L’anziano Andersen consiglia ai pionieri dei Caraibi di condividere la luce di Cristo

  Jason Swensen, articolista del Church News

  • 28 febbraio 2013

L’anziano Ronald A. Rasband della presidenza dei Settanta, sua moglie, la sorella Melanie Rasband, l’anziano Wilford W. e la sorella Kathleen Andersen, l’anziano Neil L. Andersen e la sorella Kathy Andersen durante il viaggio svolto nell’Area Caraibi dall’8 al 14 febbraio 2013.  Fotografia riprodotta per gentile concessione dell’Area Caraibi.

Punti salienti dell’articolo

  • L’anziano Neil L. Andersen ha visitato l’Area Caraibi dall’8 al 14 febbraio 2013, includendo Porto Rico, Guadalupe, Haiti, Giamaica e Repubblica Dominicana.
  • L’anziano Andersen e l’anziano Ronald A. Rasband hanno testimoniato dell’importanza della famiglia, del lavoro di tempio, dello sviluppo della testimonianza e della condivisione del Vangelo con gli amici e i vicini di casa.
  • I giovani della zona sono desiderosi di adempiere il proprio dovere come missionari e di partecipare alla crescita del Vangelo.

“Quando viviamo il Vangelo, consentiamo a coloro che cercano la verità di vedere chi siamo. Particolarmente importante è vivere il Vangelo in casa”. — Anziano Neil L. Andersen del Quorum dei Dodici Apostoli

L’anziano Neil L. Andersen del Quorum dei Dodici ha recentemente visitato la Chiesa dell’Area Caraibi, tenendo diverse riunioni con i dirigenti del sacerdozio e i missionari locali, e con i membri di tutta la regione.

Per quasi tutto il viaggio svolto nell’Area Caraibi dall’8 al 14 febbraio, l’anziano Andersen era accompagnato dall’anziano Ronald A. Rasband della presidenza dei Settanta. Le rispettive mogli, la sorella Kathy Andersen e e la sorella Melanie Rasband, erano con loro. Anche i membri della presidenza dell’Area Caraibi — l’anziano Wilford W. Andersen, l’anziano J. Devn Cornish, e l’anziano Claudio D. Zivic — hanno partecipato a molti dei vari incontri.

Il viaggio ha compreso l’addestramento dei dirigenti e le riunioni con i missionari e con i membri di Porto Rico, Guadalupe, Haiti, Giamaica e Repubblica Dominicana. Molte regioni dell’Area Caraibi sono ancora agli inizi della storia della Chiesa, ed è facile trovare “pionieri” in molte congregazioni e missioni.

Anche l’anziano Andersen, l’anziano Rasband e gli altri Fratelli e le rispettive mogli hanno utilizzato la visita come l’opportunità di condividere consigli e incoraggiamento con i membri di tutta l’Area Caraibi.

“Sono rimasto impressionato dai membri e dalla profondità del loro impegno spirituale — unito all’impegno di rispondere all’invito del presidente Monson di soccorrere gli altri”, ha detto l’anziano Rasband.

Nei messaggi condivisi con i missionari e i membri di tutte le età, i Fratelli hanno testimoniato dell’importanza della famiglia, del lavoro di tempio, dello sviluppo della testimonianza e della condivisione del Vangelo con gli amici e i vicini di casa.

L’anziano Andersen ha insegnato il valore dell’aiutare gli altri a vedere attraverso la luce di Cristo. “Poche cose ci daranno più gioia che donare una visione eterna a coloro che amiamo”, ha detto.

Il modo migliore per edificare il regno di Dio, ha aggiunto, è “creare tra noi uno spirito” che gli altri possano percepire e sentire. “Quando viviamo il Vangelo, consentiamo a coloro che cercano la verità di vedere chi siamo. Particolarmente importante è vivere il Vangelo in casa”.

L’anziano Andersen ha assicurato che “gli eletti di Dio” sarebbero stati attirati dai membri che vivono rettamente e che rispettano i comandamenti.

Durante le riunioni con i membri in tutta la regione, l’anziano Rasband è stato testimone di una generazione emergente di giovani desiderosi di compiere il loro dovere come missionari e di partecipare alla crescita del Vangelo.

È stato toccato dalla devozione dei membri alle rispettive famiglie e ha incentrato il proprio insegnamento “sull’importanza di quella ‘perla dei Caraibi’ — il Tempio di Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana”.

Sia l’anziano Andersen che l’anziano Rasband hanno sottolineato l’efficienza della presidenza di Area e dei dirigenti locali del sacerdozio e della Società di Soccorso.

“Sono bravi come chiunque altro nella Chiesa”, ha osservato l’anziano Rasband.