Tutto è bello attorno a noi

  • 26 gennaio 2011

Un bambino ospite di una casa per bambini abbandonati della Repubblica Dominicana riceve con emozione abiti e giocattoli da parte della LDS Charities.

Punti salienti dell’articolo

  • Le persone possono partecipare all’impegno di migliorare la vita della gente di tutto il mondo visitando il sito LDScharities.org.

“Le chiese stanno collaborando senza riguardo all’etnia, al colore o alla religione per aiutare i bisognosi poiché questo è il lavoro che Gesù Cristo vuole—che noi lavoriamo insieme per coloro che ne hanno maggiormente bisogno”.
—Andrea Vasquez, Servizi sociali cattolici

“Ho usato gli stessi abiti per un sacco di tempo”, ha detto un ragazzo. “Non ricordo l’ultima volta che ho indossato abiti nuovi”.

Nella Repubblica Dominicana, il pastore Joel Peña e sua moglie, Maria, lavorano insieme per creare una casa per ragazzi orfani all’International Alliance Ministries. Molti dei ragazzi sono stati abbandonati. Alcuni provengono da un passato di maltrattamenti. Altri vagavano per la strada.

“Questa è una famiglia, non un orfanotrofio”, ha detto il pastore Peña. “Anche io provengo da un mondo fatto di sofferenza. Io vengo dalla strada, e so com’è”.

Quando il pastore Peña ha chiamato la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni per ricevere aiuto, la LDS Charities ha collaborato con Food for the Poor (un’organizzazione di soccorso cristiana interconfessionale) e con la Chiesa Cattolica di Santo Domingo per portare scatole di abiti, giocattoli, cibo e altri generi di prima necessità per i bambini.

Uno dei ragazzi non ha mai avuto una palla, ma ne ha sempre desiderata una. “Quando la scatola è uscita, ho visto la palla che volevo”, ha detto. [Le persone della LDS Charities] l’hanno gonfiata per me e hanno giocato con me”.

La Latter-day Saint Charities collabora spesso con altre organizzazioni religiose e governative per portare assistenza ai bisognosi. L’anno scorso i volontari hanno contribuito con più di un milione di giorni di lavoro umani per sostenere le iniziative del programma di benessere.

“Le chiese stanno collaborando senza riguardo all’etnia, al colore o alla religione per aiutare i bisognosi poiché questo è il lavoro che Gesù Cristo vuole—che noi lavoriamo insieme per coloro che ne hanno maggiormente bisogno”, ha detto Andrea Vasquez dei Servizi sociali cattolici.

Sebbene sfamare e vestire i ragazzi possa essere difficile, i coniugi Peña trovano gioia nel vedere e nell’alimentare il potenziale di ognuno di loro.

“Dentro ognuno di questi bambini c’è un grande spirito”, ha detto il pastore Peña. “Tutto ciò di cui hanno bisogno è un po’ di aiuto. Stiamo provando ad aiutarli a diventare buoni uomini nella speranza che un domani possano creare un mondo migliore in cui vivere.