Il presidente Monson dedica il Campeggio in Ontario che si chiama come lui

Inserito da Heather Whittle Wrigley e Lauren Call, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 24 giugno 2011

Il Campeggio Thomas S. Monson in Ontario, Canada, fornirà un posto dove i gruppi della Chiesa locale possono apprezzare le attività all’aria aperta.

Punti salienti dell’articolo

  • Il Campeggio Thomas S. Monson si trova vicino Toronto, nell’Ontario, Canada.
  • La proprietà sarà usata per i campeggi delle Giovani Donne e anche come campeggio per il rione e le famiglie.
  • Esso comprende un molo, spazio per le tende, sette piccoli capanni con tavoli da picnic, diverse buche per il fuoco, un padiglione centrale, un anfiteatro, strutture sportive e sentieri per le passeggiate.

“Il campeggio può essere uno dei modi più efficaci per insegnare i principi del Vangelo”. —Larry Gibson, primo consigliere della presidenza generale dei Giovani Uomini

Sabato, 25 giugno 2011, il presidente Thomas S. Monson della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni dedicherà un campeggio chiamato in suo onore vicino Toronto, nell’Ontario, Canada.

Il Campeggio Thomas S. Monson, di 161 ettari—il cui nome è stato ispirato dal periodo in cui il presidente Monson ha servito come presidente di missione della missione canadese dal 1959 al 1962—verrà usato principalmente da otto pali della zona che hanno contribuito a sviluppare il campeggio dall’inizio della sua costruzione circa tre anni fa. Anche altri pali, famiglie e gruppi della Chiesa locali—le organizzazioni delle Giovani Donne, i quorum del Sacerdozio e così via—avranno accesso al campeggio.

I membri di diversi pali parteciperanno all’evento per il quale verranno emessi biglietti, parteciperà anche Anne M. Dibbs, seconda consigliera della presidenza generale delle Giovani Donne.

Una pesante tempesta ha attraversato il campeggio la mattina del 9 giugno, abbattendo alberi e interrompendo l’elettricità, ma le strutture hanno subito pochi danni o nessuno. I volontari dei pali circostanti hanno contribuito a sgomberare i detriti e a pulire la zona nei giorni successivi per prepararsi per la dedicazione.

Il campeggio è stato creato per rispondere alla necessità dei membri locali di un’area che consenta di svolgere le attività della Chiesa, compreso il campeggio, secondo Terry Spallino, direttore degli affari temporali dell’area nord-est del Nord America, che ha supervisionato lo sviluppo del campeggio.

Ci sono più di 153 campeggi della Chiesa in tutto il Nord America, e tutti servono uno scopo comune. Secondo il Sito delle Giovani Donne della Chiesa: “I campeggi sono una parte importante dei programmi delle Giovani Donne e dei Giovani Uomini e sono un mezzo eccellente per rafforzare le testimonianze”.

Mantenere i giovani sul sentiero stretto e angusto

“Una settimana in un campeggio ben organizzato o di attività altamente avventurose incentrate sullo scopo del Sacerdozio di Aaronne può raggiungere un successo paragonabile a un anno di attività settimanali dell’AMM”, ha detto Larry Gibson, primo consigliere della presidenza generale dei Giovani Uomini.

Per esempio, durante il campeggio del 2009 dei Giovani Uomini del palo di Bulawayo, nello Zimbabwe, i giovani hanno potuto interagire, condividendo esperienze, testimonianze e sentimenti, rafforzandosi a vicenda, ha detto Tasara Makaki, presidente del palo di Bulawayu, nello Zimbabwe.

Riunendosi i giovani uomini hanno realizzato quanti erano e che tutti condividevano lo stesso desiderio di vivere il Vangelo, ha detto il presidente Makasi.

Le attività del campeggio dei giovani sono altrettanto importanti ed essenziali per le giovani donne della Chiesa, poiché insegnano loro a: “acquisire competenze, stare tranquille, sperimentare la bellezza della natura e allontanarsi dall’influenza del mondo”, ha detto Elaine S. Dalton, presidentessa generale delle Giovani Donne.

“La testimonianza di una giovane viene rafforzata al campeggio osservando le altre che vivono il Vangelo ogni giorno; imparando dalle dirigenti e pregando, cantando e condividendo la propria testimonianza”, ha detto.

Sperimentare le creazioni di Dio

Di solito i campeggi vengono tenuti in un’area lontana dalle distrazioni del mondo esterno.

“Allontanarsi dai rumori del mondo, dai cellulari, dagli sms, dalla musica, da Internet e “rilassarsi” e basta, ha detto la sorella Dalton. “È quando senti la voce calma e sommessa e quando ammiri il cielo tempestato di stelle che sai che tutte le cose testimoniano di Cristo”.

Situato a circa due ore a nord-est di Toronto, sulla riva del lago Little Bald, il Campeggio Thomas S. Monson comprende un molo, spazio per le tende, sette piccoli capanni con tavoli da picnic, diverse buche per il fuoco, un padiglione centrale, un anfiteatro, strutture sportive e sentieri per le passeggiate.

I capanni e il padiglione portano il nome dei valori delle Giovani Donne: fede, natura divina, valore personale, conoscenza, scelte e responsabilità, buone opere e integrità.

Come gli altri campeggi dei Giovani Uomini e delle Giovani Donne, questo campeggio fornirà ai giovani l’opportunità di parlare del Vangelo, diimparare dai rispettivi dirigenti e di rafforzare la propria testimonianza.

Un tempo per insegnare

“Il campeggio può essere uno dei modi più efficaci per insegnare i principi del Vangelo”, ha detto il fratello Gibson.

Le attività svolte durante i campeggi richiedono spesso che i giovani partecipino a sfide che mettono alla prova la mente e il corpo e incoraggiano la fiducia e il lavoro di squadra.

Le sfide dimostrano ai giovani che essi sono più abili di quanto credono e li prepareranno ad accettare i suggerimenti dello Spirito, ha detto il fratello Gibson. “Quando i giovani uomini vengono messi alla prova fino al limite, diventano più disposti ad imparare e più capaci di ascoltare lo Spirito e i loro dirigenti”.

Durante il campeggio del palo di Bulawayo del 2009, i giovani uomini hanno partecipato ad attività che li hanno aiutati a imparare il valore del lavoro di squadra.

“Attività … come scalare le rocce hanno permesso loro di vedere come hanno bisogno l’uno dell’altro—come ognuno di loro può fare la differenza nella propria vita e nella vita degli altri”, ha detto il presidente Makasi.

In futuro, le migliaia di giovani uomini e donne, Scout, e membri delle famiglie che percorreranno il sentiero Serenity del Campeggio Thomas S. Monson troveranno un luogo pensato per la riflessione e l’introspezione. Le future giovani donne che frequenteranno il campeggio avranno l’opportunità sviluppare e abbellire lo Young Women Memorial Garden.