La sorella Burton e la sorella Wixom visitano l’Area Pacifico della Chiesa

  Sarah Jane Weaver, vice direttrice del Church News

  • 2 aprile 2013

La sorella Rosemary M. Wixom, a sinistra, e la sorella Linda K. Burton, terza da sinistra, incontrano le donne della Chiesa nel Tonga durante una recente visita nell’Area Pacifico.  Foto ©IRI.

Punti salienti dell’articolo

  • La sorella Linda K. Burton e la sorella Rosemary M. Wixom si sono recate in Nuova Zelanda, Tonga, Samoa e Samoa americane nel mese di febbraio.
  • Si sono concentrate sugli obiettivi del 2013 relativi all’Area Pacifico della Chiesa: salvare la nuova generazione, rafforzare le famiglie e il sacerdozio e accrescere e sostenere la conversione.
  • Hanno incontrato molti membri, alcuni dei quali stanno affrontando prove difficili con grande fede.

“Ho sentito profondamente che il nostro Padre Celeste ama tutti i Suoi figli. Siano essi obbedienti ai comandamenti o meno, Egli desidera che tornino a casa”. — Sorella Linda K. Burton, presidentessa generale della Società di Soccorso

La sorella Linda K. Burton, presidentessa generale della Società di Soccorso e la sorella Rosemary M. Wixom, presidentessa generale della Primaria, si sono recate in Nuova Zelanda, Tonga, Samoa e Samoa Americane dal 16 al 26 febbraio — visitando i membri e partecipando ad addestramenti con i dirigenti.

“Abbiamo subito capito che il popolo polinesiano dell’Area Pacifico è caloroso, ricettivo e fedele”, ha detto la sorella Wixom riguardo alla visita.

Ad assistere le sorelle durante la visita c’erano i membri della presidenza dell’Area Pacifico della Chiesa: l’anziano James J. Hamula, l’anziano Kevin W. Pearson e l’anziano F. Michael Watson — tutti dei Settanta.

Per la sorella Burton, che ha vissuto in Nuova Zelanda da adolescente, questo viaggio l’ha fatta sentire “a casa”. Infatti, durante una delle riunioni, la sorella Burton ha incontrato un ex collega universitario del Church College, in Nuova Zelanda.

Durante il loro viaggio, le sorelle — che sono state accompagnate dai rispettivi mariti, Craig Burton e Jack Wixom — hanno incentrato molti dei loro discorsi sugli obiettivi del 2013 relativi all’Area Pacifico della Chiesa — salvare la nuova generazione, rafforzare le famiglie e il sacerdozio e accrescere e sostenere la conversione. “Ovunque siamo andate abbiamo parlato del piano di salvezza — il Suo piano per noi come individui e questo sentiero che stiamo percorrendo per tornare a Lui”, ha detto la sorella Wixom.

Le sorelle hanno visitato le scuole della Chiesa e i templi in Tonga e nelle Samoa e hanno visto coi loro occhi l’impegno umanitario della Chiesa nel Pacifico.

In Nuova Zelanda, la sorella Wixom ha visitato lo Starship Children’s Hospital. Un ragazzino di undici anni, membro della Chiesa, che era in ospedale in attesa di ricevere un intervento chirurgico al cuore, ha parlato con lei. “Quando ho paura, mio papà mi legge le Scritture”, ha spiegato il ragazzo.

In Nuova Zelanda, la sorella Burton ha visitato Ailsa Margaret Coutts, una donna che aveva appena celebrato il suo 100º compleanno.

Entrambe le sorelle hanno trascorso del tempo con le giovani madri e con i giovani adulti. I figli delle giovani madri sono stati accuditi durante la riunione dai membri adulti non sposati, i quali hanno poi condiviso il loro “dolce spirito di testimonianza” con i loro dirigenti delle organizzazioni ausiliarie.

La sorella Burton e la sorella Wixom hanno anche incontrato altri bambini della Chiesa nelle rispettive case, hanno assistito a un programma della Primaria in Tonga e sono state accolte nelle Samoa Americane dai bambini che “cantavano con tutto il loro cuore”, ha detto la sorella Burton. “È stato bello, un vero spettacolo”.

In aggiunta, un momento toccante per le sorelle Burton e Wixom è avvenuto durante le “visite di soccorso” — durante cui hanno avuto la possibilità di incontrare e consigliare i membri della Chiesa che, per varie ragioni, non erano pienamente attivi nel vangelo di Gesù Cristo o che erano attivi nel Vangelo e stavano affrontando le difficoltà con grande fede.

La sorella Rosemary M. Wixom, presidentessa generale della Primaria, saluta un bambino secondo la tradizione locale sfregando il naso contro il suo. Foto ©IRI.

“Ho sentito profondamente che il nostro Padre Celeste ama tutti i Suoi figli”, ha detto la sorella Burton parlando delle visite. “Siano essi obbedienti ai comandamenti o meno, Egli desidera che tornino a casa”.

La sorella Wixom ha detto che durante le visite di soccorso, le persone nella stanza si istruivano a vicenda. “Le loro testimonianze li ispiravano a vicenda”.

E le sorelle hanno incontrato una famiglia di nove persone che aveva perso la casa quando un ciclone si è abbattuto sulle Samoa, il 14 dicembre. I membri della Chiesa avevano aiutato la famiglia a ricostruirla.

Infine, l’intero viaggio è stato un’esperienza che nessuna delle due potrà mai dimenticare. “Ci è piaciuto ascoltare le loro storie. Ci è piaciuto molto sentire la loro fede e la loro speranza”, ha detto la sorella Burton.

“Il popolo Polinesiano rappresenta una cultura di amore e di rispetto”, ha detto la sorella Wixom. Essi amano i loro figli, si amano a vicenda e amano il vangelo di Gesù Cristo. È stata un’esperienza meravigliosa da vivere”.