La fede e la famiglia ispirano la visita al tempio dalla Nuova Caledonia

  • 16 marzo 2011

Punti salienti dell’articolo

  • I circa 150 membri della Chiesa della Nuova Caledonia hanno compiuto dei sacrifici per andare al tempio in Nuova Zelanda.
  • Il tempio di Hamilton, in Nuova Zelanda, dista oltre 1600 chilometri.
  • Molti membri si impegnano ad andare ogni anno.

“In Nuova Caledonia non c’è il tempio e la maggior parte dei membri proviene da famiglie molto umili. I genitori lavorano tutto l’anno per risparmiare i soldi per il viaggio”. —Georgie Guidi della Nuova Caledonia

A gennaio, 147 membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni provenienti dalla Nuova Caledonia hanno trascorso un mese a Hamilton, in Nuova Zelanda, per andare al tempio costruito in quella città.

Per molti di loro era la prima volta che potevano adorare in un tempio dei Santi degli Ultimi Giorni. Per altri si trattava di un avvenimento che ricorre ogni anno e che richiede un anno di preparazione.

“In Nuova Caledonia non c’è il tempio e la maggior parte dei membri proviene da famiglie molto umili”, ha raccontato Georgie Guidi, un membro del gruppo. “I genitori lavorano tutto l’anno per risparmiare i soldi per il viaggio”.

Ha detto che la ragione per cui hanno così tanto desiderio di andare in Nuova Zelanda è che le esperienze che vivono rafforzano la loro fede in Gesù Cristo e uniscono le loro famiglie.

Gerard Mou-Tham, presidente del distretto di Noumea, in Nuova Caledonia, che copre l’intero territorio, ha aggiunto: “Venire al tempio è l’occasione per molti di accrescere la propria fede e di avvicinarsi a Dio”.

“Lo spirito del tempio rimane con loro al ritorno in Nuova Caledonia”, ha detto. “Questa forza spirituale è percepita anche da quelli che sono rimasti a casa e che non sono potuto andare al tempio. Sentiamo che la nostra unità cresce in forza e noi diventiamo più umili”.

Il presidente Mou-Tham ha detto che quando le famiglie si preparano per andare in Nuova Zelanda devono sempre affrontare difficoltà economiche, che sono però superate di gran lunga dai benefici.

I santi che vivono in Nuova Caledonia tengono le loro riunioni di culto domenicali in case di riunione che sono sparse in tutto il territorio, ma i templi in quell’area sono meno numerosi. Il tempio di Hamilton, in Nuova Zelanda, è il più vicino, anche se a oltre 1600 chilometri di distanza.