Preparate e degne: giovani donne entusiaste e desiderose di servire

  Sorella Elaine S. Dalton, presidentessa generale delle Giovani Donne

  • 8 gennaio 2013

Delle giovani donne partecipano al nuovo corso di studio per i giovani della Chiesa.  Foto di Scott G. Winterton.

Punti salienti dell’articolo

  • Negli ultimi anni, il Signore ha preparato le Sue preziose figlie “per un tempo come questo”.
  • I genitori e i dirigenti possono usare l’opuscolo riveduto Per la forza della gioventù e il nuovo programma di studio per i giovani per preparare e rafforzare ulteriormente le giovani donne per i loro ruoli divini.
  • Se i giovani prenderanno parte al lavoro di tempio, saranno protetti e contribuiranno ad affrettare l’opera del Signore.

“Abbiamo visto con i nostri occhi come le giovani donne si siano elevate nella fede, nella virtù e nella testimonianza”. — Sorella Elaine S. Dalton, presidentessa generale delle Giovani Donne

All’ultima conferenza generale, ci sono stati diretti molti inviti da parte dei profeti di Dio: di cercare e trovare i nomi della nostra famiglia da portare al tempio, di essere degni e desiderosi di andare al tempio per espletare questo importante lavoro, di tendere una mano cristiana attorno a noi per servire gli altri, di rafforzare la nostra testimonianza e diventare davvero convertiti e di prepararci prima per il servizio missionario.

Subito dopo la Conferenza generale, a seguito dell’annuncio da parte del presidente Monson delle nuove direttive e dei nuovi requisiti d’età per partire per la missione, diverse giovani donne mi hanno fermato all’uscita dal Centro delle conferenze, dichiarando tutte con entusiasmo: “Sorella Dalton, siamo pronte e degne di servire!” Non è stata una sorpresa per me, né lo è per la nostra presidenza. Abbiamo visto con i nostri occhi come le giovani donne si siano elevate nella fede, nella virtù e nella testimonianza e siano davvero pronte e degne di rispondere all’invito di un profeta.

Abbiamo visto migliaia delle nostre giovani donne nelle ultime settimane e negli ultimi mesi. Non hanno l’aspetto delle immagini mondane che raffigurano le donne sui cartelloni pubblicitari o nelle riviste. Sono modeste, fiduciose e felici. Sono eloquenti e differenti in maniere felici. Sembrano sapere chi sono e di chi sono. Il tema delle Giovani Donne è entrato nel loro cuore e si riflette sui loro volti e nelle loro azioni. Splendono!

Che cosa è avvenuto perché si accendesse questo fuoco di fede? Forse possiamo tornare indietro di alcuni anni e notare come il Signore ha preparato le Sue preziose figlie “per un tempo come questo” (Ester 4:14). Per prima cosa, il valore della virtù è stato aggiunto al tema e ai valori delle Giovani Donne. Questa aggiunta profetica è parsa così importante che in molti si sono chiesti perché non fosse sempre stata presente. Tuttavia, credo che il Signore l’abbia riservata per questo tempo, quando l’opposizione alla virtù, ossia la purezza sessuale, sarebbe stata al suo massimo. La cultura moralmente contaminata in cui navigano le giovani di oggi ha sminuito questo importante valore. Il significato di questa parola è stato oscurato tanto da riferirsi a una serie di svariati valori e indicare forza. Ciononostante, alla base della virtù c’è la purezza, nei pensieri, nelle azioni, nei principi morali. È solo grazie a questo tipo di purezza che si può conseguire la vera forza.

In un’epoca in cui il mondo sta diventando “verde” a livello ambientale, vedo le giovani donne della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni diventare pure moralmente.

È stato inoltre aggiunto al progetto del Progresso personale per il valore della virtù il requisito di leggere il Libro di Mormon. Alle giovani donne ora è chiesto di leggere l’intero Libro di Mormon e di scrivere nel diario i propri sentimenti e riflessioni riguardo a come le società sono state influenzate dalla mancanza di virtù o dal loro ritorno a una vita virtuosa. Questa lettura del Libro di Mormon, a mio avviso, imprime nella giovane donna l’importanza del valore della virtù nella propria vita, donandole anche una testimonianza del Salvatore, dei Suoi profeti e del Suo vangelo. Quando le giovani donne leggono il Libro di Mormon, vengono a conoscenza di altri giovani che hanno servito come missionari, di guerre contro il male, di difficoltà e successi familiari, di che cosa significa stare come testimoni e dell’importanza di fare e rispettare alleanze.

Un’altra aggiunta agli strumenti che possono essere usati dai genitori e dirigenti per preparare e rafforzare le giovani donne per i loro ruoli divini è quella dell’opuscolo riveduto Per la forza della gioventù. Queste norme ispirate aiuteranno le giovani donne nelle loro scelte cosicché possano evitare alcuni degli inganni che il mondo offre. Credo che non sia avvenuto per caso, ma per disegno divino, e che il rispetto di queste norme consenta alle giovani di oggi di operare scelte che faranno la differenza nella loro felicità e nella loro libertà. Attenersi alle norme riportate in Per la forza della gioventù aiuta i giovani, e invero tutti, a divenire idonei alla compagnia e alla guida dello Spirito Santo. Poiché queste preziose figlie di Dio navigano in “territorio nemico”, come affermato dal presidente Boyd K. Packer, vivere queste norme con precisione costituisce una protezione e una grande benedizione (vedi “Consigli ai giovani”, Liahona, novembre 2011, 16).

Osservare queste norme aiuterà le giovani donne a rimanere degne della raccomandazione per il tempio. Ora possono ricevere una raccomandazione per usi specifici tramite un’intervista col vescovo una volta all’anno. Nelle ultime due conferenze generali, le giovani donne e i giovani uomini in tutto il mondo sono stati invitati dai profeti, veggenti e rivelatori a ricercare i propri antenati e a portare i nomi della propria famiglia al tempio per celebrare l’ordinanza battesimale in loro favore (vedi David A. Bednar, “Il cuore dei figli si volgerà”, Liahona, novembre 2011, 24–27; Richard G. Scott, “La gioia di redimere i morti”, Liahona, novembre 2012, 93–95). Con la costruzione di sempre più templi, i giovani saranno benedetti e protetti contro gli inganni del mondo, se si impegneranno nell’opera di salvezza dei membri della loro famiglia e utilizzeranno la tecnologia allo scopo di volgere il cuore dei figli verso i padri e di rendere possibile la loro salvezza. Lo svolgimento di questo lavoro sarà una protezione per i nostri giovani, ed è chiaro che i giovani ricopriranno un grande ruolo nell’affrettare l’opera del Signore in questi ultimi giorni.

Infine, adesso abbiamo un nuovo approccio all’apprendimento e all’insegnamento per i giovani. Vieni e seguitami — Risorse per l'apprendimento dei giovani (vedi www.lds.org/youth/learn) rafforzerà i genitori e le famiglie, poiché studieranno dottrine vere e le applicheranno nella propria vita e nella propria casa e famiglia. Questa risorsa rafforzerà anche i dirigenti e innalzerà il livello della loro comprensione dottrinale. I giovani saranno rafforzati potendo prendersi la responsabilità del proprio apprendimento, divenendo arbitri di sé stessi liberi di agire, condividendo sentimenti, facendo domande, applicando la dottrina nella propria vita e insegnandosi a vicenda. Credo che questo nuovo modo di scoprire le risposte alle proprie domande pertinenti e di imparare mediante lo Spirito possa aiutare le giovani donne a diventare eloquenti sostenitrici della famiglia e del vangelo di Gesù Cristo. Questa risorsa di apprendimento assisterà i genitori nella preparazione delle loro figlie a essere degne di entrare nel tempio, stringere sacre alleanze e adempiere il proprio scopo divino qui sulla terra.

Tutte queste cose concorrono a benedire le giovani donne affinché siano in grado di ricevere e riconoscere la guida dello Spirito Santo nella propria vita. È questa Sua vicinanza che insegna e testimonia di Cristo e mostra loro tutte le cose che devono fare (vedi 2 Nefi 32:5).

Benché l’età in cui una giovane può svolgere la missione sia stata abbassata a 19 anni, la missione può non essere la cosa giusta per ogni giovane donna. Tuttavia, la preparazione a insegnare e a testimoniare della veridicità del vangelo di Gesù Cristo — assieme alla preparazione a stringere e a osservare le sacre alleanze del tempio — è importante per tutti.

Il Signore ama e ha fiducia nei Suoi giovani. Lo si nota nei resoconti scritturali. Mormon aveva 10 anni quando Ammaron andò da lui e gli disse di iniziare a prepararsi per tenere i sacri annali. Joseph Smith aveva 14 anni. Moroni ne aveva 25 quando gli fu chiesto di condurre un esercito. Molti altri cui venne chiesto di fare cose difficili erano nella loro gioventù. Forse abbiamo grandemente sottovalutato le capacità e le abilità dei nostri giovani. Il Signore li ama e ha fiducia in loro. Sono magnifici. Sono nobili e grandi, e adesso è il momento in cui devono “alzar[si] e splende[re], affinché la [loro] luce sia uno stendardo per le nazioni” (DeA 115:5).

Il forte esempio delle giovani donne in risposta a un annuncio profetico mi ha fatto meditare su una domanda personale: “Sarò sempre preparata e pronta quando un profeta di Dio estende un invito che mi richieda di uscire dai miei schemi di comodità?”

Prego che possiamo essere tutti coscienti delle cose meravigliose che stanno avvenendo nella Chiesa e nel mondo oggi e che ognuno di noi possa essere preparato e degno di servire mentre il Signore affretta la Sua opera in questi magnifici ultimi giorni!