Cerimonia del primo colpo di piccone per il tempio di Trujillo, in Perù

  Heather Whittle Wrigley, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 2011-09-16

Una rappresentazione artistica del tempio di Trujillo, annunciato per la prima volta nel 2008.

“L’inizio della costruzione potrebbe significare l’inizio dell’edificazione della nostra vita sulle basi degli insegnamenti del nostro Signore Gesù Cristo”.—Rafael E. Pino, presidente dell’Area Sud America Nord-Ovest

Il 14 settembre 2011, alle 9:30 ora locale, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha tenuto la cerimonia del primo colpo di piccone per il tempio di Trujillo, in Perù.

Ha presieduto l’anziano Rafael E. Pino dei Settanta, presidente dell’Area Sud America Nord-Ovest. Erano presenti anche i suoi consiglieri—l’anziano Juan A. Uceda, primo consigliere, e l’anziano W. Christopher Waddell, secondo consigliere, che ha diretto.

Nel suo discorso, l’anziano Pino ha invitato i membri a trascorrere tempo prima della dedicazione del tempio ad aiutare i membri meno attivi a ritornare alla piena attività e a prepararsi a entrare nella casa del Signore.

Egli ha sottolineato la benedizione che il tempio rappresenterà per la nuova crescita della Chiesa e per lo sviluppo personale degli individui e delle famiglie a Trujillo e nei dintorni.

Ha invitato i fedeli ad aiutare i membri meno attivi durante il periodo della costruzione.

“Vi prego di mettere un’immagine del tempio in un posto visibile di casa vostra e di parlare spesso con i vostri figli riguardo alle molte benedizioni derivanti dal vivere [per essere degni] di entrare nella casa del Signore”, ha detto l’anziano Pino. “L’inizio della costruzione potrebbe significare l’inizio dell’edificazione della nostra vita sulle basi degli insegnamenti del nostro Signore Gesù Cristo”.

L’anziano Waddell ha paragonato il tempio al vicino faro di Morro Carretas, in qualità di luogo che metterà in guardia dai pericoli, guiderà i figli di Dio e li aiuterà ad arrivare in sicurezza alla loro destinazione finale.

Coloro che frequentano il tempio, attuando e applicando le lezioni ivi insegnate, saranno padri e madri, mariti e mogli, proprietari e impiegati, vicini e cittadini migliori, ha detto.

L’anziano Uceda ha basato il suo discorso su Geremia 7:3: “Così parla l’Eterno degli eserciti, l’Iddio d’Israele: Emendate le vostre vie e le vostre opere, ed io vi farò dimorare in questo luogo”.

Il tempio, ha detto, serve per aiutare a guarire i feriti dalle cose malvagie del mondo.

I componenti della presidenza di Area e le rispettive mogli hanno girato la terra, seguiti dal sindaco di Trujillo, Cesar Acuña e il sindaco del Distretto di Huanchaco, Fernando Bazán. Hanno partecipato anche il console onorario del Perù nello Utah, David Utrilla, e diversi rappresentanti del presidente regionale di Piura.

I sette presidenti di palo di Trujillo hanno partecipato alla cerimonia del primo colpo di piccone, come pure i presidenti degli altri pali del distretto del tempio, secondo Guillermo A. Estrugo, direttore locale delle relazioni pubbliche. I pali del distretto del tempio che hanno partecipato provengono da Trujillo, Chiclayo, Piura, Tumbes, Chimbote e dintorni

I progetti per la costruzione del tempio sono stati annunciati per la prima volta dalla Prima Presidenza il 13 dicembre 2008. Nella lettera che lo annunciava ai dirigenti ecclesiastici c’è scritto: “Siamo certi che questo sarà una benedizione per molti fedeli santi di questa e altre zone circostanti, i quali hanno dovuto percorrere grandi distanze per ricevere le benedizioni del tempio”.

Il tempio sarà costruito su un terreno occupato in precedenza da una casa di riunione di Teodoro Valcárcel Street a Urbanización Primavera, Trujillo. Servirà più di 88.000 santi della regione.

L’ostello, dimora temporanea dei fedeli che si recheranno al tempio da località distanti, si troverà a nord del tempio,

e a nord dell’ostello e del tempio verrà costruita una casa di riunione.

Questo sarà il secondo tempio del Perù. Il presidente Gordon B. Hinckley (1910–2008) dedicò il tempio di Lima, in Perù, distante 336 chilometri, nel 1986. Esso serve attualmente più di cento pali e distretti.