L’anziano Holland dedica il centro di palo di Abu Dhabi in Medio Oriente

  Gerry Avant, redazione di Church News

  • 6 marzo 2013

L’anziano Jeffrey R. Holland e sua moglie, Patricia, assieme all’anziano Larry S. Kacher e sua moglie, Pauline, fuori dal centro di palo di Abu Dhabi.  ©IRI.

Punti salienti dell’articolo

  • L’anziano Jeffrey R. Holland ha dedicato la prima casa di riunione della Chiesa in Medio Oriente, il centro di palo di Abu Dhabi, il 22 febbraio 2013.
  • Il nuovo centro di palo serve più di 1.000 membri, la maggior parte dei quali provenienti da altre nazioni, in quattro paesi: Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar e Oman.
  • Il principe ereditario dell’emirato di Abu Dhabi ha donato il terreno, che si trova vicino a molte altre chiese cristiane.

“La prima volta che sono entrato nella cappella ultimata pochi mesi fa, sono stato sopraffatto da una sensazione di pace e di riverenza, più di qualsiasi altra cappella in cui fossi mai entrato” — Anziano Larry S. Kacher, Settanta di area

ABU DHABI, EMIRATI ARABI UNITI

L’area Medio Oriente/Nordafrica comprende 20 paesi, con il Marocco a ovest e l’Afghanistan a est. In questa vasta regione geografica c’è solo un edificio costruito dalla Chiesa unicamente come casa di riunione per i suoi membri. Quell’edificio è il nuovo centro di palo di Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti, che l’anziano Jeffrey R. Holland del Quorum dei Dodici ha dedicato il 22 febbraio 2013.

Costruito in muratura con finitura in intonaco, il centro di palo dispone di circa 4.300 metri quadrati di spazio su tre livelli, ha detto David McMillan, direttore per gli affari temporali per la zona. Egli ha detto che una delle caratteristiche architettoniche è una “cupola” sul tetto dell’edificio in armonia con la cultura locale. All’interno, l’edificio ospita una cappella, uffici, aule e una piccola sala culturale.

Il principe ereditario dell’emirato di Abu Dhabi ha donato il terreno su cui è stata costruita la casa di riunione. Il sito è un terreno di 2.000 metri quadri adiacente ad altre chiese cristiane in un settore della città designato per tali strutture.

L’anziano Larry S. Kacher, Settanta di area, ha detto: “Siamo particolarmente grati agli esponenti del governo di Abu Dhabi che sono stati così accoglienti nei confronti di altre fedi e che sono disposti a donare terreni per permettere alle persone che non sono di fede musulmana di rendere culto come desiderano. I funzionari del governo di Abu Dhabi sono stati un esempio di tolleranza e cortesia nei confronti di tutti coloro che vengono qui e che, in risposta a tale trattamento, sono disposti a rispettare le leggi e le tradizioni locali. Siamo loro molto grati”.

L’anziano Holland ha dedicato l’edificio come parte della conferenza di palo ad Abu Dhabi il venerdì mattina, che in questa parte del mondo è il giorno del Signore. 413 persone hanno partecipato alla riunione nel centro di palo, altre 637 hanno guardato la trasmissione in altri edifici in tutto il palo e un numero sconosciuto di persone l’ha vista via Internet. La sera, a Dubai, è stato tenuto un devozionale che è stato anche trasmesso via satellite ad altri edifici del palo.

La cappella del centro di palo di Abu Dhabi. L’edificio presenta una cupola ed è provvisto di aule.

“L’edificio è molto ben attrezzato per trasmettere le nostre riunioni ai membri in tutta la regione”, ha detto Robert E. Bateman II, il presidente del palo di Abu Dhabi. “In termini di tecnologia elettronica, di telecamere controllate da remoto e di capacità di proiezione, può essere uno dei più avanzati nella Chiesa”.

James Morris, che ha servito con sua moglie, Sheila, come missionario di servizio della Chiesa per la costruzione dell’edificio, ha detto: “Mentre era in fase di costruzione, il tecnico in loco della società incaricata dei lavori fece un commento: ‘sono stato istruito dal mio direttore di assicurarmi che la costruzione di questo edificio sia della migliore qualità, perché sarà un luogo santo di culto per centinaia di persone’”.

Il palo copre quattro paesi dell’area: Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar e Oman. Il fratello McMillan ha detto che la Chiesa non fa proselitismo in quella zona; i membri sono principalmente Santi degli Ultimi giorni provenienti dal Nord America e dalle Filippine.

L’anziano Kacher ha detto: “La costruzione della cappella è già stata una grande benedizione per la vita dei membri… ricordo la prima volta che sono entrato nella cappella ultimata pochi mesi fa. Sono stato sopraffatto da una sensazione di pace e di riverenza, più di qualsiasi altra cappella in cui fossi mai entrato. È come se vi fosse uno scopo speciale per questo, la prima cappella della Chiesa in Medio Oriente…

Che benedizione è stata avere un apostolo del Signore qui per un’occasione così speciale. La presenza sia dell’anziano che della sorella Holland qui ha reso la dedicazione del centro di palo di Abu Dhabi un momento che custodiremo per sempre nel nostro cuore”.

La facciata esterna del centro di palo di Abu Dhabi, dedicato dall’anziano Jeffrey R. Holland il 22 febbraio 2013.