Sfidate la gravità – Avanzate con fede


Bonnie L. Oscarson
Nel continuare ad avanzare, riuscite a stare in piedi anche quando le forze esterne cercano di spingervi verso il basso.

Illustrazione di Julia Yellow

Ricevetti la mia prima bicicletta senza rotelle all’età di otto anni. Con l’aiuto del mio fratello maggiore e di mio padre, iniziai il procedimento piuttosto terrificante di cercare di capire come usarla. Da come sfrecciavano per la strada sulla propria bici, per gli altri bambini del vicinato sembrava davvero facile e naturale. Mi arrampicai sul sellino — che sembrava almeno a tre metri da terra — e mi resi conto che non c’era assolutamente nulla che mi impedisse di cadere e di provare che la legge di gravità esisteva eccome.

Tentando di andare in bici, imparai presto che se volevo rimanere in equilibrio dovevo continuare a pedalare. Quando salii sulla bici per la prima volta, la velocità era l’ultima cosa che volevo aggiungere a una situazione già abbastanza spaventosa. Tuttavia, compresi subito la saggezza e i principi della fisica coinvolti nel processo di avanzamento. Finché continuavo a pedalare riuscivo a stare diritta e a evitare il cemento ruvido, che non aspettava altro che graffiarmi braccia e gambe. Ben presto sfrecciavo per il vicinato con i miei amici.

Proprio come chi continua a pedalare riesce a stare in posizione eretta nonostante l’influenza della gravità, coloro che sono guidati dallo Spirito Santo in tutto quello che fanno possono resistere all’influenza dell’avversario.

Lo stesso vale per l’applicazione del Vangelo e delle norme contenute nell’opuscolo Per la forza della gioventù. Ci vuole fede per credere che, se seguiamo costantemente il consiglio della Prima Presidenza come riportato in quell’opuscolo, la nostra vita sarà equilibrata e regolare. Saremo condotti dove vogliamo andare.

Dobbiamo continuare ad andare avanti per evitare di cadere. Per farlo, dobbiamo compiere determinate azioni con costanza e fede.

  • Pregare mattino e sera.

  • Studiare le Scritture ogni giorno.

  • Partecipare alle riunioni della Chiesa e prendere degnamente il sacramento.

  • Servire chi ci sta intorno.

  • Essere degni di andare al tempio.

Tutte queste azioni ci permettono di proseguire nella giusta direzione.

Ecco perché leggere e conoscere bene le norme descritte in Per la forza della gioventù ci aiuta a essere sicuri che stiamo facendo scelte coerenti con le norme di Dio. Vivere tali principi e obbedire ai comandamenti invita lo Spirito Santo a essere nostro compagno costante. Proprio come chi continua a pedalare riesce a stare diritto nonostante l’influenza della gravità, coloro che sono guidati dallo Spirito Santo in tutto quello che fanno possono resistere all’influenza dell’avversario.

Quali sono le destinazioni cui pensate mentre pedalate per andare avanti? Prepararsi adesso a svolgere una missione a tempo pieno è importante nella crescita di tutti i giovani del Sacerdozio di Aaronne. Anche l’essere preparati ad andare al tempio e a ricevere l’investitura stringendo sacre alleanze e tenendovi fede dovrebbe essere un obiettivo primario di tutti i giovani.

Come dichiara il messaggio della Prima Presidenza all’inizio dell’opuscolo Per la forza della gioventù: “In tutto ciò che fate, rimanete concentrati sul tempio. Nel tempio riceverete le più grandi tra tutte le benedizioni del Signore, compreso il matrimonio per il tempo e per tutta l’eternità”1. Stringere l’alleanza del matrimonio eterno nella casa del Signore e diventare mariti, mogli, padri e madri retti può sembrare un obiettivo lontano, ma questo è il momento di iniziare a prepararsi. Tutte queste cose conducono alla destinazione più gloriosa e splendida di tutte: la vita eterna con il nostro Padre Celeste.

Uno dei miei versetti preferiti riassume ciò che dobbiamo fare per continuare ad avanzare verso i nostri obiettivi: “Pertanto voi dovete spingervi innanzi con costanza in Cristo, avendo un perfetto fulgore di speranza e amore verso Dio e verso tutti gli uomini. Pertanto, se vi spingerete innanzi nutrendovi abbondantemente della parola di Cristo, e persevererete fino alla fine, ecco, così dice il Padre: Avrete la vita eterna” (2 Nefi 31:20).

Proprio come io ho imparato a otto anni che dovevo continuare a pedalare e ad andare avanti per poter sfidare la forza di gravità e mantenere l’equilibrio sulla mia bici, è importante che tutti noi continuiamo ad avanzare con fede, confidando nei consigli dei profeti viventi e di un amorevole Padre Celeste che ci evitano le cadute. Alcune delle nostre destinazioni sono a pochi passi da noi mentre per raggiungerne altre ci vorrà una vita intera vissuta fedelmente. Le promesse riguardo a ciò che troveremo alla fine del percorso, se saremo fedeli, sono sicure e gloriose e valgono tutto il tragitto compiuto.

Mostra riferimenti

    Nota

  1.   1.

    Per la forza della gioventù (2011), II.