Si è tenuta la Riunione generale della Società di Soccorso, in cui si è messo in risalto Figlie nel mio regno

  • 25 settembre 2011

Punti salienti dell’articolo

  • Il presidente Uchtdorf ha insegnato cinque cose importanti che le sorelle non dovrebbero mai dimenticare.
  • La sorella Beck ha parlato del ruolo e dello scopo della Società di Soccorso.
  • La sorella Allred ha parlato della carità e del modo in cui si manifesta nell’insegnamento in visita.
  • La sorella Thompson ha parlato della gioia e della protezione che possono portare le alleanze.

“[Figlie nel mio regno] unificherà e allineerà la sorellanza mondiale con gli obiettivi della Società di Soccorso e con le tipiche caratteristiche e i privilegi dei discepoli”. —Julie B. Beck, presidentessa generale della Società di Soccorso

Le importanti verità da non dimenticare mai, il ruolo della Società di Soccorso nella vita delle figlie del Padre Celeste, la carità e le alleanze sono sati i messaggi principali della Riunione generale della Società di Soccorso del 24 settembre 2011.

Il presidente Dieter F. Uchtdorf, secondo consigliere della Prima Presidenza, ha usato nel suo discorso il nontiscordardime come metafora. Ha paragonato i cinque petali del fiore a cinque cose che le sorelle farebbero bene a non scordare:

  • Non dimenticate di essere pazienti con voi stesse.
  • Non dimenticate la differenza tra un buon sacrificio e un sacrificio vano.
  • Non dimenticate di essere felici ora.
  • Non dimenticate il “perché” del Vangelo.
  • Non dimenticate che il Signore vi ama.

“Sorelle, c’è qualcosa di ispiratore e sublime nei piccoli nontiscordardime”, ha detto il presidente Uchtdorf. “Spero che sia un simbolo delle piccole cose che rendono la vostra vita gioiosa e dolce. Vi prego di non dimenticare mai che dovete essere pazienti e compassionevoli con voi stesse, che alcuni sacrifici sono migliori di altri, che non dovete aspettare un biglietto d’oro per essere felici. Vi prego di non dimenticare mai che il ‘perché’ del vangelo di Gesù Cristo vi ispirerà e edificherà. Non dimenticate mai che il vostro amato Padre Celeste vi conosce, vi ama e si prende cura di voi”.

La riunione è capitata subito dopo la distribuzione di Figlie nel mio regno: la storia e l’opera della Società di Soccorso agli inizi di settembre. Tutte e tre le componenti della presidenza generale della Società di Soccorso hanno preso spunto dal libro nei loro messaggi.

Julie B. Beck, presidentessa generale della Società di Soccorso, ha intitolato il suo discorso “Quel che spero che le mie nipoti (e i miei nipoti) comprendano sulla Società di Soccorso”, con la speranza che le sue nipoti e gli altri abbiano “una comprensione chiara di ciò che aveva in mente il Signore quando è stata organizzata la Società di Soccorso”, ha detto.

Ha parlato della Società di Soccorso, che è stata organizzata secondo il modello del discepolato che esisteva nella Chiesa nei tempi antichi; ha parlato del fatto che è stata organizzata “sotto il sacerdozio, secondo lo schema del sacerdozio”; dell’influenza benefica e alla capacità delle sorelle di tutto il mondo; e dell’importanza di prendersi cura e di assistere gli altri, in particolare attraverso l’insegnamento in visita.

La sorella Beck ha concluso dichiarando che “questi e altri insegnamenti fondamentali sono presenti in Figlie nel mio regno.

“Questo libro contiene un resoconto del retaggio della Società di Soccorso e delle donne della Chiesa. Esso unificherà e allineerà la sorellanza mondiale con gli obiettivi della Società di Soccorso e con le tipiche caratteristiche e i privilegi dei discepoli. È un testimone importante del ruolo essenziale delle donne nel piano di felicità del Padre, e offre un modello inamovibile di ciò che crediamo, che facciamo e che difenderemo”.

La sorella Silvia H. Allred, prima consigliera nella presidenza generale della Società di Soccorso, ha parlato del motto della Società di Soccorso: “La carità non verrà mai meno”, citando esempi tratti da Figlie nel mio regno e parlando di come la carità divenne un punto centrale nell’organizzazione della Società di Soccorso. Ha anche attinto dagli insegnamenti del presidente Thomas S. Monson, del profeta Joseph Smith, di Paolo, Nefi e Moroni nelle Scritture, per parlare di che cos’è la carità e di come la si può ottenere.

L’insegnamento in visita, ha detto, è “una delle occasioni più importanti per praticare la carità… L’insegnamento in visita svolto in maniera efficace ci offre molte opportunità di amare, assistere e servire gli altri. Esprimere carità o amore purifica e santifica le nostre anime, aiutandoci a divenire più simili al Salvatore”.

Barbara Thompson, seconda consigliera della presidenza generale della Società di Soccorso, ha parlato dell’importanza di “attenersi” alle alleanze e della gioia e della protezione che ne derivano. Come la sorella Beck e la sorella Allred, anche lei ha attinto da Figlie nel mio regno. Ha descritto una sorella che aveva ricevuto gioia dell’osservanza delle alleanze—la sorella Sarah Rich, un’abitante di Nauvoo che era stata chiamata a servire nel tempio prima dell’espulsione dei santi dalla città. Ella ha citato il diario della sorella Rich:

“Molte furono le benedizioni che avevamo ricevuto nella Casa del Signore che ci portarono gioia e conforto durante le nostre afflizioni, e ci permisero di avere fede in Dio, sapendo che Egli ci avrebbe guidati e sostenuti nel viaggio sconosciuto che dovevamo affrontare”.’”

“Osservare le alleanze significa provare gioia vera e felicità”, ha affermato la sorella Thompson. “Ovvero conforto e pace, o ancora protezione dai mali del mondo. Tenere fede alle alleanze ci aiuta nei momenti difficili.

Rendo testimonianza che, se abbiamo fede in Cristo e ci atteniamo alle alleanze, riceviamo la gioia di cui si parla nelle sacre scritture e che ci è stata promessa dai profeti degli ultimi giorni”.

Guarda e ascolta di nuovo

La memoria cache del video dell’evento sarà disponibile subito dopo la fine della trasmissione. L’audio in più di 70 lingue sarà disponibile su lds.org/general-conference e su Mormon Channel in iTunes entro otto ore dalla trasmissione. Il video in 12 lingue sarà disponibile entro 24 ore dalla trasmissione (sia la sessione intera che segmenti dei discorsi/inni) all’indirizzo lds.org/general-conference, podcasts, iTunes e YouTube.