Parte 2: La preparazione spirituale fondamentale per le dirigenti delle Giovani Donne

Inserito da Sorella Bonnie L. Oscarson, presidentessa generale delle Giovani Donne

  • 20 Aprile 2016

Le dirigenti adulte devono insegnare alle giovani donne, come nel caso di questa ragazza in Mongolia, che la preparazione spirituale è fondamentale per diventare una valida dirigente.

Punti salienti dell’articolo

  • Aiutate una presidentessa di classe chiamata da poco a comprendere che la preparazione spirituale è fondamentale per diventare una valida dirigente.

“Insegnate alle vostre dirigenti delle giovani che le loro abitudini e i loro comportamenti spirituali, personali e privati, avranno sulla loro capacità di insegnare e ministrare efficacemente alle giovani donne della propria classe un impatto molto più forte di qualunque altra cosa esse possano fare” — Sorella Bonnie L. Oscarson, presidentessa generale delle Giovani Donne

Questo è il secondo di una serie di articoli per le presidenze di classe.

Nella chiesa restaurata, le giovani donne sono persone straordinarie che giocano un ruolo importante nell’edificazione del regno del Signore in questi ultimi giorni e nella preparazione del mondo alla seconda venuta del Salvatore.

Una delle opportunità significative che hanno di partecipare a quest’opera è quella di essere dirigenti delle giovani nella propria presidenza di classe. Queste chiamate sono sacre e possono costituire una considerevole opportunità se, in veste di dirigenti adulte, abbiamo la visione necessaria per lasciar spazio alle nostre giovani in modo che possano dirigere, ministrare e crescere.

Nel primo articolo di questa serie sulla dirigenza dei giovani, la sorella Carol F. McConkie ha indicato che le giovani donne che servono nelle presidenze di classe sono chiamate per rivelazione, vengono messe a parte da coloro che detengono le chiavi del sacerdozio e agiscono nella propria chiamata con l’autorità delegata del sacerdozio. La sorella McConkie ha elencato molte delle responsabilità che ha una giovane dirigente, spiegando che adulti e genitori dovrebbero aiutare tale giovane a comprendere tali responsabilità, nel momento in cui comincia a servire nella sua nuova chiamata di dirigente (vedere “ L’influenza delle presidenze di classe delle Giovani Donne”).

La preparazione spirituale

Il primo principio della dirigenza evangelica elencato nel Manuale 2 – L’amministrazione della Chiesa è la preparazione spirituale (vedere la sezione 3: “Essere dirigenti nella Chiesa di Gesù Cristo”). Noi adulti comprendiamo che, quando cominciamo a servire in una nuova chiamata, dobbiamo cercare la guida dello Spirito Santo tramite la preghiera e lo studio delle Scritture. Dobbiamo quindi aiutare una presidentessa di classe chiamata da poco a comprendere che prepararsi spiritualmente, prima ancora di condurre la sua prima riunione o di aiutare a preparare e a realizzare un’attività, è una delle cose più importanti che ella può fare per essere una valida dirigente.

La lezione sulla dirigenza per le presidenze di classe intitolata “Dirigere alla maniera del Salvatore”, che potete trovare sulla sezione delle Giovani Donne su LDS.org, offre alcuni spunti ottimi sul modo in cui le giovani donne possono prepararsi spiritualmente per essere dirigenti efficaci e simili a Cristo.

Altri suggerimenti:

  • Studiate le parole di Cristo ogni giorno. Studiate avendo in mente una giovane donna specifica o una difficoltà che state affrontando come dirigenti. Prestate attenzione alle impressioni dello Spirito Santo mentre cercate dei modi per seguire l’esempio del Salvatore.
  • Osservate le norme che le vostre giovani donne fanno più fatica a vivere. Consigliatevi assieme come presidenza per sapere come aiutarle.
  • Pregate individualmente e come presidenza per avere guida nella vostra chiamata. Prestate attenzione ai suggerimenti dello Spirito Santo per sapere in che modo potete essere uno strumento nelle mani del Signore.
  • Pensate alle giovani donne della vostra classe e pregate per loro per nome. Cercate la guida dello Spirito Santo su come aiutare i singoli membri della classe e agite in base alle impressioni che ricevete.
  • Selezionate un attributo cristiano che vorreste sviluppare personalmente. Studiate i versetti che insegnano tale attributo. Pregate che il Signore vi aiuti a sviluppare la qualità scelta e prestate attenzione a come i vostri sforzi vi aiutano ad adempiere il vostro ruolo di dirigenti.
  • Insegnate alle vostre dirigenti delle giovani che le loro abitudini e i loro comportamenti spirituali, personali e privati, avranno sulla loro capacità di insegnare e ministrare efficacemente alle giovani donne della propria classe un impatto molto più forte di qualunque altra cosa esse possano fare.
  • Insegnate l’importanza della costanza nello studio delle Scritture e nella preghiera e incoraggiate le giovani a pregare in maniera specifica per i singoli membri della classe e per le sfide particolari che vedono tra i loro coetanei.

Parte della preparazione spirituale di una dirigente dei giovani dovrebbe includere la lettura anticipata delle Scritture e della lezione e l’essere pronta a partecipare in maniera attiva alla discussione in classe. I membri della presidenza di classe possono concordare con le dirigenti adulte di dirigere parti specifiche della discussione in classe. Immaginate quanto sarebbe maggiore la partecipazione se un membro della presidenza di classe dirigesse la discussione al termine della lezione, parlando di come i membri della classe possono vivere secondo i principi che sono stati discussi e incoraggiandoli a fissare degli obiettivi per la settimana a venire. Richiederà tempo, pianificazione e uno sforzo anzitempo.

Insegnate cosa significa essere state “messe a parte”

Essere spiritualmente preparate qualifica le dirigenti delle giovani a ricevere le benedizioni associate con la chiamata per la quale sono state messe a parte. Dobbiamo aiutarle a capire cosa significa essere state messe a parte per una chiamata. Il presidente Spencer W. Kimball ha detto: “La messa a parte può essere presa alla lettera. È una messa a parte dal peccato, a parte dalle cose della carne, a parte da tutto ciò che è rozzo, vile, malvagio, triviale o volgare; è una messa a parte dal mondo e verso un livello superiore di pensiero e di attività. La benedizione dipende dall’assolvimento fedele dell’incarico” (Predicare il mio Vangelo – Guida al servizio missionario [2004], 4).

Diventare una dirigente simile a Cristo

Essere una buona dirigente che è preparata spiritualmente include l’essere un buon esempio. Il Salvatore fu prima di tutto un dirigente tramite il Suo esempio perfetto. Egli disse: “Perché son disceso dal cielo per fare non la mia volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato” (Giovanni 6:38). Una buona dirigente delle giovani si sforzerà di essere obbediente nell’osservanza dei comandamenti, in modo da poter essere una luce per i membri della propria classe e da qualificarsi per la guida dello Spirito Santo nella propria chiamata.

Le nostre giovani donne non sono soltanto dirigenti future della Chiesa; esse sono dirigenti già adesso, se noi glielo permettiamo. La loro capacità di dirigere, di amare, di insegnare e di ministrare non ha limiti. Nel continuare questa serie incentrata sulle presidenze di classe, cominciamo a insegnar loro l’importanza della preparazione spirituale mentre esse diventano dirigenti della Chiesa di Cristo simili a Lui.

Altri articoli della serie

Parte 1: “Chiamate a dirigere” — L’influenza delle presidenze di classe delle Giovani Donne

Parte 3: “Eppoi venite, e discutiamo assieme”

Parte 4: Ministrare al prossimo è un comandamento e un’alleanza