E chi è il mio prossimo?

H. David Burton

Presiding Bishop


Esprimiamo il nostro apprezzamento alle molte persone… che sono buoni samaritani moderni.

Buona sera. Stasera i passi delle Scritture «in quanto l’avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me» (Matteo 25:40) e «ricordate in ogni cosa i poveri e i bisognosi» (DeA 52:40) assumeranno un significato speciale mentre esamineremo alcuni sforzi umanitari compiuti nello scorso anno.

Recentemente si è tenuto un briefing sull’assistenza umanitaria presso il Comitato generale del programma di benessere della Chiesa. Il presidente del comitato, allora il presidente Gordon B. Hinckley, espresse profonda gratitudine per la generosità dei fedeli e di coloro che non sono della nostra fede che hanno reso possibile questi risultati. Da parte del Comitato generale del programma di benessere, esprimiamo il nostro apprezzamento alle molte persone, famiglie, quorum, Società di Soccorso e gruppi di Giovani Donne che sono i buoni samaritani di oggi.

Nel 2007 la Chiesa è intervenuta in caso di forti terremoti in 5 paesi, incendi massicci in 6 paesi, fame e carestia in 18 paesi e inondazioni e tempeste in 34 paesi. In totale, la Chiesa e i suoi membri sono intervenuti in 170 situazioni gravi, quasi un intervento ogni due giorni dell’intero anno. È stato un anno impegnato, con molte opportunità di servire.

Oltre a intervenire nei disastri naturali, sono state intraprese migliaia di iniziative pubbliche per la salute. Oltre un milione di persone hanno beneficiato dei progetti sponsorizzati dalla Chiesa per la fornitura di acqua pulita. Più di 60.500 persone hanno ricevuto delle sedie a rotelle in 60 paesi. All’inizio di quest’anno io e sorella Burton, con la presidenza dell’Area Sud America Nord abbiamo partecipato, insieme alla first lady colombiana, alla consegna delle sedie a rotelle. Le lacrime venivano facilmente mentre i riceventi e i loro badanti esprimevano gratitudine. In undici paesi, più di 54.000 persone ora hanno migliorato la capacità visiva. Più di 16.500 professionisti sono stati addestrati in ventitré paesi alla rianimazione neonatale e, a loro volta, addestreranno molti altri. Nel tentativo di debellare il morbillo, 2,8 milioni di bambini e giovani in 10 paesi sono stati vaccinati. Gli effetti combinati di questi progetti hanno toccato quasi 4 milioni di persone in 85 paesi diversi.

Ad agosto una forte scossa di magnitudo 8.0 ha causato 520 vittime e distrutto più di 58.000 abitazioni nel Perú meridionale. In una magnifica dimostrazione d’amore e preoccupazione, ciascuno dei 29 pali di Lima ha fornito l’assistenza basilare nella regione devastata.

Con l’aiuto di splendidi missionari, è in corso un progetto per aiutare gli individui a ricostruire le loro case e le loro vite e molte scuole. Potranno essere costruite 400 abitazioni principalmente grazie al lavoro di singoli, amici e famigliari. La supervisione, il coordinamento e l’addestramento sono sotto la direzione dell’anziano Alan Layton e di sua moglie.

Alla fine dell’anno la combinazione di siccità e forti venti hanno alimentato una serie di incendi nella California meridionale che hanno costretto alla fuga circa un milione di persone. Almeno 1.500 case sono andate distrutte. La Chiesa per prestare soccorso ha fornito kit per la pulizia, coperte, kit per l’igiene e cibo. Più di 5.000 membri con la casacca Mormon Helping Hands e missionari hanno ripulito, cucinato, confortato e curato le popolazioni colpite.

Un biglietto di ringraziamento diceva: «Vi prego di estendere un grosso grazie a tutti i Santi degli Ultimi Giorni che hanno lavorato tanto duramente nel mio quartiere. I mormoni sono stati costantemente presenti con pasti, abbracci, preghiere e aiuto per riparare e pulire le proprietà. Loro risollevano la comunità, guariscono i cuori e riparano le case sulle colline di San Diego». 1

Riflettendo sull’esperienza, un presidente di palo ha riferito: «Uno dei nostri progetti era di aiutare a pulire attorno alla chiesa battista locale… Abbiamo mandato 25 giovani… I battisti hanno detto che ci avrebbero offerto molte ciambelle e caffè. Abbiamo spiegato che il caffè sarebbe andato a male ma che i giovani avrebbero potuto mangiare tutte le ciambelle che loro erano in grado di offrire!» 2

Fitte piogge hanno provocato delle alluvioni negli Stati Uniti centro-occidentali, Oregon e Washington. I volontari si sono presentati con attrezzature prese dal magazzino del vescovo per fornire aiuto ai bisognosi.

Quando i rappresentanti della Chiesa a Findlay, nell’Ohio, hanno portato le donazioni alla Croce Rossa locale, una passante li vide che indossavano le casacche gialle di Mormon Helping Hands. È entrata e ha fatto vedere un’immagine sul videofonino di quattro «Helping Hands» esclamando: «Hanno appena salvato la mia casa!» 3 Poi ha abbracciato tutti i presenti.

Una spedizione di prodotti alimentari è stata consegnata a una banca alimentare locale. Quando è arrivata, il manager con viso sorpreso ha detto: «Come facevate a saperlo? Ho appena dato via l’ultima pagnotta e stavo pensando di chiudere. Come facevate a saperlo?»

Come parte della collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità per debellare il morbillo, che uccide quasi un milione di bambini ogni anno, più di 54.000 membri della Chiesa si sono resi volontari per collaborare al progetto. Un membro della Chiesa in Nigeria ha scritto: «Ho chiamato il nostro lavoro “salvataggio dell’innocente”. Siamo andati di casa in casa e di municipio in municipio. Una donna ci ha detto di aver perso tre figli a causa del morbillo. Ha raccontato la sua storia con tale grazia e passione che non c’era persona che non piangesse, me incluso…» Il nostro volontario ha fatto notare: «Le cose che fai per te stesso se ne vanno insieme a te, ma le cose che fai per gli altri rimangono come tuo retaggio». 4

L’impegno della Chiesa prosegue da quattro anni per aiutare le popolazioni devastate dallo tsunami in Indonesia e nel Sud-est asiatico. Sono stati forniti i fondi per aiutare a ricostruire 902 case, tre centri per la comunità, i sistemi idrici di ventiquattro villaggi, quindici scuole e tre centri medici. Un dirigente della comunità ha affermato: «I membri della comunità si sentono felici e benedetti ad avere un centro per la comunità… È un luogo in cui possono pregare… insegnare ai bambini… Ringraziamo la Chiesa per aver costruito questo centro per la nostra gente… Pregheremo affinché nel futuro Iddio riversi sulla Chiesa benedizioni e le dia successo. Grazie». 5

In Etiopia alcune comunità sono state aiutate ad avere accesso all’acqua potabile. La Chiesa ha scavato dei pozzi e costruito cisterne. Le comunità hanno organizzato dei comitati per l’acqua e hanno scavato i canali necessari per far passare le tubature dalle cisterne a ogni villaggio. In certi casi la distanza superava le 3 miglia.

Certe comunità hanno faticato per scavare. Il suolo era molto compatto, asciutto e argilloso, e questo ha reso difficile gli scavi. In una comunità una scuola ha sospeso le normali attività scolastiche di 1.500 studenti per un certo periodo affinché tutti partecipassero agli scavi dell’ultima parte del canale. Mentre lavoravano, altri membri della comunità si sono uniti a loro. A un certo punto c’era una fila lunga più di un miglio di gente che scavava.

Grazie per la vostra compassione, bontà e generosità. Possiamo noi perseverare per illuminare la strada del nostro prossimo, incoraggiare e assistere gli oppressi, aprire il portafogli per aiutare i poveri e tendere mani che aiutano. Rendo testimonianza della divinità del Signore Gesù Cristo e del Suo vangelo, e prego che possiamo continuare a godere delle benedizioni del vero discepolato mentre aiutiamo silenziosamente gli altri. Nel nome di Gesù Cristo. Amen.

Mostra riferimenti

  1.  

    1. Laura Ridge-Cosby, San Diego, California, in un biglietto spontaneo ricevuto dai Servizi di Benessere.

  2.  

    2. Gary Sabin, presidente del Palo di Poway, California, corrispondenza e-mail con Garry Flake.

  3.  

    3. Come riportato da Vincent Jones, vescovo del Rione di Findlay, Palo di Toledo, Ohio, USA.

  4.  

    4. Kalu Iche Kalu, coordinatore per la campagna contro il morbillo per il Palo di Aba, Nigeria.

  5.  

    5. Mohammed Johan, Calang, Indonesia.