Raggiunte le 10.000 registrazioni a Vineyard

  Chelsee Niebergall, Church News and Events

  • 20 maggio 2011

Punti salienti dell’articolo

  • Quattro mesi dopo il lancio del sito, Helping in the Vineyard ha raggiunto la pietra miliare di 10.000 volontari registrati.
  • Gli amministratori del sito continuano ad aggiungere progetti di servizio.

“È come fare lavoro missionario. So che la Chiesa userà le risorse che ho contribuito a sviluppare per diffondere il Vangelo”. —Paul Urzagaste, volontario di Vineyard

Helping in the Vineyard, un sito Internet lanciato in gennaio 2011, ha raggiunto la pietra miliare di 10.000 volontari registrati.

Gli amministratori di Vineyard speravano di raggiungere i 10.000 iscritti entro la fine del 2011, ma più persone e prima del previsto hanno risposto all’invito di contribuire all’opera del Signore. La nuova meta degli amministratori sulle registrazioni a fine anno è 25.000.

Vineyard è un sito che aiuta a collegare i membri e gli amici della Chiesa a occasioni di servizio on-line che favoriscono il progresso dell’opera della Chiesa.

Chiunque può registrarsi e offrire il proprio aiuto. Chi è interessato per prima cosa deve accedere con il conto LDS al sito vineyard.LDS.org. (Chi non ha un conto LDS può crearlo nel sito). I volontari leggono poi le occasioni di servizio nelle categorie prodotti multimediali e pubblicazioni della Chiesa, genealogia e traduzione, quindi scelgono le attività che interessano loro. Le attività sono poi salvate in uno spazio lavorativo personale. Poiché non ci sono scadenze o tempi prestabiliti, i volontari possono lavorare sui progetti quanto vogliono.

Uno dei servizi più scelti è stato caricare ed etichettare le immagini, tuttavia gli amministratori di Vineyard sperano di coinvolgere più persone nel lavoro di traduzione.

Joseph Jatip, direttore del programma di Vineyard, ha spiegato che un altro obiettivo è far tradurre in trentuno lingue Gli insegnamenti dei profeti moderni, manuale di seminario e d’istituto di circa tremila pagine di testo, quindi ha aggiunto:

“Per riuscirci abbiamo bisogno di molto aiuto”.

Gli amministratori di Vineyard pensano di aggiungere in futuro più progetti al sito, tra cui il montaggio di video.

Vineyard forma una comunità mondiale come risorsa per completare una gran quantità di lavoro in breve tempo. Molto di questo lavoro è svolto on-line, con potenzialmente migliaia di persone impegnate allo stesso tempo in un singolo progetto.

Paul Urzagaste, nativo della Bolivia che ora vive a Logan, nello Utah, USA, ha raccontato che gli piace servire in vineyard.LDS.org, perché quello che fa può aiutare le persone nel mondo a imparare il vangelo di Gesù Cristo, e ha detto:

“È come fare lavoro missionario. So che la Chiesa userà le risorse che ho contribuito a sviluppare per diffondere il Vangelo”.

Jennifer Goodman, proveniente da Kona, nelle Hawaii, USA, ha spiegato di aver deciso di collaborare con Vineyard dopo aver ascoltato un discorso della conferenza generale sul prestare servizio. Il sito è per lei un’ottima occasione, perché può collaborare quando libera da altri impegni e, nonostante tutto, prestare un utile servizio.

Ha raccontato: “Mi fa sentire più utile alla causa dell’edificazione della Chiesa”.