Messaggio delle insegnanti visitatrici

Amare,vegliare e rafforzare


Studiate attentamente questo materiale e parlatene, secondo necessità, con le sorelle che visitate. Usate le domande per rafforzare le sorelle e fare della Società di Soccorso una parte attiva della vostra vita.

Amare, vegliare e rafforzare

Come il Salvatore, le insegnanti visitatrici servono “uno ad uno” (vedere 3 Nefi 11:15). Sappiamo di aver successo nel nostro ministero come insegnanti in visita quando le nostre sorelle possono dire: (1) la mia insegnante visitatrice mi aiuta a crescere spiritualmente; (2) so che la mia insegnante visitatrice si preoccupa profondamente per me e per la mia famiglia; e (3) se ho dei problemi, so che la mia insegnante visitatrice prenderà provvedimenti senza aspettare di essere invitata a farlo.1

Come possiamo noi, come insegnanti visitatrici, amare una sorella, rafforzarla e vegliare su di lei? Seguono nove suggerimenti che si trovano nel capitolo 7 di Figlie nel mio regno: la storia e l’opera della Società di Soccorso per aiutare le insegnanti visitatrici a servire le loro sorelle:

  • Pregate giornalmente per lei e la sua famiglia.

  • Cercate ispirazione per conoscere lei e la sua famiglia.

  • Fatele visita in modo regolare per sapere come sta andando e per confortarla e rafforzarla.

  • Rimanete in contatto frequente tramite visite, telefonate, lettere, e-mail, SMS e semplici atti di gentilezza.

  • Salutatela alle riunioni della Chiesa.

  • Aiutatela nei momenti di difficoltà, di malattia o altre necessità urgenti.

  • Insegnatele il Vangelo tramite le Scritture e i messaggi per le insegnanti visitatrici.

  • Ispiratela tramite un buon esempio.

  • Fate rapporto alla dirigente della Società di Soccorso sul servizio reso e sulla salute spirituale e fisica della sorella.

Dalle Scritture

Luca 10:38–39; 3 Nefi 11: 23–26; 27:21.

Dalla nostra storia

“Per molte donne della Chiesa, l’insegnamento in visita è diventato un mezzo per amare, nutrire e servire: per ‘agire secondo questi sentimenti di comprensione che Dio [ci] ha messo in seno’, come ha insegnato Joseph Smith.”2

Una sorella, rimasta vedova di recente, ha detto delle sue insegnanti visitatrici: “Mi ascoltavano. Mi hanno confortata. Hanno pianto con me. Mi hanno abbracciata… Mi hanno aiutata a uscire dalla profonda disperazione e depressione di quei primi mesi di solitudine”.3

Anche assistere con i doveri temporali è una forma di ministero. Alla conferenza generale dell’ottobre 1856, il presidente Brigham Young annunciò che dei pionieri erano bloccati nella neve alta a molti chilometri di distanza. Egli si affidò ai Santi degli ultimi Giorni di Salt Lake City per salvarli e a “badare a quelle cose che definiamo doveri temporali”.4

Lucy Meserve Smith raccontò che le donne si tolsero le sottovesti e le calze calde lì nel tabernacolo e riempirono i carri da inviare ai pionieri attanagliati dal freddo. Poi raccolsero viveri e vestiario per coloro che sarebbero alla fine arrivati con poche cose. Quando le compagnie di carretti a mano arrivarono, c’era un edificio in città “pieno di provviste per loro”.5

Per maggiori informazioni, andare su reliefsociety.lds.org.

Cosa posso fare io?

  1. 1.

    Come posso sapere ciò di cui ha bisogno una sorella?

  2. 2.

    Come faranno a sapere le mie sorelle che mi preoccupo profondamente di loro?

Mostra riferimenti

    Note

  1.   1.

    Vedere Julie B. Beck, “Quello che spero che le mie nipoti (e i miei nipoti) comprendano sulla Società di Soccorso”, Liahona, novembre 2011, 113.

  2.   2.

    Figlie nel mio regno: la storia e l’opera della Società di Soccorso (2011), 112.

  3.   3.

    Figlie nel mio regno, 119–120.

  4.   4.

    Brigham Young, “Remarks”, Deseret News, 15 ottobre 1856, 252.

  5.   5.

    Vedere Figlie nel mio regno, 36–37.