Thomas S. Monson

Il faro

Cari giovani, vivete in tempi turbolenti. Dovete fare delle scelte: scelte con conseguenze eterne. Ma non siete lasciati senza aiuto nelle vostre decisioni, che siano piccole o grandi.

È stato detto che i grandi eventi della storia sono dipesi da piccole cose; lo stesso è per la vita delle persone. Questo è il motivo per cui è utile guardare avanti, tracciare una rotta, per essere pronti quando arriverà il momento di prendere una decisione.

Vi chiedo: «Quale sarà la vostra fede?» Decidete di seguire sempre l’ammonimento di re Beniamino: «Se voi credete a tutte queste cose, badate di farle» (Mosia 4:10).

In questa vita, in cui abbiamo la possibilità di lottare e realizzare, vi porto testimonianza che qualche volta dobbiamo fare un secondo sforzo, e un terzo e un quarto sforzo e tanti sforzi quanti ne servono per compiere ciò per cui lottiamo.

E se doveste scoraggiarvi, ricordate che altri hanno percorso questa stessa strada; essi hanno tenuto duro e poi hanno ottenuto. Quando abbiamo fatto tutto il possibile, possiamo confidare nell’aiuto promesso da Dio.

Avete accesso al faro del Signore. Non c’è nebbia così fitta, notte così buia, marinaio così perso, tempesta così forte da rendere inutile il faro del Signore. Ci fa un cenno attraverso le tempeste della vita. Sembra chiamare voi e me: «Questa è la via per la salvezza, questa è la via di casa».

Se volete vedere la luce del cielo, se volete sentire l’ispirazione dell’Onnipotente Dio, se volete avere nel vostro cuore la sensazione che il vostro Padre celeste vi sta guidando a sinistra o a destra, le istruzioni contenute in questo versetto vi aiuteranno: «State in luoghi santi e non fatevi rimuovere» (DeA 87:8), e poi lo Spirito del nostro Padre celeste sarà vostro.

Da una trasmissione via satellite del Sistema Educativo della Chiesa, tenuta il 7 settembre 2003 a Salt Lake City, Utah.