Relazione del Comitato di revisione della Chiesa

Ted E. Davis


Il Comitato di revisione è indipendente da tutti gli altri dirigenti, operazioni, dipartimenti e dipendenti della Chiesa e riferisce direttamente alla Prima Presidenza. Abbiamo a disposizione tutta la documentazione operativa e dipartimentale e il personale necessario per assolvere il nostro compito. Abbiamo esaminato l'adeguatezza dei controlli sulle entrate e le uscite dei fondi e le altre procedure per la salvaguardia dei beni della Chiesa e delle organizzazioni da essa controllate, inclusi i sistemi attualmente in uso per la gestione del bilancio, la tenuta della contabilità, i rendiconti e le revisioni. Abbiamo anche ricevuto la relativa documentazione finanziaria della Chiesa per l'anno che è terminato il 31 dicembre 1993.

Gli esborsi dai fondi generali della Chiesa durante l'anno erano autorizzati dal Consiglio per la disposizione delle decime che è formato dalla Prima Presidenza, dal Consiglio dei Dodici e dal Vescovato Presiedente, come prescritto per rivelazione. Il Comitato per gli stanziamenti e il Comitato per il bilancio controllano gli esborsi principali dei fondi di bilancio.

Il Dipartimento delle revisioni della Chiesa effettua su base di campionatura le revisioni finanziarie e operative, inclusi i sistemi meccanografici usati dalla Chiesa per le sue operazioni in tutto il mondo. Il personale del dipartimento è formato da contabili pubblici accreditati e da revisori altrettanto qualificati, ed è indipendente da tutte le altre operazioni e dipartimenti della Chiesa. Le imprese commerciali di proprietà della Chiesa o controllate sono soggette a revisione da parte del Dipartimento delle revisioni della Chiesa o da ditte indipendenti specializzate in questi settori. Le revisioni dei fondi locali nei rioni e nei pali sono effettuate sul luogo. Le procedure di revisione locali sono stabilite dal Dipartimento delle revisioni della Chiesa, che verifica anche i risultati delle revisioni delle unità locali.

Sulla base della nostra revisione del sistema di controlli finanziari e operativi e dei rapporti e delle relazioni di revisione, siamo dell'avviso che le procedure di controllo sul bilancio, la contabilità, la revisione e le altre attività hanno esercitato un adeguato controllo sui beni e sugli obblighi della Chiesa. Sotto tutti gli aspetti materiali, tutti i fondi della Chiesa ricevuti e spesi durante l'anno che è terminato il 31 dicembre 1993 sono stati controllati e conteggiati secondo le linee di condotta e le procedure stabilite dalla Chiesa.

Con profondo rispetto,
IL COMITATO DI REVISIONE DELLA CHIESA
James B. Jacobson