Notizie ed eventi della Chiesa

I pionieri moderni seguono le orme dei primi santi

Inserito da Melissa Merrill, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 21 July 2011

La giapponese Akie Taneda era una ragazza quando la sua famiglia ha festeggiato i primi Santi degli Ultimi Giorni pionieri tenendo una “notte delle candele” durante la quale non hanno usato l’elettricità. “La fiamma delle candele era piccola, ma produceva una luce molto calda”, ha detto.

Questo fine settimana—come molti altri Santi degli Ultimi Giorni in tutto il mondo— Akie rifletterà sul retaggio spirituale comune che tutti loro condividono mentre la Chiesa commemora l’arrivo dei pionieri nella Valle del Lago Salato il 24 luglio 1847.

“Quando arriva il periodo per la celebrazione dei pionieri, mi ritrovo a canticchiare l’inno: ‘Santi, venite’ e ripeto a me stessa ‘Tutto ben’”, dice.

Grazie al proprio retaggio pionieristico—quando era adolescente, i membri della sua famiglia hanno smesso di andare in Chiesa uno alla volta, finché lei è rimasta l’unica—Akie ha detto di sentirsi legata ai pionieri del XIX secolo che lei e la sua famiglia hanno celebrato quando era una bambina—e a tutti i pionieri in tutto il mondo.

Alla giovane Akie piaceva andare in Chiesa, ma si è resa conto che “perché mi piace” non è una ragione sufficiente per continuare a farlo quando la sua famiglia ha smesso. Cercando una testimonianza più profonda, ha pregato spesso, e un giorno ha ricevuto una risposta.

“Lo Spirito mi ha detto chiaramente nel cuore che Gesù Cristo è il nostro Mediatore e che Dio è il Padre del mio spirito”, ha detto.

Dopo di ciò, ha provato con maggiore ardore a volgere il cuore allo Spirito Santo e ha deciso che a prescindere dalle situazioni, quando sentiva lo Spirito avrebbe seguito i Suoi suggerimenti. A volte si preoccupava che il suo coinvolgimento nella Chiesa l’avrebbe estraniata dalla sua famiglia, ma il suo desiderio di essere connessa alla sua dimora celeste l’ha aiutata a restare dedita alla sua fede.

“La mia fede non è spuntata un giorno all’improvviso, ma è stata piuttosto ereditata in una linea ininterrotta”, ha detto. “E mi conforta il fatto che a prescindere dal tempo e dalla nazionalità, sono collegata alle altre persone che seguono il Signore”.

Fede per un nuovo inizio

Un altro pioniere simile che ha seguito il Signore è Chinedu Oji Anya della Nigeria. Nel 1989, Chinedu è stato invitato a partecipare alla benedizione del suo nipotino in una cappella SUG. La riunione ha impressionato Chinedu positivamente—gli piaceva il fatto che ai giovani, alle donne e agli uomini fosse data l’opportunità di parlare. Era alla ricerca di “una chiesa dove tutti erano importanti e dove Gesù Cristo era il Signore”. Entro la fine dell’anno, Chinedu decise che aveva trovato ciò che stava cercando nella Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. È stato battezzato il 16 dicembre 1989,

ma la strada che aveva davanti non era facile. Essendo il primo a lasciare la numerosa chiesa tradizionale di famiglia, all’inizio Chinedu si è sentito solo nella sua nuova fede. Ha perso molti cari amici, e sviluppare nuovi modelli—come lo studio familiare delle Scritture, la preghiera familiare e la serata familiare; pagando la decima e santificando il giorno di riposo—è stato difficile all’inizio, almeno fino a quando sua moglie e i suoi figli si sono uniti alla Chiesa sei mesi dopo il suo battesimo. “Mi sentivo come un pionere sotto molti aspetti”, ha detto.

Conoscere la storia dei primi Santi degli Ultimi Giorni in Nord America ha aiutato Chinedu durante le difficoltà.

“Le terrificanti esperienze e gli esempi dei primi santi pionieri mi hanno davvero ispirato ad accrescere la mia testimonianza che questa è l’unica Chiesa vera e vivente sulla faccia di tutta la terra”, ha detto. “Il fatto che la Chiesa sia sopravvissuta e abbia prosperato anche dopo che il profeta Joseph Smith Jr è stato ucciso mi ha confermato che Gesù Cristo stesso ne è a capo e che è davvero la Sua Chiesa”.

Con quella fede nel Salvatore, ha cominciato a scoprire che i sacrifici che stava compiendo valevano lo sforzo.

“Quando ho smesso di fumare e di bere alcool la mia salute è migliorata”, ha detto. “Come famiglia siamo più felici, mia moglie ed io ci amiamo di più. Più di ogni altra cosa, ci sentivamo più vicini a Dio e al nostro Salvatore, Gesù Cristo”.

Oggi Chinedu, sua moglie e i loro figli stanno lavorando per diventare una famiglia eterna. Quando ripensano ai più di venti anni come membri della Chiesa—un periodo di tempo durante il quale hanno servito in molte posizioni di dirigenza e hanno aiutato a portare gli altri nella Chiesa—riconoscono subito che lo spirito dei pionieri può aiutare tutti i membri della Chiesa.

“Oggi, in tutto il mondo, ci sono molti pionieri e noi dovremmo davvero celebrarli. [Essi] hanno fatto diversi sacrifici per aiutare la Chiesa a diventare quella che è oggi”, ha detto Chinedu.

E mentre spera che i festeggiamenti per il Giorno dei pionieri di quest’anno includeranno riflettere sulla storia della Chiesa a Owerri, nello Stato dell’Imo, in Nigeria, e riunirsi con i membri del rione a casa sua, Chinedu riconosce che essere un pioniere è qualcosa che tutti possono fare tutto l’anno.

“Tutti noi possiamo essere pionieri a nostro modo e nei nostri luoghi”, ha continuato. “Possiamo—a prescindere di quanto tempo siamo membri della Chiesa—compiere sacrifici e inoltre aiutare i nostri amici, parenti e colleghi ad abbracciare il vangelo di Gesù Cristo”.

Un’opportunità per riflettere e ricordare

Quell’aiutare gli altri ad abbracciare il Vangelo è esattamente ciò a cui l’anziano John Fenn e la sorella Jean Fenn hanno dedicato il loro tempo mentre servivano come direttori dei siti storici mormoni dei carretti a mano nel Wyoming, USA. Ogni estate, circa 25.000 giovani pertecipano alle ricostruzioni locali del viaggio dei pionieri; anche ulteriori visitatori—molti dei quali di altre fedi—si fermano a visitare i siti.

La sorella Fenn dice che, sebbene l’anziano Fenn sia il discendente diretto di un pioniere della compagnia dei carretti a mano di Martin, la cosa che tocca di più la coppia è quando le persone che non sono legate per discendenza giungono alla conclusione che anche loro hanno parte in quel retaggio.

Arrivare a conoscere le storie dei pionieri visitando i siti come quelli del Wyoming, partecipando agli eventi come le ricostruzioni locali, o intraprendendo uno studio personale “dona ai membri della Chiesa la possibilità di riflettere su quello che hanno fatto quelle persone per permetterci di credere ciò che crediamo”, ha aggiunto l’anziano Fenn. “Siamo quelli che siamo perché essi erano quelli che erano”.

Crescere e progredire

Nery Méndez Aguirre è divenuto collegato al retaggio dei pionieri SUG all’età di tre anni, quando i suoi genitori si sono uniti alla Chiesa in Guatemala. A quel tempo la Chiesa era piuttosto nuova nel paese, ma stava crescendo.

Infatti, stava crescendo così tanto che fu acquistato un terreno e fu iniziata la costruzione di una nuova cappella. A quel tempo i membri contribuivano direttamente alla costruzione, donando tempo per scavare fossati, trasportare e posizionare mattoni e lavorare con cemento, ferro e altri materiali.

“Ci incontravamo tutti insieme in gruppi di lavoro”, ha detto Nery. “Mangiavamo insieme, e i fratelli e le sorelle lavoravano durante la notte poiché non potevamo lavorare alla cappella durante il nostro orario di lavoro”.

Quando la cappella fu completata, i membri erano felici per la loro nuova casa di riunione, che divenne la casa del Rione di Victorias. Fu lì che Nery fu battezzato a otto anni.

Ma poiché la Chiesa cresceva nella zona e nella cappella non c’era più posto, Nery e la sua famiglia dovettero lasciarla e cominciare a recarsi in un posto nuovo. Sebbene i motivi che causarono la partenza siano diversi, l’esperienza gli ricorda i Santi che dovettero lasciare Kirtland dopo avervi costruito un bellissimo tempio.

Parlando di quei santi, ha detto: “Senza soldi e con pochissime risorse, hanno dato, … e hanno completato la casa del Signore. Vedendo sacrifici così grandi, Egli allora offrì loro alcune delle più grandi esperienze spirituali degli ultimi giorni”.

In modo simile, Nery ha detto che diventare un Santo degli ultimi Giorni ha richiesto sacrifici per tutta la vita. “Essere membri della Chiesa ha significato non poter far parte di squadre sportive [la domenica], essere esclusi dai gruppi popolari perché non condividevamo abitudini come bere e fumare, essere respinti perché osservavamo la legge di castità e non era di moda”, ha detto. “Si potrebbe dire che [come i pionieri], abbiamo attraversato il deserto, perché molte volte eravamo soli nella nostra lotta e nella ricerca dello Spirito”.

Quando Nery è partito per svolgere una missione, i suoi amici all’università lo chiamavano pazzo. All’inizio anche suo padre dubitava dell’importanza del servizio missionario perché si preoccupava che suo figlio si laureasse. Ma Nery non solo finì la missione e si laurerò, proseguì fino a diventare membro di un gruppo scelto di medici specializzati all’estero. È stato in Spagna, dove Nery si è recato e dove vive adesso, che ha incontrato la donna che sarebbe diventata sua moglie e con la quale adesso ha una famiglia eterna.

“Tutte queste esperienze mi hanno portato grandi benefici mentre ho aiutato i nuovi convertiti nel loro sentiero del discepolo in Cristo”, ha detto Nery. “Mi aiutato molto donare loro luce e speranza in un mondo dove non siamo perseguitati fisicamente, ma intellettualmente e moralmente.

“Sono grato per l’esempio dei primi pionieri della Chiesa che erano disposti a dare tutto, persino la vita, per l’opera meravigliosa che avevano abbracciato”, ha detto. Celebrando il Giorno dei pionieri ogni anno—attraverso festival danzanti, ricostruzioni del viaggio dei pionieri, canzoni e poesie—ha detto: “abbiamo ricevuto molto coraggio per affrontare le nostre avversità imparando dai grandi sacrifici che hanno compiuto. Ecco perché festeggiamo il Giorno dei pionieri. Poiché so che questa è l’opera del Signore, ho voluto compiere i miei sacrifici personali in modo da poter continuare a crescere”.