L’anziano Bednar istruisce i membri nell’Area Caraibi

  Heather Whittle Wrigley, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 24 febbraio 2012

L’anziano David A. Bednar incontra i dirigenti della Repubblica Dominicana durante la sua visita a febbraio nell’Area Caraibi.

Punti salienti dell’articolo

  • Da una casa di riunione a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana, l’anziano Bednar ha risposto a domande personali poste dai giovani adulti non sposati in 29 paesi.

“Essendo rappresentanti di Gesù Cristo, la vostra vita non è più solo cosa voi volete, ma cosa Dio vuole da voi”. —Anziano David A. Bednar, membro del Quorum dei Dodici Apostoli

Mentre era in visita nella Repubblica Dominicana a metà febbraio 2012, l’anziano David A. Bednar del Quorum dei Dodici Apostoli ha portato un messaggio di amore e istruzione ai dirigenti del sacerdozio, ai membri e ai giovani adulti non sposati.

“Voi state partecipando a un evento storico stasera”, ha detto l’anziano Bednar ai giovani adulti non sposati della Repubblica Dominicana e di altri 28 paesi, nel cominciare il suo discorso diretto a loro dal pulpito del centro di Istituto a Santo domingo, tenuto sabato 18 febbraio 2012.

Erano presenti anche la moglie dell’anziano Bednar, Susan Bednar; l’anziano Walter F. González della presidenza dei Settanta con la moglie, Zulma, e l’anziano J. Devn Cornish, secondo consigliere nella presidenza dell’Area Caraibi, con la moglie Elaine.

L’anziano Bednar ha ricordato ai presenti: “Vi amiamo. Il nostro unico desiderio è di servirvi e aiutarvi e le vostre domande ci aiuteranno a sapere come possiamo aiutarvi al meglio”. I membri di tutta la zona dei Caraibi, inclusi Portorico, Jamaica e Haiti, hanno fatto domande che spaziavano in vari argomenti, dall’onorare le alleanze al matrimonio eterno all’aiutare gli altri a ritornare a vivere il Vangelo.

L’anziano Bednar ha iniziato insegnando riguardo alla fede in Gesù Cristo, il primo principio del Vangelo. “La fede in Gesù Cristo è il principio di azione e il potere in tutti gli esseri intelligenti”, ha detto. “La fede richiede che noi agiamo prima in accordo con la verità. Allora siamo benedetti per poter ricevere il potere”.

La maggior parte della discussione è stata incentrata sull’onorare le alleanze.

“Avete esercitato il vostro libero arbitrio morale per accettare le condizioni dell’alleanza del battesimo… e quali rappresentanti di Gesù Cristo, la vostra vita non è più solo cosa voi volete, ma cosa Dio vuole da voi”, ha insegnato l’anziano Bednar.

Nel rispondere alle domande riguardo al corteggiamento e al matrimonio, ha posto enfasi sulla natura divinamente creata dell’uomo e della donna. Ha incoraggiato tutti coloro che erano in ascolto ad acquisire una maggiore comprensione del ruolo dell’uomo e della donna nel piano di salvezza come rivelato ne La famiglia: un proclama al mondo.

“Un matrimonio felice e duraturo, non è una cosa che si trova”, ha continuato. “Un matrimonio celeste ed eterno è qualcosa che si crea”.

Riguardo alla legge di castità, l’anziano Bednar ha consigliato: “Violare la legge di castità è una ferita spirituale seria e significativa, che non può essere guarita con un sentimento di dispiacere e un paio di preghiere personali. Richiede aiuto dalla Chiesa e specificamente dal vostro vescovo. Infatti, egli è un medico spirituale che può amministrare le medicine necessarie per aiutare a guarire”.

In conclusione, l’anziano Bednar ha lasciato una benedizione sui partecipanti e ha condiviso come essere uno speciale testimone di Cristo abbia cambiato la sua vita.

“Ho sempre avuto una testimonianza vera e forte”, ha detto. “Ma adesso la mia testimonianza è più sicura, perché vedo come il Signore guida i miei passi per benedire quegli individui e quelle famiglie che Egli desidera benedire. Rendo testimonianza che Egli vive. Egli è il Figlio Unigenito del Padre Eterno”.

Leggi un riassunto più dettagliato del Devozionale per i giovani adulti non sposati della zona dei Caraibi, tenuto dall’anziano Bednar.