Notizie ed eventi della Chiesa

Preparazione, aiuti umanitari e fede aiutano la ripresa dall’alluvione nelle Filippine

  • 29 agosto 2012

A Manila e nelle aree circostanti, i volontari di Mani che aiutano: "I Mormoni" hanno già cominciato ad aiutare a ripulire dove l’acqua si è ritirata.  Fotografia di Mark Cayago.

Con l’aiuto della Chiesa e dei suoi collaboratori, i membri delle Filippine si stanno ancora riprendendo dall’alluvione iniziata il 7 agosto 2012, quando sulla capitale Manila si è abbattuto l’equivalente di mezzo mese di pioggia in meno di 24 ore.

Un recente rapporto stilato dai Servizi di benessere della Chiesa stima in 35 — circa 10.000 fedeli — il numero di pali e distretti colpiti. Più di 400 case di riunione sono al momento utilizzate come aree di evacuazione per coloro che sono nel bisogno, sia membri che non.

Ad oggi, gli interventi di soccorso umanitario hanno consentito la distribuzione di quasi 13.000 pacchi di cibo, 7.889 corredi per l’igiene, 650 corredi per bambini e 200 equipaggiamenti da notte.

A presiedere il palo di Marikina, una delle zone più fortemente colpite a causa della depressione del territorio che ingloba un fiume esondato durante le abbondanti piogge dell’ultimo periodo, è il presidente Jose Manarin. Le circostanze in cui versano i membri di Marikina riflettono quelle di molte aree intorno a Manila.

“La maggior parte dei nostri membri vive vicino al fiume”, ha riferito il presidente Manarin. “L’alluvione ora copre la maggior parte delle loro proprietà”.

Tuttavia, ha detto, dato che le alluvioni avvengono piuttosto spesso, i fedeli sono stati preparati in anticipo. Un edificio nelle vicinanze era già predisposto per l’evacuazione — con docce, bagni e cucine — e i membri vi si sono riparati. Anche alcune altre cappelle della zona sono al momento utilizzate come centri di evacuazione.

Quando le acque si sono levate, un gruppo di membri della Chiesa ha usato la barca di un ente pubblico locale per soccorrere chi era rimasto intrappolato in casa o per portare cibo a coloro che non ne disponevano.

“È nostra premura insegnare costantemente ai membri a prepararsi per calamità come questa”, ha sottolineato il presidente Manarin.

Fra tre giorni, prevede, le acque inizieranno a retrocedere e i fedeli potranno tornare nelle proprie case e cominciare il processo di ripulimento. A Quezon City, i volontari di Mani che aiutano: “I Mormoni”, molti dei quali avevano la casa sommersa dall’acqua, hanno avviato i soccorsi fin dal 9 agosto.

Alcuni dei giovani e dei giovani adulti non sposati del palo Marikina hanno già cominciato a dare una mano nelle aree dove l’acqua è scesa.

“Le loro case e le loro cose sono state distrutte dall’acqua, ma ciò che è importante per loro è che sono ancora vivi”, ha detto il presidente Manarin. “Sarà dura per molti di loro, perché dovranno sostituire ciò che è stato perso e il lavoro è difficile da trovare qui, ma sorridono ancora”.

Parte della spiegazione di questi sorrisi, ha aggiunto, è la loro forte fede. La prima domenica dopo l’alluvione, i membri si sono riuniti in una cappella per una breve riunione sacramentale: una cappella era ricolma di sfollati, mentre un’altra era allagata. La seconda domenica, sono stati in grado di seguire l’intero programma di riunioni della Chiesa.

“Durante la riunione, hanno raccontato la propria storia e come sono stati rafforzati grazie alla loro fede, perché le loro preghiere erano state esaudite”, ha detto il presidente Manarin. “I nostri membri sono maturi nel Vangelo. La loro fede è forte… Sono fedeli”.

La Chiesa continua a valutare le necessità dei propri membri e dei loro vicini e continuerà a fornire aiuto a coloro che sono nel bisogno.