Mettere in pratica ciò che si impara in Chiesa, a casa e nella vita familiare

  Marianne Holman, redazione di Church News

  • 17 settembre 2013

I genitori devono fare di più che semplicemente essere un esempio. Devono diventare “mentori” o guide, persone con cui i figli possono svilupparsi, ha insegnato il fratello Matthew O. Richardson, secondo consigliere della presidenza generale della Scuola Domenicale.  Fotografia di Janneke Ann Marquez.

Punti salienti dell’articolo

  • Mettere in pratica ciò che si impara in Chiesa e nella propria casa contribuisce ad approfondire la conversione che porta a vivere i principi del Vangelo.
  • Porre domande e avere conversazioni è fondamentale per rafforzare i rapporti familiari e comprendere il livello di conversione personale di ogni membro della famiglia.
  • Fornire un modello, dare l’esempio ed essere una guida è importante nell’insegnamento, specialmente in famiglia..

“Tutto ciò che facciamo dovrebbe migliorare l’apprendimento e l’insegnamento sia nella Chiesa che nella casa” — Fratello Matthew O. Richardson, secondo consigliere della presidenza generale della Scuola Domenicale

PROVO, UTAH

Tutto ciò che si fa nella Chiesa ha lo scopo di aiutare la famiglia, ha detto il fratello Matthew O. Richardson, secondo consigliere della presidenza generale della Scuola Domenicale, durante un intervento alla Settimana dell’istruzione presso il campus della Brigham Young University il 21 agosto.

“A volte possiamo fare le cose un po’ al contrario”, ha detto. “Mandiamo i nostri figli, mandiamo le persone, mandiamo noi stessi a essere istruiti nell’edificio della Chiesa e poi torniamo a casa e ci togliamo i vestiti della Chiesa il prima possibile”.

Invece di essere semplicemente un posto dove andare la domenica, la chiesa dovrebbe essere un luogo di rinnovamento e un’opportunità nella quale le persone partecipano ed escono ricaricate per andare a vivere il Vangelo nella loro casa, ha osservato.

“Tutto ciò che facciamo dovrebbe migliorare l’apprendimento e l’insegnamento sia nella Chiesa che nella casa”, ha affermato.

Il fratello Richardson ha detto che delle ricerche hanno dimostrato che solo un terzo dei membri “attivi” della Chiesa tiene effettivamente lo studio familiare delle Scritture, la serata familiare, lo studio personale delle Scritture e la preghiera personale o familiare. Un altro terzo svolge queste attività “a tempo perso” e l’ultimo terzo non le fa per nulla.

Ha parlato del processo di conversione e di come, quando le persone mettono in pratica ciò che imparano in chiesa nella loro casa, riescono ad approfondire in sé la conversione che porta a vivere i principi del Vangelo.

“A me viene la domanda: ‘Ma come si riesce a fare?”, ha detto. “Come insegniamo [alla nostra famiglia]?”

Porre domande e avere conversazioni è fondamentale per rafforzare i rapporti familiari e aiutare i genitori a sapere dove si trovano i loro figli in termini di conversione personale. Un altro elemento importante per insegnare nella casa è l’esempio, ha asserito.

“Fornire un modello diventa una parte importante dell’insegnamento, specialmente nella casa”, ha affermato. “Stiamo riscontrando che gran parte delle ricerche dicono che impariamo grandi cose in chiesa, ma poi, quando ce ne torniamo a casa, non mettiamo in pratica quei principi, disfacendo così tutta quella conoscenza del Vangelo.

Matthew O. Richardson, secondo consigliere della presidenza generale della Scuola Domenicale.

I genitori devono fare di più che semplicemente essere un esempio. Devono diventare “mentori” o guide, persone con cui i figli possono svilupparsi.

“Più che dell’esempio, forse abbiamo bisogno di maggiore guida”, ha detto. “È qualcosa di più di condurre la propria vita essendo un esempio, […] ma anche quando invitiamo le persone lungo il cammino, ponendoci come mentori, diventiamo una guida in un certo qual modo.

“Uno dei miei inni preferiti, che mi ha aiutato a cercare di trovare un modo migliore per imparare e insegnare, è ‘Sono un figlio di Dio’ ”.

Ha detto di considerare quell’inno della Primaria come un grande modello del tipo di genitori che conducono, guidano e camminano al fianco dei figli per aiutarli a trovare la strada.

“Non trascinano soltanto [i loro figli] lungo la via”, ha detto. “Insegnano [ai loro figli] tutto quello che devono fare per ritornare a Lui. Questo è un buon modello di guida”.

È nella casa che i genitori possono rinforzare quello che loro — e i loro figli — hanno imparato in chiesa.

“La casa dovrebbe essere l’opportunità per mietere le proprie esperienze”, ha detto.

Una grande parte dell’insegnamento dei genitori nella casa consiste nell’affidarsi allo Spirito Santo per insegnare mediante lo Spirito. Invece di solamente parlare, riprendere o dire ai loro figli come vivere o cosa fare, i genitori devono insegnare in maniera adeguata alla situazione, al momento e al contesto.

Citando il presidente Henry B. Eyring della Prima Presidenza, il fratello Richardson ha detto: “Il puro vangelo di Gesù Cristo deve scendere nel cuore [delle persone] tramite il potere dello Spirito Santo”.

Nonostante l’allievo possa scegliere di accettare o rifiutare gli insegnamenti, l’insegnante deve agire avendo fede che lo Spirito Santo testimonierà all’allievo che gli insegnamenti sono veri, penetrandogli nel cuore e facendo avvenire la conversione.

Quando le dottrine entrano nel cuore dell’insegnante e dell’allievo, le azioni di entrambi rifletteranno una profonda conversione. È sfruttando le occasioni di insegnamento, per mezzo di un dialogo aperto, ponendo e rispondendo a domande e invitando gli altri ad agire che le famiglie possono sperimentare una conversione più profonda.