In Giappone, le vittime aiutano le vittime dopo il tifone

  • 9 settembre 2011

Negli scorsi tre mesi, tre tifoni hanno colpito il Giappone. Il più recente, il tifone Talas, ha causato una frana il 4 settembre 2011.

Punti salienti dell’articolo

  • 4 settembre - Tifone Talas
  • 8 agosto, 2011 – Tifone Muifa
  • 19 luglio 2011 – Tifone Ma-on

Sabato, 4 settembre 2011, il tifone Talas ha causato una frana in Giappone per le abbondanti piogge e il vento che soffiava a 108 chilometri all’ora, uccidendo almeno 59 persone e colpendone migliaia.

Il tifone Talas arriva sulla scia degli altri due tifoni che quest’estate hanno colpito il Giappone—il Tifone Ma-on (19 luglio) e il Tifone Muifa (8 agosto).

La distruzione si è aggiunta alle condizioni ancora persistenti dal catastrofico terremoto 9,0 e lo tsunami che hanno distrutto il paese appena sei mesi fa prima, l’11 marzo.

Le prime riprese televisive hanno mostrato strade e ponti spazzati via dall’acqua, case sommerse dalle alluvioni e sopravvissuti terrorizzati tirati fuori da fiumi in piena.

I dirigenti locali del Sacerdozio stanno valutando lo stato dei membri della Chiesa nelle zone colpite e i Servizi umanitari della Chiesa stanno inviando in Giappone un direttore degli aiuti d’emergenza per i disastri per verificare i danni e raccogliere informazioni.

Ma nel frattempo, molte delle persone colpite dai disastri precedenti stanno volgendo il cuore e le mani verso coloro che stanno affrontando gli effetti delle frane, delle piogge torrenziali e delle inondazionicausate dal tifone. La penisola di Kii, nel Giappone centrale, è stata la zona più pesantemente danneggiata.

Le squadre di soccorso composte sia da soccorritori professionisti e residenti volontari continuano a cercare le dozzine di persone scomparse in tutto il Giappone occidentale e centrale. Secondo la Fire and Disaster Management Agency, circa tremila persone vivono ancora nei centri di evacuazione in seguito alla tempesta. Talas è stato definito il tifone più distruttivo dal 2004.

In molte zone, i funzionari locali stanno preparando generi di soccorso e sostegno per i membri della comunità. I vigili del fuoco, la polizia e i militari hanno risposto togliendo i detriti dalle strade per favorire la distribuzione dei soccorsi. Ora molte strade danneggiate dalla tempesta sono state ripristinate.

Le donazioni di cibo, acqua, medicina e altri generi sono stati consegnati dagli elicotteri alle comunità escluse dai collegamenti a causa della frana.

Il governo locale ha stabilito un’unità speciale per le emergenze che coordini le operazioni di soccorso.

Il 9 settembre, la Japan Meteorologicla Agency ha emesso un avviso di pioggia intensa e colate di fango in diverse municipalità già colpite dalle alluvioni e dal terreno fangoso.

Il tifone Talas si è formato il 22 agosto prima come una zona di bassa pressione a ovest di Guam. Mentre si dirigeva verso il Giappone, è cresciuto fino a diventare un tifone.

Il notiziario della BNO di Tokyo ha dichiarato: “[Il tifone Talas] ha causato una frana nella prefettura di Kochi sabato mattima e poi ha segnato un sentiero di distruzione lungo il Giappone occidentale, mentre si spostava verso il nord-est.

Il tifone Talas è la dodicesima tempesta a cui viene dato un nome, la settima tempesta tropicale più violenta e il quinto tifone del 2011 della stagione dei tifoni del Pacifico. La stagione si sviluppa per tutto il 2011 e la maggior parte [delle tempeste] si forma tra maggio e novembre”.

Adesso il tifone Talas è stato declassato a tempesta tropicale.