunità ai giovani e ai bambini di prepararsi per il tempio e di essere partecipi.

Inserito da Camille West, Notizie della Chiesa, LDS.org

  • 14 Dicembre 2017

I cambiamenti nelle linee di condotta recentemente annunciati permettono ai giovani e ai bambini della Chiesa di essere “ansiosamente impegnati” in modi nuovi nel lavoro di tempio.

Punti salienti dell’articolo

  • Ai giovani possono essere assegnati ulteriori compiti nel battistero del tempio.
  • L’anteprima al sacerdozio diventerà una Riunione di preparazione per il tempio e al sacerdozio per tutti gli undicenni.

“Questi cambiamenti consentiranno una maggiore preparazione e partecipazione alla grande opera di salvezza per i defunti” — Anziano Quentin L. Cook del Quorum dei Dodici Apostoli

La Prima Presidenza ha annunciato dei cambiamenti nelle linee di condotta riguardanti il tempio che offrono ai giovani uomini e alle giovani donne della Chiesa ulteriori opportunità di svolgere il lavoro di tempio e che aiutano i bambini della Primaria a prepararsi meglio a servire nel tempio.

Una lettera datata 14 dicembre descrive i seguenti cambiamenti nelle linee di condotta che avranno effetto dall’1 gennaio 2018:

  • Sotto la direzione della presidenza del tempio, si potrà chiedere alle giovani donne di prendere parte agli incarichi attualmente svolti nel battistero del tempio da sorelle che servono come lavoranti del tempio o volontarie.
  • Sotto la direzione della presidenza del tempio, si potrà chiedere a tutti i sacerdoti ordinati di officiare nei battesimi per i morti, compreso celebrare i battesimi e servire come testimoni.
  • La riunione della Primaria dell’anteprima al sacerdozio diventerà una riunione combinata di preparazione al tempio e al sacerdozio per le bambine e i bambini di undici anni e i loro genitori.

Secondo l’anziano Quentin L. Cook del Quorum dei Dodici Apostoli e presidente del Comitato esecutivo per il lavoro di tempio e la storia familiare, questi cambiamenti saranno una grande benedizione per le giovani donne, i giovani uomini e i bambini della Chiesa. “Con i magnifici progressi nella tecnologia, la generazione emergente ha risposto spiritualmente alle opportunità e alle sfide che essa presenta”, ha detto. “Questi cambiamenti permetteranno una maggiore preparazione e partecipazione alla grande opera di salvezza per i defunti”.

Ulteriori opportunità per i giovani nel tempio

In base alle necessità di un tempio in particolare, le presidenze dei templi avranno la possibilità di chiedere alle giovani donne dai 12 ai 18 anni e ai sacerdoti ordinati in possesso di una raccomandazione per il tempio per usi specifici, di servire nel tempio in modi aggiuntivi.

In base alle necessità di un tempio in particolare, le presidenze dei templi avranno la possibilità di chiedere alle giovani donne dai 12 ai 18 anni e ai sacerdoti ordinati in possesso di una raccomandazione per il tempio per usi specifici, di servire nel tempio in modi aggiuntivi.

“I nostri giovani hanno accettato in modi straordinari l’invito di essere coinvolti nella storia familiare e nel lavoro di tempio”, ha detto la sorella Bonnie L. Oscarson, presidentessa generale delle Giovani Donne. “Queste ulteriori opportunità di servire nel tempio aggiungeranno significato alla loro esperienza mentre celebrano i battesimi per i loro antenati. Sono davvero emozionata per il fatto che potranno essere coinvolti in quest’opera in modi ulteriori”.

Uno di questi modi sarà che le giovani donne assumeranno un ruolo maggiore nello svolgere le funzioni nei battisteri dei templi. Alle giovani donne si potrà chiedere, ad esempio, di registrare le ordinanze del battesimo e della confermazione, di accogliere le persone nel battistero, di consegnare i vestiti battesimali e di assegnare gli armadietti.

“Il servizio e i talenti delle giovani donne della Chiesa sono necessari per contribuire a edificare il regno di Dio sulla terra, e questa è una maniera aggiuntiva in cui possono contribuire a far avanzare l’opera”, ha affermato la sorella Oscarson.

Con il permesso dei dirigenti del sacerdozio locali, i giovani uomini che sono stati ordinati sacerdoti sono autorizzati a celebrare i battesimi per i vivi nelle case di riunione e in altri luoghi appropriati. Il cambiamento nelle linee di condotta indica che essi potranno anche battezzare o servire come testimoni dei battesimi nel tempio, adempiendo le istruzioni scritturali secondo cui il “dovere del sacerdote è di […] battezzare” (DeA 20:46).

“Ogni giovane uomo che starà nel tempio a officiare nelle sacre ordinanze del battesimo per i morti otterrà una maggiore comprensione di che cos’è il servizio sacerdotale e di come esso benedice tutti i figli di Dio”, ha detto il fratello Stephen W. Owen, presidente generale dei Giovani Uomini. “Immaginate come servire nel tempio li aiuterà — e li rafforzerà — mentre si preparano per il futuro servizio come missionari a tempo pieno.

È meraviglioso pensare che molti dei nostri giovani sacerdoti riceveranno l’opportunità di amministrare l’ordinanza del battesimo”, ha aggiunto il vescovo presiedente Gérald Caussé. “Mentre i nostri giovani uomini faranno onore ai loro doveri nel Sacerdozio di Aaronne, saranno meglio in grado di riconoscere e onorare la sacra autorità che detengono. Nel prendere parte alla grande opera di salvezza delle anime, la loro fede e il loro amore per il Vangelo aumenteranno ed essi si prepareranno per il giorno in cui riceveranno ed eserciteranno il sacerdozio maggiore e svolgeranno una missione”.

L’anziano Cook ha aggiunto: “Siamo certi che i nostri giovani saranno all’altezza di questa sfida, che diventeranno più simili a Cristo nella loro vita e che riceveranno le benedizioni eterne che giungono a coloro che lavorano nella vigna in favore dei loro antenati defunti. Preghiamo che questo sia uno sforzo individuale, di famiglia e di rione in modo che ogni giovane, inclusi coloro che non sono in grado di individuare i propri antenati, possano essere benedetti dal celebrare queste sacre ordinanze”.

Riunione di preparazione al tempio e al sacerdozio per i bambini della Primaria

L’anteprima al sacerdozio si è sempre tenuta per tradizione una volta all’anno per i bambini di undici anni e per i loro genitori, per poterli introdurre e preparare al sacerdozio.

L’anziano Cook ha detto che lui e altri dirigenti sono grati che a partire dall’anno prossimo, i bambini e le bambine di undici anni riceveranno una guida alla riunione annuale di preparazione al tempio e al sacerdozio che riguarderà il servizio reso nel tempio, il servizio sacerdotale e lo stringere e l’osservare sacre alleanze. La riunione sarà programmata con le presidenze locali della Primaria, sotto la direzione del vescovo o del presidente di ramo. Le presidenze dei Giovani Uomini e delle Giovani Donne e le presidenze dei quorum dei diaconi e delle classi delle Api potranno essere invitate a partecipare.

La sorella Joy D. Jones, presidentessa generale della Primaria, ha detto: “Siamo molto emozionati per questo cambiamento nella preparazione per il tempio e per il sacerdozio in modo che i bambini e le bambine di undici anni possano essere istruiti per comprendere il sacerdozio, le benedizioni del servizio reso nel tempio e l’importanza di stringere e osservare le sacre alleanze. Preghiamo che questi figli dell’alleanza si concentrino sul tempio e si preparino sin dalla giovane età”.

“Includere le bambine nella nuova Riunione di preparazione per il tempio e al sacerdozio è meraviglioso”, ha detto la sorella Oscarson. “Aiuterà le nostre bambine e le giovani donne a vedere sin da un’età ancor più giovane quanto hanno da offrire e quanto sono importanti per l’opera della Chiesa. Sono emozionata perché tutti i nostri giovani adesso comprenderanno meglio le loro alleanze e le tante benedizioni che giungeranno loro grazie alla partecipazione all’opera diretta dal sacerdozio”.

“Come per l’anteprima al sacerdozio prima, la nuova riunione di preparazione al tempio e al sacerdozio offrirà un’opportunità importante per aiutare i bambini a comprendere il sacerdozio e a rafforzare il loro impegno a prepararsi a riceverlo”, ha detto il fratello Owen. Oggi, come in qualsiasi altro periodo della storia della Chiesa, abbiamo bisogno di diaconi che siano pronti e ansiosi di imparare e di adempiere i loro doveri nel sacerdozio. La nostra speranza è che le riunioni di preparazione per il tempio e al sacerdozio rappresentino una tappa per un continuo apprendimento nelle loro riunioni settimanali di quorum”.

Per avere ulteriori informazioni sulla Preparazione per il tempio e per il sacerdozio vedere PrimariaItalia.lds.org e la versione online del Manuale 2 – L’amministrazione della Chiesa (2010), 11:5.5.