Stare di buon animo ed essere fedeli nelle avversità

Anziano Adhemar Damiani

Of the Second Quorum of the Seventy


Adhemar Damiani
Il vangelo di Gesù Cristo ci fornisce la forza e la prospettiva eterna necessarie per affrontare con gioia ciò che ci capita.

Come possiamo trovare pace in questo mondo? Come possiamo perseverare? Come possiamo superare le difficoltà e le prove che incontriamo?

Il Salvatore Gesù Cristo disse: «V’ho dette queste cose, affinché abbiate pace in me. Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi animo, io ho vinto il mondo». 1

Parte della nostra prova terrena consiste nel passare attraverso l’afflizione, il dolore e la delusione. Possiamo trovare pace solamente in Gesù Cristo. Egli può aiutarci a essere di buon animo e a superare tutte le prove di questa vita.

Che cosa significa essere di buon animo? Significa avere speranza, non scoraggiarsi, non perdere la fede e vivere la vita con gioia. «Gli uomini sono affinché possano provare gioia». 2 Significa guardare alla vita con fiducia.

Il vangelo di Gesù Cristo ci fornisce la forza e la prospettiva eterna necessarie per affrontare con gioia ciò che ci capita. Tuttavia non dobbiamo sottovalutare le difficoltà che sono state profetizzate per i nostri giorni.

Quali sono alcune di queste difficoltà? Come possiamo affrontarle?

Alcune di queste difficoltà sono la mancanza di speranza, di amore e di pace.

Il profeta Moroni insegnò: «Se non avete speranza dovete necessariamente essere nella disperazione; e la disperazione viene a causa dell’iniquità». 3 Per molti, gli anni che verranno potrebbero essere pieni di disperazione. Più grande è l’iniquità, più grande sarà la disperazione.

Il Salvatore disse: «Perché l’iniquità sarà moltiplicata, la carità dei più si raffredderà». 4 Col crescere dell’iniquità il vero amore scompare. Ne risulta una crescita di paura, insicurezza e sgomento.

Al profeta Joseph Smith il Signore ha detto: «Voglio che tutti sappiano che il giorno viene rapidamente… in cui la pace sarà tolta dalla terra e il diavolo avrà potere sul suo proprio dominio. Ed anche il Signore avrà potere sui suoi santi e regnerà in mezzo a loro». 5 Viviamo in un momento in cui la pace è stata tolta dalla terra.

Allo stesso tempo però viviamo in un’epoca gloriosa, il tempo in cui il Signore ha restaurato il Suo sacerdozio. Il vero vangelo è stato restaurato. La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è il regno di Dio sulla terra! Noi stiamo aiutando a preparare la terra per il giorno in cui il Signore Gesù Cristo verrà e regnerà personalmente.

Perché allora dobbiamo affrontare prove nella vita?

Il Signore non ci nasconde che Egli testerà la nostra fede e la nostra obbedienza. «E in questo modo li metteremo alla prova», disse, «per vedere se essi faranno tutte le cose che il Signore loro Dio comanderà loro». 6

Nel libro di Ecclesiaste, leggiamo: «Tutto succede ugualmente a tutti; la medesima sorte attende il giusto e l’empio, il buono e puro e l’impuro… tanto è il buono quanto il peccatore… che tutti abbiano una medesima sorte». 7 Le tempeste si possono abbattere sulla vita dell’uomo che ha costruito la sua vita sulla roccia del Vangelo come pure sullo stolto che ha costruito la sua vita sulle cose futili di questo mondo. 8

Come dovremmo reagire davanti a queste prove?

Il Signore ha detto: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi seguiti». 9 Ogni giorno dobbiamo prendere la nostra croce e spingerci innanzi senza rimanere ai margini del nostro cammino eterno.

Come facciamo a sapere se si tratta di un momento di prova o se il Signore ci sta punendo?

Le prove rappresentano un’opportunità di crescita. Il Signore ha detto: «Il mio popolo deve essere messo alla prova in ogni cosa, affinché sia preparato a ricevere la gloria che ho da dargli, sì, la gloria di Sion; e colui che non vuole sopportare il castigo, non è degno del mio regno». 10

Quando veniamo messi alla prova dobbiamo meditare e chiederci: «Che cosa vuole il Signore che io faccia in questa situazione?»

Il Signore disse queste parole di conforto al profeta Joseph Smith: «Sappi figlio mio che tutte queste cose ti daranno esperienza, e saranno per il tuo bene. Il Figlio dell’Uomo è sceso al di sotto di tutte queste cose: Sei tu più grande di lui?» 11 Dobbiamo vedere in ogni prova un’opportunità di crescita. Un giorno capiremo il perché.

Il Signore ha detto: «Coloro che amo li castigo pure, affinché i loro peccati siano perdonati, poiché con il castigo io preparo una via per liberarli». 12 Il Signore vuole bene a ognuno di noi. Desidera che siamo felici. Questa felicità viene grazie alla fede in Gesù Cristo, pentendoci sinceramente e veramente, obbedendo ai Suoi comandamenti e perseverando fino alla fine.

A volte pensiamo che il Signore non senta e non risponda alle nostre preghiere. In quei momenti dobbiamo fermarci e pensare a quello che abbiamo fatto nella nostra vita. Se necessario, dobbiamo mettere la nostra vita in linea con il vangelo di Gesù Cristo. Tramite il profeta Joseph Smith, il Signore ha rivelato:

«Io, il Signore, ho permesso che l’afflizione con la quale sono stati afflitti li colpisse, in conseguenza delle loro trasgressioni…

Sono stati lenti a dare ascolto alla voce del Signore loro Dio; perciò il Signore loro Dio è lento a dare ascolto alle loro preghiere, e a rispondere loro nel giorno della loro tribolazione;

Nel tempo della pace essi presero alla leggera il mio consiglio; ma nel giorno della tribolazione, per necessità essi brancolano in cerca di me». 13

Quando proviamo il sincero desiderio di mettere la nostra vita in linea con la volontà del Signore, Egli è sempre pronto ad aiutarci a rendere più leggero il nostro carico.

Cos’è che distrugge il nostro ottimismo e la nostra speranza?

Gesù Cristo spiegò ai Dodici Apostoli alcune delle cose che possono distruggere la nostra speranza e scoraggiarci: quelle cose che ci fanno cadere in tentazione, incapaci di resistere alle afflizioni e tribolazioni, che non ci fanno sopportare le persecuzioni, ci fanno amare il mondo, ci spingono a cercare le ricchezze prima di tutto invece di farci perseverare fino alla fine e permettendo ai falsi profeti di ingannarci. 14

Che cosa, allora, ci dà coraggio e speranza?

L’invito del Signore per ognuno di noi è: «Venite a me, voi tutti che siete travagliati ed aggravati, e io vi darò riposo». 15 Gesù Cristo ha il potere di darci ristoro dal dolore e dalla sofferenza.

Il profeta Mormon insegnò:

«Pertanto, se uno ha fede, deve necessariamente avere speranza; poiché senza fede non può esservi nessuna speranza…

E se uno è mite ed umile di cuore, e confessa mediante il potere dello Spirito Santo che Gesù è il Cristo, deve necessariamente avere carità». 16

Se ogni giorno abbiamo fede, siamo miti, abbiamo carità e siamo umili di cuore, confessiamo che Gesù è il Cristo e accettiamo la Sua espiazione saremo benedetti con la forza e la speranza per affrontare e superare le prove e i dolori di questa vita.

Quali sono alcune delle promesse del Signore per ognuno di noi?

«Siate di buon animo, piccoli fanciulli, poiché io sono in mezzo a voi e non vi ho abbandonati». 17

«Siate di buon animo poiché io vi condurrò innanzi. Il regno è vostro e le sue benedizioni sono vostre, e le ricchezze dell’eternità sono vostre». 18

Cito ora le parole del profeta Ether: «Pertanto chiunque crede in Dio potrà con sicurezza sperare in un mondo migliore, sì, anzi, un posto alla destra di Dio; la quale speranza viene dalla fede e dà un’ancora alle anime degli uomini». 19

Dio è nostro Padre. Noi siamo Suoi figli. Dio ci ama. Desidera la nostra felicità qui in questa vita e per tutta l’eternità. Oggi siamo guidati da un vero profeta di Dio. Gesù è il Cristo. Grazie a Lui possiamo trovare la pace in questo mondo. Nel nome di Gesù Cristo. Amen.

Mostra riferimenti

  1.  

    1. Giovanni 16:33.

  2.  

    2. 2 Nefi 2:25.

  3.  

    3. Moroni 10:22.

  4.  

    4. Matteo 24:12.

  5.  

    5. DeA 1:35–36.

  6.  

    6. Abrahamo 3:25.

  7.  

    7. Ecclesiaste 9:2–3.

  8.  

    8. Vedere Matteo 7:24–27.

  9.  

    9. Luca 9:23.

  10.  

    10. DeA 136:31.

  11.  

    11. DeA 122:7–8.

  12.  

    12. DeA 95:1.

  13.  

    13. DeA 101:2, 7–8.

  14.  

    14. Vedere Matteo 13:19–23.

  15.  

    15. Matteo 11:28.

  16.  

    16. Moroni 7:42, 44.

  17.  

    17. DeA 61:36.

  18.  

    18. DeA 78:18.

  19.  

    19. Ether 12:4.