Il tempio di Provo City Center, nello Utah, insegna lezioni sulla conversione

  Heather Whittle Wrigley, Notizie ed eventi della Chiesa

  • 12 aprile 2012

Completato nel 1898, il tebernacolo di Provo (a sinistra) è stato adesso convertito nel tempio di Provo City Center (rappresentato a destra), annunciato alla conferenza generale di ottobre 2011.

Punti salienti dell’articolo

  • 17 aprile 1898: Il tabernacolo di Provo viene dedicato dopo 15 anni di costruzione per mano dei pionieri mormoni.
  • 17 dicembre 2010: un incendio distrugge l’interno dell’edificio storico, lasciando in piedi soltanto le quattro mura e le torrette angolari.
  • 1 ottobre 2011: Il presidente Thomas S. Monson annuncia che il tabernacolo sarà convertito nel tempio di Provo City Center.

“Quando siamo restaurati o convertiti, raggiungeremo il meglio di noi e saremo anche migliori”. —Anziano William R. Walker dei Settanta, direttore esecutivo del dipartimento del tempio

Nel cuore di Provo, Utah, USA, operai con caschetto arancione girano intorno a supporti di acciaio e metalli contorti per ripulire i detriti tutt’intorno alle quattro pareti carbonizzate.

Quelle pareti sono tutto ciò che resta dello storico tabernacolo di Provo, un simbolo di 114 anni del retaggio pionieristico della città, in seguito all’incendio devastante che ha distrutto l’edificio nelle prime ore del mattino del 17 dicembre 2010. Oggi il tabernacolo sta subendo una trasformazione mentre gli operai rafforzano le fondamenta e lo convertono in qualcosa con uno scopo ancora più grande; il tempio di Provo City Center.

È soltanto il quarto tempio ad essere stato creato convertendo un edificio già esistente. Altri comprendono il tempio danese di Copenhagen, il tempio di Manhattan, New York e il tempio di Vernal, Utah.

Il processo di conversione che ciascuno di questi edifici ha subito, e che il tabernacolo di Provo sta subendo, per diventare un luogo in cui il Signore possa dimorare ci fa pensare profondamente al processo di conversione che ogni individuo deve sperimentare per ritornare a dimorare con il Salvatore.

Il bisogno di convertirsi

L’anziano William R. Walker dei Settanta, direttore esecutivo del dipartimento del tempio, ha paragonato la conversione di questi edifici in templi al processo di conversione attraverso cui ciascun individuo deve passare.

Entrambi erano già delle strutture utili, dedicate al servizio del Salvatore. Ma un ampio processo di rinnovamento era necessario per poter creare qualcosa che potesse adempiere uno scopo superiore. 

“Il primo uso era molto buono e molto bello, ma il nuovo uso sarà ancora più bello e più importante, più divino”, ha detto l’anziano Walker. Similmente, “Quando siamo restaurati o convertiti, raggiungeremo il meglio di noi e saremo anche migliori”.

La conversione di ogni individuo inizia a un punto di partenza diverso. Come il tabernacolo di Provo, il processo di conversione di un individuo può comprendere eventi difficili e dolorosi.

“Nessuno avrebbe voluto l’incendio, ma a volte quelle crisi ci possono aiutare a riconcentrarci sul nostro vero valore”, ha detto Dean Davies, ex direttore generale del dipartimento per i progetti speciali della Chiesa e recentemente chiamato come secondo consigliere del Vescovato Presiedente. “A volte dobbiamo subire uno shock nelle nostre vite per risvegliarci e renderci conto del nostro potenziale”.

Indipendentemente dalle circostanze di un individuo, il processo di conversione non è mai faclile; richiede fede e impegno. Tuttavia, è un processo che tutti i seguaci di Cristo devono intraprendere per poter raggiungere il loro pieno potenziale come figli e figlie di Dio.

“Quando la nostra conversione aumenta diventiamo più coerenti e fedeli a ciò che sappiamo”, ha detto l’anziano David A. Bednar del Quorum dei Dodici Apostoli. “Una cosa è sapere che è vero e un’altra cosa è essere coerenti e fedeli a ciò che sappiamo essere vero. I membri della Chiesa hanno bisogno di avere di più che delle testimonianze. Devono essere convertiti”.

Edificare su un fondamento sicuro

Nel descrivere la conversione del tabernacolo di Provo, il vescovo Davies ha usato la parola preservazione.

“La parola preservare significa riportare meglio che puoi una cosa alla sua condizione originale e, allo stesso tempo, migliorarne e rafforzarne la struttura”, ha detto. “Non togli [il fondamento originale], ma lo rafforzi aggiungendo, invece che togliendo”.

Queste “migliorie” sono simili ai cambiamenti che gli individui fanno quando diventano convertiti al Vangelo, il quale descrive Cristo come nostro “fondamento” (vedere Helaman 5:12).

La conversione personale non richiede di ripartire da zero; Dio prende ciò che è buono e lo rende migliore. Una volta che il nostro fondamento è rafforzato, Egli vi aggiunge altro bene.Il presidente David O. McKay (1873–1970) ha detto: “Lo scopo del Vangelo è… di rendere buoni gli uomini malvagi e di rendere migliori gli uomini buoni, e di cambiare la natura umana” (vedere David O. McKay, in Conference Report, aprile 1954, 26.) 

In molti casi un individuo può essere già utile nel regno del Signore. Ma a causa dello scopo superiore che Egli ha in serbo per i Suoi figli, Dio fornisce un processo di rinnovamento ampio e in modi personalizzati, per chiunque accetti la chiamata a seguire il suo Figliolo.

Nelle settimane che hanno seguito l’incendio, la Chiesa ha riunito una squadra di esperti, architetti, ingegneri, costruttori professionisti, storici e altri, per creare un piano di preservazione.

Secondo David Hall Jr., direttore del progetto del tempio e membro della squadra di preservazione, convertire il tabernacolo in un tempio richiederà scavi molto profondi per rafforzare le fondamenta, l’aggiunta di strutture di sostegno e una progettazione accurata degli interni, per menzionare alcune delle modifiche da fare.

“Chiaramente, il nostro desiderio è di salvare possibilmente tutto ciò che può essere utile”, ha detto. “Se ci sono dettagli che possiamo recuperare dall’edificio esistente e riutilizzarli nel progetto, siamo intenzionati a farlo al fine di mantenere evidenti le caratteristiche fisiche dell’edificio originale nel contesto del suo nuovo scopo”.

Il tempio di Provo City Center avrà anche vetrate lavorate, spirali ornamentali e altre cose che siamo riusciti a salvare dai resti del tabernacolo.

Il mastro architetto William Harrison Folsom, il progettista originale del tabernacolo di Provo, progettò anche il tempio di Manti, Utah e la Assembly Hall nella Piazza del Tempio. I sovrintendenti hanno studiato questi edifici per determinare l’approccio che il fratello Fulsom avrebbe usato nel convertire l’edificio in una struttura più sacra.

Allo stesso modo, nelle Scritture abbiamo gli insegnamenti di Cristo che non riportano solo numerosi metodi di conversione, ma ci insegnano anche quali attributi dobbiamo sviluppare per poter diventare veri convertiti (vedere Matteo 18:3).

Un mutamento di cuore

Per ciascuno degli edifici rinnovati — Copenhagen, Manhattan, Provo, e Vernal — la conversione della struttura esistente in un tempio, rispecchia il processo della conversione personale. Sebbene l’aspetto esterno è rimasto pressappoco lo stesso, ogni edificio ha subito un cambiamento significativo all’interno ed è stato incentrato su un nuovo scopo.

Benché l’esterno dei templi convertiti non appaia molto diverso dall’aspetto esteriore originale, i cambiamenti sono ovviamente evidenti all’interno di questi sacri edifici.

Nonostante il tabernacolo fosse in precedenza usato per eventi che spaziavano dalle conferenze alle rappresentazioni culturali, una volta che l’edificio viene dedicato per essere un tempio, i Santi degli Ultimi Giorni lo frequenteranno per stipulare impegni e promesse formali con Dio e per prendere parte alle ordinanze superiori del vangelo, come il matrimonio eterno e il suggellamento delle famiglie per l’eternità. I membri che entreranno nel tempio potranno anche celebrare battesimi per procura per i defunti.

Quando ricevono determinate ordinanze nel tempio, i membri passano attraverso molte stanze prima di accedere alla sala celeste. Soltanto alcuni templi adottano questo sistema di “passaggio” di stanza in stanza.

“Si può dire che quando l’edificio è ultimato, ha un nuovo cuore, è stato convertito, è cambiato, è diverso; e quando noi siamo veramente convertiti, cambieremo, saremo diversi”, ha enfatizzato l’anziano Walker citando Alma 5:26–28.

Quando il tabernacolo diventa il tempio di Provo City Center e gli individui continuano a fare della loro conversione uno stile di vita, entrambi diventano un meccanismo di conversione.

“Quando le persone vanno al tempio, viene loro ricordato del rapporto che hanno con il Signore; vengono loro ricordati la creazione e gli insegnamenti del Salvatore. Si impegnano a vivere i comandamenti”, ha detto l’anziano Walker. “Quindi, in verità, il culto attivo nel tempio… li aiuta in quel processo di conversione per cementare la loro fede e la loro testimonianza.

Per saperne di più sul tempio di Provo City Center

Quando il tempio di Provo City Center sarà completato, sarà composto da un piano sotterraneo e due piani in superficie. Benché più grande del tabernacolo convertito in tempio della città di Vernal, Utah, il tempio di Provo City Center sarà soltanto un terzo delle dimensioni del tempio di Provo, Utah, situato a circa 5 km di distanza.

Una nuova struttura del tetto permetterà agli ingegneri di aggiungere nuovamente una torre centrale, la quale fornirà il posto per la statua dell’angelo Moroni, ha detto il fratello Hall. L’originale torre centrale dell’edificio fu rimossa nel 1917 per evitare che il tetto cedesse sotto il peso eccessivo.

La parte a sud del nuovo tempio disporrà di posti auto e di spazi da adibire a parcheggio, per ospitare i membri. In aggiunta, ha detto il vescovo Davies, ci sarà una struttura separata vicino al tempio, simile a quella situata vicino al tempio di Salt Lake City, dove gli ospiti possono aspettare durante la celebrazione di matrimoni e altre cerimonie.