La Nuova Caledonia festeggia la crescita della Chiesa

  Anziano Jeffrey e sorella Karen Larsen, missionari delle Relazioni pubbliche dell’Area Pacifico

  • 26 giugno 2012

Il 27 maggio 2012, l’anziano James J. Hamula dei Settanta, presidente dell’Area Pacifico, ha organizzato il primo palo della Chiesa in Nuova Caledonia. In piedi alla sua sinistra ci sono i primi due anziani che hanno servito in Nuova Caledonia nel 1969, James A. Tatton e Lyle W. Parker.

Punti salienti dell’articolo

  • Il 27 maggio 2012 è stato creato il primo palo in Nuova Caledonia.
  • Il Palo di Noumea, in Nuova Caledonia, comprende duemila membri e otto case di riunione.
  • La prima congregazione della Nuova Caledonia è stata organizzata nell’ottobre del 1961.

“I Santi degli Ultimi Giorni e tutta la Nuova Caledonia saranno benedetti mentre il vangelo di Gesù Cristo sarà insegnato e sarà abbracciato da sempre più persone”. — Anziano James J. Hamula dei Settanta, presidente dell’Area Pacifico

Prima di organizzare il primo palo della Chiesa in Nuova Caledonia il 27 maggio 2012, l’anziano James J. Hamula dei Settanta, presidente dell’Area Pacifico, ha sottolineato che la giornata “segna la crescita della Chiesa in Nuova Caledonia”.

“I Santi degli Ultimi Giorni e tutta la Nuova Caledonia saranno benedetti mentre il vangelo di Gesù Cristo sarà insegnato e sarà abbracciato da sempre più persone”, ha detto l’anziano Hamula.

La Nuova Caledonia, un territorio francese, fa parte della Melanesia, un’area del Sud del Pacifico che si estende dalla Nuova Guinea alle Figi per circa 1.500 chilometri a est dell’Australia.

Durante il suo discorso l’anziano Hamula ha fatto notare che il presidente Thomas S. Monson, allora anziano Monson del Quorum dei Dodici Apostoli, visitò la Nuova Caledonia il 2 maggio 1968.

“Su una collina non molto lontana da qui, che sovrasta la baia e la città di Noumea, il presidente Monson stava in piedi insieme a pochi altri”, ha detto l’anziano Hamula. “Ha offerto una preghiera, ha invocato le benedizioni del cielo su questo grande paese e ha dedicato questa terra alla predicazione del vangelo di Gesù Cristo.

Eccoci qui, dopo tutti questi anni, a vedere i frutti di quella preghiera. So che il Signore vi ama e che ama anche questa terra, e so che questo è solo l’inizio”.

Il nuovo palo, il Palo di Noumea, in Nuova Caledonia, comprende duemila membri e otto case di riunione.

I dirigenti della Chiesa hanno chiamato Georgie Guidi come primo presidente del palo, con Marc Mocellin e Thierry Gorodey quali suoi consiglieri.

“L’organizzazione di questo nuovo palo non riguarda solo i membri della Chiesa, riguarda tutto il popolo della Nuova Caledonia”, ha detto il presidente Guidi. “La nostra missione più importante sarà quella di predicare il Vangelo e tutti i suoi principi alle persone della Nuova Caledonia, il che porterà felicità a loro, alle rispettive famiglie, sul luogo di lavoro e nelle comunità”.

Alla conferenza hanno partecipato 800 fedeli. Oltre a loro erano presenti anche Philippe Gomes, l’ex presidente della Nuova Caledonia; Sonia Lagarde, membro del congresso, e Helene Iekawe, membro del governo. La televisione locale e i giornalisti della stampa hanno dato spazio all’evento.

Il palo è stato creato più di cinquant’anni dopo che la piccola congregazione è stata organizzata in Nuova Caledonia nell’ottobre del 1961. La prima casa di riunione è stata costruita sull’isola nel 1972.

Nel 1969, James A. Tatton e Lyle W. Parker sono diventati i primi giovani missionari a lavorare in Nuova Caledonia. Entrambi si sono recati nel paese per la creazione del primo palo.

Nel ritornare dopo quarant’anni, gli ex missionari erano sbalorditi dalla crescita della Chiesa ed erano grati di rivedere i fedeli e gli amici.

I membri della Chiesa Yo-Min e Mara Ngkwaig-Chow erano particolarmente entusiasti di incontrare il fratello Tatton e il fratello Parker. I Ngkwaig-Chow hanno ricordato l’incontro con i due uomini anni fa, mentre stavano servendo come missionari. All’epoca la coppia incontrò i missionari per strada e gli anziani diedero loro un libro storico sui Mormoni, ma la legge del periodo limitava i missionari nel predicare il Vangelo quindi, dopo aver parlato per pochi minuti, gli anziani e i Ngkwaig-Chow presero strade diverse.

Ma il fratello e la sorella Ngkwaig-Chow rimasero colpiti dai giovani anziani e il seme fu piantato. Sei anni dopo la legge cambiò e due altri missionari bussarono alla loro porta. Il fratello e la sorella Ngkwaig-Chow sentirono lo Spirito, accolsero gli insegnamenti del Vangelo e furono presto battezzati.

Durante la sessione della conferenza, l’anziano Hamula ha lodato i primi missionari e li ha paragonati ai giovani missionari attuali.

“Vedrete la differenza di età, ma non vedrete nessuna differenza nella dedizione”, ha detto. “Questi missionari rappresentano l’impegno del Signore con la Nuova Caledonia. Rappresentano tutti i missionari che sono venuti qui e hanno fatto sacrifici nella vita per portare il Vangelo agli abitanti della Nuova Caledonia”.

 La Chiesa in Nuova Caledonia

  • 1943–1946: i primi membri della Nuova Caledonia erano militari di stanza lì durante la Seconda Guerra Mondiale.
  • 1946–Anni ’50: non ci fu attività in Chiesa fino agli anni ’50, quando pochi fedeli tahitiani emigrarono qui per lavorare nella fonderia di nichel.
  • 21 ottobre 1961: fu organizzato il Ramo di Noumea con Teahumanu Manoi come presidente. Il ramo divenne parte della Missione francese della Polinesia.
  • Anni ’60: il lavoro missionario fu rinviato per molti anni a causa delle restrizioni per i visti e dell’opposizione.
  • 2 maggio 1968: l’allora anziano Thomas S. Monson era in piedi su una collina, il Monte Coffyn, che sovrasta la città di Noumea e l’oceano, e dedicò il paese della Nuova Caledonia alla predicazione del Vangelo. Tra i presenti c’erano il presidente della Missione della Polinesia Francese, Karl M. Richards, e il presidente del ramo di Noumea, Teahu Manoi.
  • 15 luglio 1968: i primi missionari erano una coppia sposata, Harold e Jeannine Richards, i quali arrivarono insieme alla loro figlia.
  • 16 novembre 1968: la prima persona battezzata in Nuova Caledonia fu Etienne Sun, allora tredicenne.
  • 20 gennaio 1969: gli anziani James A. Tatton e Lyle W. Parker divennero i primi giovani missionari a entrare in Nuova Caledonia.
  • 24 dicembre 1972: fu dedicata la casa di riunione del ramo di Noumea.
  • Giugno 1975: la Nuova Caledonia e il ramo di Noumea furono trasferiti alla Missione di Suva, nelle Figi.
  • Maggio 1976: il ramo di Noumea fu diviso e la casa di riunione fu ingrandita.
  • 1977: fu organizzato il Distretto della Nuova Caledonia, il quale comprendeva i due rami di Noumea e il ramo di Tontouta.
  • Febbraio 1982: il governo revocò la restrizione sul numero di missionari francesi e accordò il permesso di ingresso nel paese a quattro missionari non francesi.
  • 1992: il numero di membri della Chiesa era raddoppiato rispetto al 1982.
  • 2002: il numero dei fedeli salì a 1.631.
  • 2012: il 27 maggio fu organizzato il Palo di Noumea, in Nuova Caledonia, dall’anziano James J. Hamula dei Settanta, presidente dell’Area Pacifico.