Manuale 2:
l’amministrazione della Chiesa

Le famiglie e la Chiesa nel piano di Dio

 

1.1 Il piano di Dio, il Padre Eterno, per la Sua famiglia eterna

 1.1.1

La famiglia preterrena di Dio

La famiglia è ordinata da Dio. Essa è l’unità più importante nella vita e nell’eternità. Anche prima di nascere su questa terra, facevamo parte di una famiglia. Ciascuno di noi «è un beneamato figlio o figlia di spirito di genitori celesti» e «possiede una natura e un destino divini» («La famiglia: un proclama al mondo», La Stella, giugno 1996, 10). Dio è il nostro Padre Celeste e, nella vita preterrena, abbiamo vissuto alla Sua presenza come parte della Sua famiglia. Lì abbiamo appreso le prime lezioni e siamo stati preparati per la vita terrena (vedere DeA 138:56).

 1.1.2

Lo scopo della vita terrena

A motivo del Suo amore per noi, Dio preparò un piano che prevedeva la nostra venuta sulla terra, dove avremmo ricevuto un corpo e saremmo stati messi alla prova in modo da poter progredire e diventare più simili a Lui. Questo piano si chiama «il piano di salvezza» (Alma 24:14), «il grande piano di felicità» (Alma 42:8) e «il piano di redenzione» (Alma 12:25; vedere anche i versetti 26–33).

Lo scopo del piano di Dio è condurci alla vita eterna. Dio ha dichiarato: «Questa è la mia opera e la mia gloria: fare avverare l’immortalità e la vita eterna dell’uomo» (Mosè 1:39). La vita eterna è il più grande dei doni di Dio ai Suoi figli (vedere DeA 14:7). Si tratta dell’esaltazione nel più alto grado di gloria nel regno celeste. Tramite il piano di salvezza, possiamo ricevere questa benedizione di tornare alla presenza di Dio e ricevere una pienezza di gioia.

 1.1.3

L’espiazione di Gesù Cristo

Per ottenere l’esaltazione nel regno di Dio, dobbiamo superare due ostacoli della vita terrena: la morte e il peccato. Dato che non possiamo superare nessuno dei due ostacoli da soli, il Padre Celeste ha mandato Suo Figlio, Gesù Cristo, perché fosse il nostro Salvatore e Redentore. Il sacrificio espiatorio del Salvatore ha permesso a tutti i figli di Dio di superare la morte fisica, essere risorti e avere l’immortalità. L’Espiazione ha reso anche possibile a coloro che si pentono e Lo seguono di superare la morte spirituale, ritornare alla presenza di Dio per dimorare con Lui e ottenere la vita eterna (vedere DeA 45:3–5).

 1.1.4

Il ruolo della famiglia nel piano di Dio

Come parte del piano del nostro Padre Celeste, siamo nati all’interno di una famiglia. Dio ha istituito la famiglia per darci felicità, per aiutarci a imparare i principi giusti in un ambiente amorevole e per prepararci per la vita eterna.

I genitori hanno la responsabilità fondamentale di aiutare i figli a prepararsi per tornare alla presenza del Padre Celeste. I genitori adempiono questa responsabilità insegnando ai figli a seguire Gesù Cristo e a mettere in pratica il Suo vangelo.

 1.1.5

Il ruolo della Chiesa

La Chiesa mette a disposizione un’organizzazione e i mezzi per insegnare il vangelo di Gesù Cristo a tutti i figli di Dio. Mette a disposizione l’autorità del sacerdozio per amministrare le ordinanze di salvezza ed esaltazione a tutti coloro che ne sono degni e sono disposti ad accettarle.