Nove modi in cui puoi avvicinarti a Dio

Inserito da Marianne Holman Prescott, redazione di Church News

  • 11 Marzo 2014

Il 2 marzo 2014, durante la trasmissione della riunione del CES per i giovani adulti, la sorella Linda K. Burton ha illustrato nove modi per avvicinarci a Dio.

Punti salienti dell’articolo

  • 1. Pregare umilmente e con sincerità.
  • 2. Agire con prontezza in base alle impressioni spirituali.
  • 3. Scrutare le Scritture ogni giorno.
  • 4. Osservare la legge del digiuno.
  • 5. Essere degni e rendere il culto nel tempio.
  • 6. “Non scherzare con le cose sacre”.
  • 7. Essere pazienti e andare avanti con fede.
  • 8. Lasciare che sia il Signore a stabilire i dettagli di ciò che Egli sceglie di rivelare e quando farlo.
  • 9. Dare ascolto agli avvertimenti profetici.

“Lo Spirito Santo può fare per noi fisicamente, spiritualmente, emotivamente, mentalmente e intellettualmente ciò che nessun rimedio umano può sperare di imitare”, ha detto la sorella Linda K. Burton, presidentessa generale della Società di Soccorso, durante la riunione del Sistema Educativo della Chiesa del 2 marzo.

La trasmissione è stata tradotta in molte lingue per i giovani adulti della Chiesa di tutto il mondo. [Guarda la trasmissione qui].

Proprio come per uno strumento o per una lingua, anche imparare la lingua dello Spirito è un processo, ha detto la sorella Burton.

“È mio profondo desiderio che aumentiamo la nostra capacità di ascoltare e comprendere i suggerimenti dello Spirito e che agiamo in base ai suggerimenti che riceviamo dallo Spirito Santo”, ha detto. “Per farlo, dobbiamo prima imparare a riconoscere la Sua voce”.

La sorella Burton ha illustrato nove modi atti ad aiutare gli individui nel tentativo di avvicinarsi a Dio e di ascoltare la Sua voce che parla loro.

“Possiamo cominciare riconoscendo che il nostro Padre in cielo vuole comunicare con noi”, ha detto.

1. Pregare umilmente e con sincerità.

“Un modo per pregare con sincerità è imparare a formulare domande sincere e sentite, e a sottoporle al Signore con umiltà”, ha insegnato la sorella Burton. Pregare sinceramente significa che intendiamo agire in accordo con le risposte che riceviamo, ha detto.

2. Agire con prontezza in base alle impressioni spirituali.

Mostrando un video su un evento tratto dalla vita del presidente Thomas S. Monson che mostra l’importanza vitale di rispondere prontamente ai suggerimenti dello Spirito, la sorella Burton ha parlato dell’importanza di agire in base a quelle cose che lo Spirito dirige e di portarle a termine.

3. Scrutare le Scritture ogni giorno.

Citando le parole dell’anziano Robert D. Hales del Quorum dei Dodici Apostoli, la sorella Burton ha detto: “Quando vogliamo parlare a Dio, preghiamo. Quando vogliamo che Egli ci parli, scrutiamo le sacre Scritture; poiché le Sue parole sono espresse tramite i Suoi profeti”.

Raccontando un’esperienza vissuta da lei quando aveva vent’anni, la sorella Burton ha parlato della necessità che aveva di ottenere una risposta alle preghiere sentite che offriva mentre stava lottando con una decisione difficile. Mentre parlava con suo padre, egli le ha suggerito di rivolgersi alle Scritture perché la aiutassero a dare una direzione alla sua decisione.

“Seguii il suo consiglio ispirato e scrutai le Scritture”, dice, ed è stata benedetta con una risposta e con una rassicurazione pacifica nel cuore.

4. Vivere la legge del digiuno.

“Per poter accrescere la nostra capacità di ascoltare la voce dello Spirito, faremmo tutti bene a digiunare per ventiquattro ore ogni domenica di digiuno e a versare un’offerta di digiuno libera per aiutare coloro che sono nel bisogno”, ha detto.

Grazie al digiuno giunge lo spirito di profezia e di rivelazione, insieme all’opportunità di ricevere consigli dal Signore.

5. Essere degni e rendere il culto nel tempio.

Citando le parole del presidente George Albert Smith, la sorella Burton ha detto che “ognuno di noi ha diritto all’ispirazione del Signore in proporzione al modo in cui conduce una vita retta”.

“La dignità sembra un piccolo prezzo da pagare per poter aprire le cateratte del cielo”, ha detto. “Quando teniamo fede alle nostre alleanze e prendiamo il sacramento degnamente, ci viene promesso che avremo lo Spirito sempre con noi. Ma questo succede dopo che stringiamo e manteniamo l’alleanza che noi ci ricorderemo sempre del Salvatore”.

6. “Non scherzare con le cose sacre” (DeA 6:12).

Le persone devono riconoscere che la rivelazione che il Signore ci dà è una responsabilità sacra.

7. Essere pazienti e andare avanti con fede.

La sorella Burton ha detto che quando lei e suo marito erano fidanzati e facevano progetti per il futuro, si sono affidati ai consigli dati dal profeta vivente.

“Procedemmo con fede”, ha detto. “Non è stato facile. […] Oggi, guardando indietro, vediamo come quei passi di fede abbiano portato a benedizioni eterne, benedizioni alle quali avremmo dovuto rinunciare se non avessimo prestato ascolto alla voce dello Spirito tramite un profeta eletto dal Signore”.

8. Lasciare che sia il Signore a stabilire i dettagli di ciò che Egli sceglie di rivelare e quando farlo.

Ha parlato delle esperienze avute dai suoi figli nella ricerca di un degno compagno eterno. Alcune di queste esperienze richiedono anni di paziente attesa e perseveranza nella fede. A volte, quando pregavano, i cieli sembravano loro chiusi.

Quando i tempi del Signore sono in contrasto con i nostri desideri, abbiate fede che, prima di rispondere alle nostre preghiere, Egli vuole che viviamo delle esperienze che ci prepareranno”.

9. Dare ascolto agli avvertimenti profetici.

Citando esempi di avvertimenti ispirati dati dai profeti moderni, la sorella Burton ha insegnato che è sintonizzando in proprio cuore con la voce dello Spirito che giungono le benedizioni.

“Di tutti i doni che Egli avrebbe potuto scegliere di concedere ai noi, Suoi figli e Sue figlie, quando usciamo dalle acque del battesimo, il nostro Padre Celeste ha scelto di darci il dono dello Spirito Santo”.