Notizie ed eventi della Chiesa

I giovani della rappresentazione pasquale rendono testimonianza di Cristo

Inserito da Heather Wrigley, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 10 maggio 2011

Mentre rivolgono i propri pensieri al Salvatore preparandosi per recitare nella Rappresentazione pasquale a Mesa, Arizona, i giovani attori hanno scoperto che la propria testimonianza di Lui si è rafforzata.

La Rappresentazione pasquale di Mesa, Arizona, è la più grande rappresentazione di Pasqua all’aperto del mondo, attirando più di 100.000 spettatori in due settimane di spettacolo e coinvolgendo quasi mille persone tra cast e troupe. I giovani che partecipano al racconto della storia della Resurrezione mediante parole, musica, danza e dramma, hanno scoperto che mentre rivolgevano i propri pensieri al Salvatore mentre si preparavano per la rappresentazione anche il loro cuore si è rivolto a Lui.

“Attraverso [lo spettacolo] ci avviciniamo a Cristo”, ha detto Don Evans, presidente della Rappresentazione pasquale di Mesa. “Esso cambia la vita non solo degli spettatori, ma degli stessi partecipanti alla rappresentazione”.

Tyler Pace, oggi ventunenne uno dei centurioni della rappresentazione di quest’anno, ha interpretato molti ruoli negli scorsi anni, incluso il personaggio del giovane Gesù. La rappresentazione lo ha portato a comprendere più a fondo quello che il Salvatore ha affrontato, ha detto.

“Avevo una profonda testimonianza di Gesù Cristo”, ha detto, “ma questa è l’unica esperienza dove mi sono sentito come se stessi sperimentando la Sua vita. … È una cosa che non dimenticherò mai”.

Lee e Carol Pace, i genitori di Tyler, e le loro famiglie prestano ogni anno le pecore alla rappresentazione, compreso l’agnello bianco per la scena del sacrificio. La partecipazione della famiglia alla rappresentazione è cominciata tredici anni fa, quando i sette figli erano tutti piccoli.

Il loro figlio Michael ha detto che ogni anno in cui partecipa, la rappresentazione gli dona un “meraviglioso sentimento di pace e di calma”. È come se “la mia vita fosse stata in qualche modo riallineata con gli insegnamenti di Cristo”, ha detto.

Nello spettacolo di quest’anno il giovane Armando Diaz, che non appartiene alla Chiesa, ha recitato nel ruolo di un pastore. “Non importa a quale religione appartieni, sembra come se fossimo tutti riuniti sotto un’unica religione”, ha detto.

Meigan, la figli di Nick e Debra Parker, ha recitato nel ruolo di una bambina della moltitudine che doveva sedersi in braccio a Cristo e darGli un bacio sulla guancia. Ha detto che far parte della rappresentazione è emozionante.

Anche sua madre vede lo spettacolo come una valida esperienza. “Quando nostro figlio maggiore era più giovane, mi sembrava che Pasqua stesse diventando una festa commerciale come il Natale”, ha detto sorella Parker. “Mi chiedevo come potessi aiutare i miei figli a sentire il vero significato della Pasqua”.

Cominciarono a prendere parte alla rappresentazione; nel 2011 ne avevano già fatto parte sette volte.

Michelle Laparra, una ragazza che ha recitato nella parte di un membro della moltitudine, ha raccontato di essere entrata a far parte del cast a 12 anni.

“Una grande parte di me si avvicina al Padre Celeste e si sente più vicina a Gesù Cristo grazie alla rappresentazione di Pasqua”, ha detto. “È stato durante la scena finale dove entriamo in scena e cantiamo ‘I know He lives’ [So che Egli vive]. Avevo pregato e sentito con certezza che Cristo vive e lo stavo testimoniando a tutto il pubblico, e sapevo che era vero”.

Un’altra partecipante alla rappresentazione, Kayla Paetridge, quest’anno interpretava un angelo. Ha detto che la sua testimonianza è stata rafforzata dalla sua partecipazione all’evento insieme alla sua famiglia.

“La mia esperienza con la rappresentazione di Pasqua mi ha veramente aiutata a ottenere una testimonianza del Salvatore”, ha detto. “Quando ho studiato le Scritture e ho partecipato alle scene, ho [sentito di avere stretto di più il] rapporto personale con Lui”.