Risorse per aiutare i genitori a preparare i bambini per il battesimo

Inserito da Rosemary M. Wixom, Jean A. Stevens e Cheryl A. Esplin, presidenza generale della Primaria

  • 30 Gennaio 2014

Un padre parla con la figlia del giorno del suo battesimo. Diversi principi e risorse possono aiutare i genitori e gli insegnanti a preparare i figli per queste sacre ordinanze.  Fotografia di Nancy Ann Higgens.

Punti salienti dell’articolo

  • Prepararsi spiritualmente.
  • Studiare le risorse e le attività e poi fare un piano.
  • Imparare e condividere assieme.
  • Cercare opportunità di insegnamento.

“Insegnatene l’importanza affinché il loro battesimo resti impresso nella loro memoria per tutto il resto della loro vita”. —Anziano Robert D. Hales del Quorum dei Dodici Apostoli

Una madre di quattro figli dice che, dal momento in cui nasce un figlio, lei e suo marito cominciano ad insegnargli cos’è il battesimo. Ma è quando il bambino compie sette anni che la famiglia dà il via a una preparazione più specifica. Una volta al mese fanno una serata familiare a tema, trattando argomenti legati al battesimo, come ad esempio le alleanze e l’esempio di Gesù. “Ci assicuriamo di insegnare che la decisione di battezzarsi è il primo passo nella preparazione per le benedizioni del tempio”, ha detto (vedi Jessica Larsen e Marissa Widdison, “Aiutiamo i bambini a prepararsi per il battesimo”, Liahona, aprile 2013).

La Chiesa ha fornito molte risorse che possono assistere i genitori nella loro responsabilità di preparare i figli a battezzarsi e a ricevere il dono dello Spirito Santo. Di seguito sono riportati diversi principi e risorse che i genitori e gli insegnanti possono trovare utili per preparare i figli per queste sacre ordinanze.

Prepararsi spiritualmente

Parte della preparazione spirituale è sforzarsi di capire e di mettere in pratica ciò che insegniamo. Quando noi, come genitori, studiamo personalmente la dottrina del battesimo e del dono dello Spirito Santo, possiamo testimoniare e insegnare in base alla nostra stessa esperienza.

Studiare le risorse e le attività e poi fare un piano

Le Scritture, i discorsi delle Autorità generali, i manuali, la musica, i video, gli articoli delle riviste e le storie sono alcune delle risorse che possono essere particolarmente utili per preparare i nostri figli per il battesimo e il ricevimento del dono dello Spirito Santo. Tutte queste cose sono accessibili su LDS.org digitando “battesimo” e “dono dello Spirito Santo” nella barra di ricerca.

Imparare e condividere assieme

James, otto anni, è pronto per farsi battezzare da suo padre.

Possiamo parlare ai nostri figli e scoprire quello che sanno e quali domande hanno. Perché i bambini comprendano davvero il significato di quello che stiamo insegnando, devono essere attivamente coinvolti nell’apprendimento. Possiamo aiutarli a cercare e studiare passi scritturali e parole dei profeti moderni che siano pertinenti, presentare esempi di quello che stiamo insegnando usando sussidi visivi e video e dare loro l’opportunità di condividere i loro pensieri e sentimenti riguardo a quello che stanno imparando. Insegnare: non c’è chiamata più grande offre idee per un apprendimento interattivo e coinvolgente.

Cercare opportunità di insegnamento

Le occasioni per insegnare ai nostri figli possono giungere in conversazioni informali, mentre lavoriamo con loro, o in momenti di insegnamento maggiormente pianificati. Se prestiamo attenzione, possiamo trasformare molte delle esperienze dei nostri figli in momenti di insegnamento. I nostri figli faranno tesoro delle volte in cui ci dedichiamo a studiare e imparare con loro. Una donna ricorda quando suo padre la prese da parte ogni settimana per due mesi, prima che compisse otto anni, per istruirla e prepararla al battesimo. Ha detto: “Non dimenticherò mai l’amore che ho sentito da parte di mio papà, mentre trascorreva quel tempo con me”.

Come presidenza della Primaria, facciamo eco alle parole dell’anziano Robert D. Hales del Quorum dei Dodici Apostoli, il quale, sollecitando i genitori a preparare i loro figli per la sacra ordinanza del battesimo, ha detto: “Insegnatene l’importanza affinché il loro battesimo resti impresso nella loro memoria spirituale per tutto il resto della loro vita” (“L’alleanza del battesimo: essere nel regno e del regno”, conferenza generale di ottobre 2000).