Onorare una giornata di servizio

Kathryn H. Olson

Servizi di benessere

Stampa Condividi

    Ripulire edifici, pulire pavimenti, istruire studenti, raccogliere cibo, aiutare gli immigrati, visitare vedove, togliere erbacce e dipingere scuole. Questi sono solo alcuni dei tanti progetti di servizio portati avanti l’anno scorso dai membri della Chiesa che hanno risposto all’invito della Prima Presidenza di tenere una giornata di servizio per commemorare il 75esimo anniversario del programma di benessere. Questi progetti hanno influenzato profondamente coloro che hanno servito e quelli che hanno ricevuto il servizio. Molte comunità in tutto il mondo sono state cambiate in meglio.

    Londra, Inghilterra

    I membri della Chiesa di Londra hanno celebrato l’anniversario contribuendo a ripulire Tottenham, una città che ha subito le sommosse di agosto 2011. In un parco della zona, i volontari hanno tolto erbacce, hanno costruito aiuole fiorite e raccolto la spazzatura.

    I fedeli hanno anche servito presso una casa di cura per bambini, dove hanno ripulito i sentieri del giardino e reso l’ambiente della casa di cura più accogliente per i bambini e le loro famiglie. Charlotte Illera ha contribuito a coordinare il progetto. “È stato davvero un duro lavoro, ma è stato anche allegro”, ha affermato. “Anche una piccola cosa come spazzare può portare grandi benefici. Non bisogna avere grandi capacità. Le piccole cose possono fare la differenza per le altre persone”.

    Rudi Champagnie ha condiviso la sua visione sull’ispirazione che c’è dietro all’invito a servire della Prima Presidenza: “Penso che questa rivelazione avesse lo scopo di portarci gli uni più vicini agli altri e di spingerci fuori, nella comunità, per incontrare nuove persone”. Ha continuato: “Vedere che la Chiesa si occupa della comunità è una cosa meravigliosa. Essere parte di tutto questo è anche più speciale. Ha rafforzato la mia testimonianza e mi ha donato il desiderio di fare di più”.

    Hong Kong, Cina

    I dirigenti adulti dei giovani del Palo di Hong Kong in Cina hanno chiesto al consiglio dei giovani di scegliere il proprio progetto di servizio. Dopo aver dato un’occhiata alle necessità della comunità, i giovani hanno deciso di insegnare ai bambini di una scuola locale provenienti da famiglie a basso reddito. Circa 125 giovani hanno istruito oltre 80 bambini su come sviluppare i propri talenti, preparare cibo salutare, tenere riunioni di famiglia e instaurare vere amicizie.

    “Non si è trattato di un intervento una tantum”, ha detto Anita Shum, presidentessa delle Giovani Donne di palo. “Ciò che i giovani hanno fatto coi bambini potrebbe avere un effetto duraturo”. Ha aggiunto che ora i giovani hanno bei ricordi ed esperienze che li benediranno per sempre.

    Accra, Ghana

    I membri di Accra, in Ghana, hanno preso parte alla giornata di servizio dipingendo scuole, spazzando strade e canali di scolo e ripulendo il terreno circostante ospedali e cliniche.

    Emma Owusu Ansah del Palo ghanese di Christiansborg, ad Accra, ha partecipato alla programmazione della giornata di servizio del suo palo. “Lavorare insieme come membri della Chiesa ci dà unità e rende un principio come quello del servizio più facile da osservare”, ha detto. Alla fine del progetto, i membri si sono riuniti per condividere le loro testimonianze. Ha sottolineato la sorella Ansah: “Dopo aver ascoltato la testimonianza di ciascuno, ho capito quello che ci perdiamo quando non serviamo gli altri”.

    Quando il presidente Henry B. Eyring, primo consigliere nella Prima Presidenza, ha esteso l’invito a prendere parte a una giornata di servizio, ha parlato dell’unità che avrebbero portato questi progetti: “Un… principio evangelico che si è rivelato una guida nello svolgimento dell’opera di benessere è il potere e la benedizione dell’unità. Quando uniamo le nostre mani nel servire il prossimo, il Signore unisce anche i nostri cuori”.1

    Córdoba, Argentina

    Nonostante la pioggia, in un giorno di ottobre 1.601 membri della Chiesa provenienti da cinque pali di Córdoba, in Argentina, hanno donato nel complesso 10.234 ore di servizio a una casa di riposo. I fedeli hanno consegnato indumenti, cibo e kit per l’igiene personale raccolti in precedenza. Si sono anche occupati del giardino, hanno dipinto i muri e le panchine e hanno organizzato uno spettacolo esibendo i loro talenti. Diverse sorelle si sono anche offerte per fare capelli, pedicure e manicure.

    “So che il progetto non è stato d’aiuto solo a loro ma anche a me”, ha detto Rocío B. di 14 anni, dopo l’inziativa. “Sapevo che stavo facendo la cosa giusta e che il Padre Celeste era contento di me”.

    San Paolo, Brasile

    I membri del Palo di San Paolo, in Brasile, sono stati ispirati a raccogliere zucchero, olio, riso e fagioli e a donare il cibo a due organizzazioni benefiche. Poi hanno addestrato i rappresentanti delle organizzazioni ai principi basilari dell’immagazzinamento. I fedeli si sono anche offerti volontari per presentare addestramenti riguardanti l’istruzione, le finanze e il lavoro ai membri del palo e della comunità per aiutarli a sviluppare le capacità necessarie a competere per i posti di lavoro disponibili.

    “Le persone della comunità che abbiamo invitato erano molto contente del lavoro svolto dalla Chiesa. Molti non ci conoscevano, ma sono andati via pieni di buoni sentimenti”, ha detto Kátia Ribeiro, membro del palo. “Tra i membri c’era uno spirito di unità e servizio, e tra quelli che avevano ricevuto atti di servizio, c’era uno spirito di profonda gratitudine”.

    Falls Church, Virginia, USA

    I membri di Falls Church, in Virginia, USA, hanno provato la gioia di servire insieme presso due rifugi per senzatetto. Mentre sfregava un muro, Adeana Alvarez ha detto a un membro del suo rione: “Ho avuto una settimana difficile ed è una bella sensazione sfogare la mia frustrazione su questo muro! Abbiamo tutti bisogno del servizio ad un certo punto della nostra vita ed è bello farlo per altre persone”.

    Un altro membro del rione, Anne Sorensen, ha osservato: “È un modo meraviglioso per essere vicini alla nostra comunità. Adesso mi sento più coinvolta in quello che accade in quell’organizzazione. Ogni volta che passo di qui, penso alle persone che vanno a lezione qui e spero che il lavoro che abbiamo fatto dia loro qualcosa di tangibile per credere che non sono sole in ciò che fanno per migliorare la loro vita”.

    Tokorozawa, Giappone

    In una scuola elementare di Tokorozawa, i membri della Chiesa hanno presentato un seminario sull’immagazzinamento a 50 persone tra genitori ed educatori. A causa del terremoto di marzo 2011, i membri della comunità erano ansiosi di imparare a prepararsi per le calamità naturali, soprattutto per mettere insieme una provvista di cibo a lungo termine.

    “Nonostante si fosse verificato il grande terremoto nell’est del Giappone, non avevo fatto nulla per preparami”, ha detto un partecipante. “Sono felice di aver potuto imparare queste cose. Voglio trovare un luogo per immagazzinare il cibo e voglio farlo per proteggere la mia cara famiglia”.

    Akihito Suda, membro del Palo giapponese di Musashino, ha osservato che la luce di Cristo ha toccato la comunità quando i membri hanno mostrato come si erano preparati per un eventuale momento di crisi. “Cristo è la luce del mondo”, ha detto. “I Suoi insegnamenti illuminano la comunità”.

    Tallinn, Estonia

    I membri della Chiesa di Tallinn hanno trascorso una giornata ad aiutare i membri bisognosi della comunità a riparare le proprie case. Alcuni dei partecipanti hanno tagliato legna e spalato carbone, mentre altri hanno pulito tappeti, cambiato tende e lavato finestre e muri.

    Maila Chan è andata con la sua famiglia a visitare una donna anziana e a tagliare la legna per lei. “Come madre sono felice che la nostra famiglia abbia vissuto un’esperienza così bella”, ha detto. “È meraviglioso che, mentre serviamo gli altri, ci dimentichiamo completamente dei nostri problemi. So che, quando serviamo gli altri, serviamo solo il nostro Dio”.

    Margit Timakov ha anche osservato: “Nel mettere da parte i miei doveri e nell’impegnarmi completamente ad aiutare qualcuno ho compreso quale forza abbia realmente il sacrificio. Non abbiamo bisogno di chiedere perché o se avremmo potuto fare qualcos’altro. Diamoci semplicemente da fare e aiutiamo. Diamo aiuto perché ci sta a cuore. Diamo aiuto perché vogliamo seguire l’esempio di Cristo”.

    Il frutto della fatica

    Le testimonianze di coloro che hanno servito le proprie comunità in tutto il mondo ci insegnano che, grazie al servizio, la nostra testimonianza cresce e noi ci sentiamo meglio con noi stessi. Il presidente Eyring ha affermato che veniamo benedetti per il nostro servizio: “Da parte del Maestro estendo un ringraziamento per il vostro lavoro per servire i figli del nostro Padre Celeste. Egli vi conosce e vede i vostri sforzi, la vostra diligenza e il vostro sacrificio. Prego che voglia accordarvi la benedizione di vedere il frutto delle vostre fatiche nella felicità di coloro che avete aiutato per il Signore”.2

    Londra, Inghilterra

    Bangalore, India

    Bujumbura, Burundi

    Falls Church, Virginia, USA

    In alto: fotografia di Todd Schvaneveldt

    Fotografia di guanti © Dani Vincek, 2011 su permesso di Shutterstock.com; altre fotografie di Charlotte Illera, Cindy Clark e Dale Evanson.

    Mostra riferimenti

    Note

    1. 1.

      Henry B. Eyring, “Opportunità per fare del bene”, Liahona, maggio 2011, 25.

    2. 2.

      Henry B. Eyring, Liahona, maggio 2011, 26.