Messaggio delle insegnanti visitatrici

Dimostrare di essere dei discepoli tramite l’amore e il servizio


Studiate questo materiale e, in base alle necessità, parlatene con le sorelle che visitate. Usate le domande per rafforzare le sorelle e fare della Società di Soccorso una parte attiva della vostra vita.

Dimostrare di essere dei discepoli tramite l’amore e il servizio

Durante la Sua vita terrena, Gesù Cristo mostrò il Suo amore per gli altri prestando loro soccorso. Egli disse: “Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri” (Giovanni 13:35). Egli diede l’esempio e vuole che noi “soccorr[iamo] quelli che hanno bisogno del [nostro] soccorso” (Mosia 4:16). Il Salvatore chiama i Suoi discepoli a lavorare con Lui nel Suo ministero, dando loro la possibilità di servire gli altri e diventare più simili a Lui.1

Il nostro servizio prestato come insegnanti visitatrici assomiglierà di più al ministero del nostro Salvatore quando dimostreremo il nostro amore verso coloro che visitiamo facendo le seguenti cose:2

  • Ricordiamo i loro nomi e i nomi dei membri della loro famiglia e familiarizziamo con loro.

  • Le amiamo senza giudicarle.

  • Vegliamo su di loro e rafforziamo la loro fede “ad uno ad uno”, come faceva il Salvatore (3 Nefi 11:15).

  • Stabiliamo delle amicizie sincere con loro e le visitiamo nelle loro case e in altri luoghi.

  • Ci prendiamo cura di ogni sorella. Ricordiamo i compleanni, i diplomi, i matrimoni, i battesimi o altri eventi importanti per lei.

  • Offriamo aiuto ai nuovi membri e a quelli meno attivi.

  • Prestiamo attenzione alle persone sole o a coloro che hanno bisogno di conforto.

Dalla nostra storia

“Il Nuovo Testamento contiene racconti di donne, nominate e non, che avevano fede in Gesù Cristo… Queste donne diventarono dei discepoli esemplari… [Esse] viaggiavano insieme a Gesù e ai Suoi Dodici Apostoli. Partecipavano finanziariamente al Suo ministero. Dopo la Sua morte e risurrezione, [esse] continuarono ad essere fedeli discepoli”.3

Paolo scrisse di una donna di nome Febe, che era “diaconessa della chiesa” (Romani 16:1). Egli chiese ai fratelli di “prest[arle] assistenza, in qualunque cosa ella possa aver bisogno di voi; poiché ella pure ha prestato assistenza a molti” (Romani 16:2). “Il tipo di servizio prestato da Febe e da altre grandi donne del Nuovo Testamento continua oggi con i membri della Società di Soccorso — dirigenti, insegnanti in visita, madri e altre — che prestano assistenza a molti”.4

Per maggiori informazioni, visitare reliefsociety.lds.org.

Che cosa posso fare?

  1. 1.

    In che modo sto accrescendo la mia capacità di nutrire gli altri?

  2. 2.

    Cosa sto facendo per assicurarmi che le sorelle che mi sono state affidate sappiano che io le amo?

Mostra riferimenti

    Note

  1.   1.

    Vedere Figlie nel mio regno: la storia e l’opera della Società di Soccorso (2011), 105.

  2.   2.

    Vedere il Manuale 2: l’amministrazione della Chiesa (2010), 3.2.3.

  3.   3.

    Figlie nel mio regno, 3.

  4.   4.

    Figlie nel mio regno, 6.