I dirigenti riportano che la Chiesa sta unendo gli sforzi per affrettare l’opera

Inserito da Sarah Jane Weaver, direttrice associata di Church News

  • 31 Dicembre 2014

I missionari del Centro di addestramento per i missionari di Città del Guatemala, in Guatemala, si riuniscono per ascoltare i consigli dell’anziano Quentin L. Cook e delle altre Autorità generali. I dirigenti riportano che la Chiesa sta “unendo gli sforzi” nelle proprie responsabilità di far avanzare l’opera e di invitare tutti a venire a Cristo.  Foto di Sarah Jane Weaver.

Punti salienti dell’articolo

  • Membri dei Settanta e del Vescovato Presiedente si sono incontrati per discutere di come la Chiesa si è adoperata per adempiere le responsabilità divinamente designate contenute nel Manuale 2 della Chiesa.
  • La Chiesa ha visto tutti i suoi aspetti collaborare nell’affrettare l’opera.

“In ogni aspetto della Chiesa stiamo notando un senso di unità e comunione di intenti”. — Anziano Marcus B. Nash dei Settanta

“Non ci sono sforzi individuali” poiché molti lavorano insieme per adempiere gli scopi del Signore e per aiutarLo ad affrettare la Sua opera, ha detto Anthony D. Perkins.

L’anziano Perkins dei Settanta e Direttore esecutivo del Comitato dei servizi di comunicazione della Chiesa ha partecipato a una tavola rotonda con Church News il 18 dicembre assieme ad altre Autorità generali, ognuno dei quali ha parlato delle responsabilità divinamente designate che si trovano nel Manuale 2 della Chiesa.

Impegnarsi in tali responsabilità — “aiutare i membri a vivere il vangelo di Gesù Cristo, radunare Israele mediante l’opera missionaria, prendersi cura dei poveri e dei bisognosi e permettere la salvezza dei morti mediante la costruzione dei templi e la celebrazione delle ordinanze per procura” (Manuale 2, 2.2) — sta “rafforzando i membri della Chiesa” collettivamente, ha detto il vescovo Gérald Caussé del Vescovato Presiedente.

Oltre all’anziano Perkins e al vescovo Caussé, alla tavola rotonda erano presenti altre Autorità generali, tra cui l’anziano Robert C. Gay dei Settanta che attualmente collabora con il Fondo perpetuo per l’istruzione; l’anziano Paul V. Johnson dei Settanta e Commissario della Chiesa per l’Istruzione; l’anziano Larry R. Lawrence dei Settanta e Assistente Direttore esecutivo del Dipartimento del sacerdozio; l’anziano Marcus B. Nash dei Settanta e Direttore esecutivo per la correlazione della Chiesa; l’anziano Allan F. Packer dei Settanta e Direttore esecutivo del Dipartimento di storia familiare; l’anziano Kent F. Richards dei Settanta e Direttore esecutivo del Dipartimento del tempio; l’anziano Steven E. Snow dei Settanta, storico e archivista della Chiesa e Direttore esecutivo del Dipartimento di storia della Chiesa; e l’anziano W. Craig Zwick dei Settanta e Assistente direttore esecutivo del Dipartimento missionario.

“Parliamo delle quattro responsabilità divinamente designate, ma in ciascuna di esse c’è la responsabilità di venire a Cristo ed essere perfetti in Lui”, ha detto l’anziano Perkins. “Questo è lo scopo della Chiesa. […] Sia che si tratti di prendersi cura dei poveri e dei bisognosi o radunare Israele o aiutare le persone a vivere il Vangelo o incoraggiarle ad andare al tempio con la propria famiglia, si tratta sempre di venire a Cristo”.

Storia familiare

L’anziano Packer ha definito l’opera che si sta compiendo in molte aree della Chiesa l’“adempiersi di una profezia”.

Citando Efesini 1:10, l’anziano Packer ha detto: “Nella pienezza dei tempi, [il Signore raccoglierà] sotto un sol capo, in Cristo, tutte le cose: tanto quelle che son nei cieli, quanto quelle che son sopra la terra”.

Giovani che utilizzano il sito LDS.org per cercare gli antenati presso uno dei laboratori informatici della Biblioteca di storia familiare, mercoledì 19 marzo 2014. Foto di Matt Gade, Deseret News.

Il Tempio di Salt Lake e l’angelo Moroni a Salt Lake City, (USA). Foto di Ravell Call, Deseret News.

Ragazzi che utilizzano il sito LDS.org per cercare gli antenati presso uno dei laboratori informatici della Biblioteca di storia familiare, mercoledì 19 marzo 2014. Foto di Matt Gade, Deseret News.

Membri della Chiesa riuniti alla sessione del pomeriggio della 184ª conferenza generale di ottobre, domenica 5 ottobre 2014, nel Centro delle conferenze di Salt Lake City (USA). Fotografia di Scott G. Winterton, Deseret News.

Membri della Chiesa vanno via dopo la sessione del pomeriggio della 184ª conferenza generale di ottobre, domenica 5 ottobre 2014, nel Centro delle conferenze di Salt Lake City (USA). Fotografia di Scott G. Winterton, Deseret News.

“Credo che ci stiamo accorgendo che sta accadendo”, ha detto.

Ha detto che spesso i membri suddividono il lavoro nella Chiesa per categoria per potervisi concentrare. Il lavoro di storia familiare e il lavoro di tempio, ad esempio, sono due metà della stessa benedizione, ha detto. Ha anche detto che, sebbene molte persone pensano al raduno di Israele come un fattore legato all’opera missionaria, è altrettanto importante ricordare che gran parte di Israele è morta e deve essere radunata tramite la storia familiare e il lavoro di tempio.

Parlando del lavoro di storia familiare, ha detto che per i membri parte del vivere il Vangelo riguarda svolgere le proprie ordinanze e poi svolgere le ordinanze per i loro defunti.

L’anziano Packer ha detto che nel 2014 la Chiesa ha assistito a un aumento del 25% nel numero dei membri che hanno inviato nomi di famiglia alla Chiesa per svolgere il lavoro di tempio. La maggior parte di quell'aumento è derivato dal fatto che i giovani sono stati coinvolti nel lavoro, ha spiegato.

Ha detto che i dirigenti sperano che ogni membro applicherà la formula “trova, invia e istruisci” trovando i propri nomi di famiglia, inviandoli al tempio e istruendo gli altri a fare lo stesso.

Tempio

“L’intero scopo della storia familiare è che le persone portino la propria famiglia al tempio e che stipulino tali ordinanze”, ha detto l’anziano Richards.

Ha detto che nella Chiesa aleggia un grande entusiasmo riguardo al lavoro di tempio, con 144 templi attualmente dedicati e altri 26 annunciati.

L’anziano Richards ha detto che quando un tempio viene dedicato, aumenta l’entusiasmo nei confronti del tempio in quell’area.

Inoltre, la Chiesa ha cambiato il modo di strutturare l’apertura al pubblico dei templi, per concentrarsi su messaggi specifici su Gesù Cristo, sulle ordinanze e sulle famiglie. “Ciò sta avendo un enorme impatto sull’opera missionaria”, ha detto.

La Chiesa ha avuto anche una crescita continua “nell’energia e nell’entusiasmo con cui i giovani vanno al tempio”. In alcuni campi questo ha reso più difficile alle famiglie frequentare il tempio insieme a causa delle lunghe attese.

“Proprio la scorsa settimana, abbiamo diffuso una lettera di istruzioni ai presidenti di tempio invitandoli a designare un orario specifico ogni settimana in cui le famiglie avrebbero avuto la priorità per poter svolgere le ordinanze nel battistero”, ha detto. “Tale lettera dovrebbe essere disponibile a ogni tempio entro l’inizio del prossimo anno”.

L’anziano Richards ha detto che i dirigenti della Chiesa hanno posto enfasi sul fatto che ogni membro dai dodici anni in su dovrebbe avere una raccomandazione per il tempio valida. I dirigenti stanno inoltre incoraggiando i “giovani missionari appena chiamati in missione a servire come lavoranti alle ordinanze nel tempio prima di andare all’MTC”.

Missionario

L’anziano Zwick ha detto che il raduno di Israele è stato affrettato e ampliato, un esercito ben preparato di quasi 90.000 missionari a tempo pieno che trovano e insegnano in modi convenzionali e anche tramite un efficace proselitismo on-line.

Ha detto che la Chiesa aprirà nuove missioni a luglio 2015, continuando a sperimentare l’uso di dispositivi mobili per svolgere l’opera missionaria, e presto verrà distribuito materiale di addestramento pre-missione che sarà utile ai missionari potenziali.

Inoltre, l’ausilio dei social media ha aiutato l’opera missionaria nel mondo. “Grazie a Lui” e adesso “Egli è il dono” associati al film di successo Conosci i mormoni, ha detto. “Egli è il dono” ha ricevuto oltre cinquantatré milioni di post su Facebook e più di centocinque milioni di post su Twitter questo mese. Le visualizzazioni del video ora superano i trenta milioni, di cui diciannove milioni di quelle visualizzazioni in spagnolo e portoghese.

“Continuiamo a essere esposti e riconosciuti a livello mondiale man mano che il messaggio del Vangelo viene ‘scoperto, accettato e condiviso’ ”, ha detto l’anziano Zwick.

Provvedere ai poveri e ai bisognosi

Il vescovo Caussé ha detto che quando il Manuale 2 è stato stampato nel 2010, il principio di “provvedere ai poveri e ai bisognosi” è stato identificato come una delle quattro responsabilità della Chiesa divinamente designate.

Ha detto che ciò significa che un modo importante con cui “aiutare i membri a vivere il Vangelo di Gesù Cristo e a progredire spiritualmente e quello di aiutarli e di dare loro opportunità di prendersi cura dei poveri e dei bisognosi e di fornire servizio di carità”. I dirigenti pongono grande enfasi sull’importanza osservare la legge del digiuno e di essere generosi nelle offerte.

Ha detto che la Chiesa sente il bisogno non solo di servire i membri della Chiesa, ma anche i membri delle altre religioni. La Chiesa, attualmente, sta aumentando gli aiuti umanitari per assistere le popolazioni di rifugiati nei paesi colpiti dalla guerra e dai disastri naturali.

C’è un forte collegamento tra l’autosufficienza spirituale e quella temporale. “La povertà non è soltanto la mancanza di risorse materiali, ma spesso implica che le persone abbiano difficoltà a rendersi conto del loro potenziale spirituale”, ha spiegato.

Fondo perpetuo per l’istruzione

L’anziano Gay ha detto che quando il presidente Hinckley ha annunciato per la prima volta il Fondo perpetuo per l’istruzione era per aiutare i membri della Chiesa a edificare la loro vita sul fondamento dell’autosufficienza.

Questo processo inizia con una comprensione dottrinale, ha detto. “Siamo figli e figlie del Padre Celeste e la Sua opera è far avverare l’immortalità e la vita eterna dell’uomo. Questo significa essere in grado di sostenersi da soli sia temporalmente che spiritualmente”.

Come parte di questo impegno importante, la Chiesa ha organizzato 1.100 centri per l’autosufficienza in tutto il mondo quest’anno e 1.600 comitati per l’autosufficienza di palo. “Non riguarda il trovare un lavoro e nemmeno l’andare a scuola. Quella è soltanto una parte di ciò che viene richiesto. Riguarda in realtà il diventare autosufficienti temporalmente e spiritualmente”.

L’anziano Gay ha detto che molte persone che hanno a che fare con il Fondo perpetuo per l’istruzione stanno compilando l’opuscolo La mia famiglia creato dal Dipartimento di storia familiare. “Le abilità sono cresciute in modo esponenziale”, ha detto. “Le abilità di cui hai bisogno per ricercare e compilare La mia famiglia sono le stesse di cui hai bisogno per trovare un lavoro”.

Sacerdozio

“Quando parliamo di aiutare i membri a vivere il Vangelo, i nostri pensieri vanno automaticamente al corso di studio e all’insegnamento”, ha detto l’anziano Lawrence.

Ha detto che la Chiesa continua a porre “una grande enfasi sullo studio dell’apprendimento e dell’insegnamento”.

“Continuiamo a imparare molto dalle lezioni tratte da Vieni e seguitami — il corso di studio per i giovani. Stiamo prendendo quei principi e stiamo provando ad applicarli al corso di studio per gli adulti e alla preparazione dell’insegnante”.

I membri di quest’anno hanno trovato che le pagine degli Argomenti evangelici sul sito della Chiesa LDS.org, siano molto utili nel comprendere i principi di base.

Inoltre, ha detto, “il Dipartimento del sacerdozio ha l’incarico di fornire, preservare e promuovere le Scritture”.

In aggiunta, gli eventi faccia a faccia sui social media con David Archuleta e Lindsey Stirling sono stati ben accolti, ha detto, con più di 100.000 seguaci in diretta e visualizzazioni ciascuno. “Nelle prime 24 ore l’evento con Lindsay Stirling è stato visto da persone in 143 paesi differenti”, ha detto.

Il Sistema Educativo della Chiesa

L’anziano Johnson ha detto che l’enfasi posta dal Sistema Educativo della Chiesa è quella di aiutare i membri a vivere il Vangelo.

Collaborando con il Fondo perpetuo per l’istruzione, il Sistema Educativo della Chiesa è rimasto entusiasta del successo del programma Pathway — il quale aiuta le persone ad acquisire un’istruzione universitaria. “L’attività nella Chiesa si correla positivamente con il livello di istruzione”, ha detto.

L’ondata di missionari che sono andati sul campo durante il periodo di grande aumento numerico diciotto mesi fa sta pian piano ritornando, ha detto. Questo sta cambiando la composizione dei campus presso le università della Chiesa.

Adesso ci saranno molti più missionari ritornati nelle classi di matricole di quanto ce n’erano in passato, man mano che l’ondata di missionari inizia a rientrare.

“Nell’ultimo periodo abbiamo lavorato su nuovi requisiti religiosi per la laurea”, ha detto, dicendo che saranno effettivi dall’autunno del 2015 e incentrati sul fondamento del Vangelo. “Vogliamo dare agli studenti un grande senso del fondamento del vangelo di Gesù Cristo e della Restaurazione”.

Un’altra cosa interessante da guardare è il numero di spettatori della BYUtv, ha detto, mettendo in evidenza il fatto che la Chiesa ha avuto una crescita esponenziale nella quantità di programmi e di informazioni offerte negli ultimi anni. Ha detto che l’emittente si rivolge a “persone con valori simili” a cui piace vedere “il bene nel mondo”.

Storia della Chiesa

L’anziano Snow ha detto che il Dipartimento di storia della Chiesa sta lavorando per preservare la storia globale della Chiesa “che si sta diffondendo in tutto il mondo”.

“Troviamo che le persone amino la storia del viaggio verso ovest dei [pionieri mormoni], ma che amano altrettanto la storia dei loro antenati e dei primi membri della Chiesa in Ecuador, in Mexico o in Swaziland — o ovunque sia”.

Il Dipartimento di storia della Chiesa, ha detto, sta collaborando con il Dipartimento di storia familiare per preservare diari, fotografie e alberi genealogici. “È stata una magnifica collaborazione”, ha detto.

Comunicazione

L’anziano Perkins ha detto che i membri del Comitato per i servizi di comunicazione si sono concentrati quest’anno sul comunicare meglio la voce del profeta.

Un grande passo è rappresentato dal fatto che la Prima Presidenza e i Dodici usano i canali dei social media per comunicare i messaggi. Inoltre, a dicembre la Chiesa ha diffuso un messaggio al mondo via e-mail. Il messaggio è stato inviato a quasi tre milioni di membri; altre 400.000 persone hanno deciso di ricevere le e-mail da parte della Chiesa dopo l’evento.

Il film Conosci i mormoni ha riscosso successo ai botteghini e sarà disponibile sui canali di distribuzione digitale nella primavera del 2015. “Oltre alla visibilità di chi non appartiene alla Chiesa, un altro beneficio del film è che i membri che l’hanno visto si sono sentiti ispirati e hanno potuto dire: ‘appartengo a una chiesa magnifica’”, ha detto.

Correlazione

“Stiamo assistendo a una collaborazione congiunta di tutte le parti della Chiesa”, ha detto l’anziano Nash.

Citando il presidente Spencer W. Kimball, l’anziano Nash ha detto: “Spero di vedere lo scioglimento della barriera artificiale che così spesso edifichiamo nella nostra mente fra il lavoro missionario e il lavoro di tempio e genealogico, perché è lo stesso grande lavoro di redenzione”.

Sta accadendo davvero, ha detto.

“In ogni aspetto della Chiesa stiamo notando un senso di unità e comunione di intenti”.

Ha detto che con i membri della Chiesa che collaborano e che “si concentrano sulla dottrina fondamentale della Chiesa e sull’assisterLo nella Sua opera di ‘fare avverare l’immortalità e la vita eterna dell’uomo’ (Mosè 1:39), assisteremo ad un’incredibile crescita della Chiesa”.