Messaggio delle insegnanti visitatrici

Agire nel momento del bisogno


Studiate attentamente questo materiale e parlatene, secondo necessità, con le sorelle che visitate. Usate le domande per rafforzare le sorelle e fare della Società di Soccorso una parte attiva della vostra vita.

Agire nel momento del bisogno

Uno dei nostri scopi quali insegnanti visitatrici è di contribuire a rafforzare le famiglie e le case. Le sorelle che visitiamo dovrebbero poter dire: “Se ho dei problemi, so che le mie insegnanti visitatrici mi aiuteranno senza aspettare che glielo chieda”. Per poter servire, abbiamo la responsabilità di essere consapevoli delle necessità delle sorelle che visitiamo. Se cerchiamo l’ispirazione personale, sappiamo come far fronte alle necessità spirituali e materiali di ciascuna sorella che siamo incaricate di visitare. Poi, usando il nostro tempo, capacità, talenti, preghiere di fede e sostegno spirituale ed emotivo, possiamo contribuire a fornire servizio di carità nei momenti di malattia, lutto e altre circostanze particolari.1

Grazie all’aiuto fornito dai rapporti delle insegnanti visitatrici, la presidenza della Società di Soccorso individua coloro che hanno necessità particolari a causa di malattie fisiche o emotive, di situazioni di emergenza, di nascite, morti, disabilità, solitudine e altre difficoltà. La presidentessa della Società di Soccorso informa poi il vescovo di ciò di cui viene a conoscenza. Sotto la sua direzione, ella coordina l’assistenza.2

Come insegnanti visitatrici abbiamo “gran motivo… di gioire” per “la benedizione che è stata riversata su di noi; che siamo stati fatti strumenti nelle mani di Dio per realizzare questa grande opera” (Alma 26: 1, 3).

Dalle Scritture

Matteo 22:37–40; Luca 10:29–37; Alma 26:1–4; Dottrina e Alleanze 82:18–19.

Dalla nostra storia

Nei primi anni della Chiesa, i membri erano pochi e tutti raccolti in un solo luogo. Quando qualcuno si trovava nel bisogno, i fedeli potevano agire rapidamente. Oggi i nostri membri sono più di 14 milioni e sono sparsi in tutto il mondo. L’insegnamento in visita fa parte del piano del Signore per fornire aiuto a tutti i Suoi figli.

“Il solo sistema che poteva dare soccorso e conforto in una chiesa così vasta in un mondo così vario sarebbe stato tramite servitori individuali vicini alle persone che avevano bisogno”, ha detto il presidente Henry B. Eyring, primo consigliere nella Prima Presidenza.

“… Ogni vescovo e ogni presidente di ramo ha una presidentessa della Società di Soccorso su cui fare affidamento”, ha aggiunto. “La presidentessa ha insegnanti visitatrici che conoscono le difficoltà e le necessità di ogni sorella. Tramite loro può conoscere il cuore degli individui e delle famiglie. Può soddisfare le loro necessità e aiutare il vescovo nella sua chiamata di nutrire il singolo e le famiglie”.3

Per maggiori informazioni, andare su reliefsociety.lds.org.

Che cosa posso fare?

  1. 1.

    Sto usando i miei doni e i miei talenti per benedire gli altri?

  2. 2.

    Le sorelle su cui veglio sanno che sono disponibile ad aiutarle quando hanno una necessità?

Mostra riferimenti

    Note

  1.   1.

    Vedere Manuale 2: L’amministrazione della Chiesa (2010), 9.5.1; 9.6.2.

  2.   2.

    Vedere Manuale 2, 9.6.2.

  3.   3.

    Henry B. Eyring, in Figlie nel mio regno: la storia e l’opera della Società di Soccorso (2011), 112–113.