In attesa del «gran giorno del Signore che deve venire»

Dottrina e Alleanze e storia della Chiesa: Manuale dell’insegnante, 2000


Scopo

Aiutare i membri della classe a comprendere e a riconoscere i segni della Seconda Venuta e a prepararsi per il «gran giorno del Signore che deve venire» (DeA 45:39).

Preparazione

  1. 1.

    Leggi attentamente Dottrina e Alleanze 29:9–29; 34:5–12; 45:16–75; 88:86–99; 101:22–34; 133; e gli altri passi delle Scritture proposti nella lezione.

  2. 2.

    Ripassa nella Guida allo studio per i membri della classe (35686 160) la parte del testo riguardante questa lezione. Pensa ai modi in cui fare riferimento a questo testo durante la lezione.

  3. 3.

    Se l’illustrazione La Seconda Venuta è disponibile preparati a mostrarla durante la lezione (62562; Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 238).

  4. 4.

    Se hai intenzione di svolgere l’attività per richiamare l’attenzione, fai i seguenti preparativi:

    1. a.

      Preparati a mostrare le seguenti illustrazioni oltre a quella sopra indicata: La nascita di Gesù (62116; Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 200); La preghiera nel Getsemani (62175; Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 227) e La Crocifissione (62505; Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 230).

    2. b.

      Preparati a far cantare ai membri della classe «Gesù nacque in umiltà» (Inni, No. 117), oppure invita uno studente o un gruppo di studenti a prepararsi a cantarlo.

Nota per l’insegnante: Quando esponi questa lezione, concentrati sulle parole rivelate dal Signore in Dottrina e Alleanze. Non trattare argomenti oggetto di congetture come il tempo della Seconda Venuta.

Suggerimenti per lo svolgimento della lezion

Attività per richiamare l’attenzione

Se lo ritieni utile per iniziare la lezione, svolgi la seguente attività o un’altra di tua scelta.

Mostra le illustrazioni «La nascita di Gesù», «L’Espiazione» e «La Seconda Venuta» (vedere le voci 3 e 4 della sezione «Preparazione»).

Invita i membri della classe a cantare «Gesù nacque in umiltà» oppure chiedi allo studente o al gruppo di studenti incaricato di cantarlo. Chiedi ai membri della classe di notare il rapporto tra le parole di questo inno e le illustrazioni che hai esposto.

Dopo il canto dell’inno, spiega che la nascita e la seconda venuta di Gesù Cristo sono due degli avvenimenti più gloriosi della storia del mondo. Quando il Salvatore venne sulla terra lo fece in umili circostanze e in generale non fu riconosciuto come il Messia. Tuttavia quando Egli verrà per la seconda volta lo farà in potere e grande gloria. Questa lezione parla della seconda venuta del Salvatore e del Suo regno millenario sulla terra.

Discussione e applicazione

Il testo di questa lezione propone più argomenti di quanti è possibile trattare in una sola domenica. Scegli con cura le parti del testo della lezione che rispondono meglio alle necessità dei membri della classe.

1. Il Salvatore ritornerà sulla terra in potere e grande gloria

Spiega che abbiamo il privilegio di vivere nella dispensazione della pienezza dei tempi, quando le rivelazioni degli ultimi giorni ci spiegano grandi principi riguardo alla Seconda Venuta, agli avvenimenti che la precederanno e ai mille anni di pace che inizieranno quando il Salvatore tornerà di nuovo. Dottrina e Alleanze fornisce un’abbondanza di informazioni su questi importanti argomenti.

Proprio come ogni profezia riguardante la nascita del Salvatore si è adempiuta, così si adempirà ogni profezia riguardante la Sua seconda venuta. Scegli alcune delle seguenti profezie da leggere insieme ai membri della classe. Esamina quello che ogni passo spiega riguardo alla seconda venuta del Salvatore. Riassumi le informazioni alla lavagna. Puoi dividere la classe in piccoli gruppi assegnando a ciascun gruppo il compito di studiare e quindi riferire sui passi assegnati. Oppure puoi chiedere a singoli membri di studiare e riferire su questi passi.

  1. a.

    DeA 29:9–11; 45:44. (Cristo verrà sulla terra in potere e gloria. I superbi e i malvagi saranno bruciati e sulla terra non vi sarà più malvagità).

  2. b.

    DeA 34:7, 12; 43:17; 110:16. (La Seconda Venuta è alle porte).

  3. c.

    DeA 34:8, 11; 63:34. (Tutte le nazioni tremeranno alla venuta del Salvatore. Se siamo fedeli, quando verrà avremo in noi il Suo potere e la Sua influenza)

  4. d.

    DeA 45:45–54; 88:96–99. (I santi che sono morti risorgeranno e andranno incontro al Salvatore. I santi che vivranno sulla terra si raduneranno per incontrarLo.

Egli verrà sul Monte degli Olivi che si dividerà. I Giudei riconosceranno il loro Salvatore e piangeranno perché Lo perseguitarono. Poi coloro che accettarono il Vangelo nel mondo degli Spiriti risorgeranno).

  1. e.

    DeA 49:6. (Il Salvatore metterà tutti i nemici sotto i Suoi piedi).

  2. f.

    DeA 49:7. (Nessuno, neppure gli angeli, conosce l’ora o il giorno in cui il Salvatore verrà).

  3. g.

    DeA 133:46–53. (Il Salvatore verrà vestito di rosso. La Sua venuta sarà un momento di vendetta sui malvagi e di redenzione per i giusti).

2. Il Millennio sarà un periodo di gioia e di pace.

La seconda venuta del Salvatore darà inizio a un periodo di mille anni chiamato Millennio. Il decimo Articolo di fede dichiara che durante questo periodo di tempo «Cristo regnerà personalmente sulla terra» e «la terra sarà rinnovata e riceverà la Sua gloria paradisiaca». Dottrina e Alleanze 101 contiene una descrizione della bellezza e della gioia che possiamo aspettarci di conoscere durante il Millennio.

• Come sarà la vita sulla terra durante il Millennio?

Per rispondere a questa domanda scegli alcuni dei seguenti passi delle Scritture da leggere con i membri della classe. Esamina quello che ogni passo spiega riguardo al Millennio. Riassumi le informazioni alla lavagna. Puoi dividere la classe in piccoli gruppi assegnando a ciascun gruppo il compito di studiare e quindi riferire su i passi assegnati. Oppure puoi chiedere a singoli membri di studiare e riferire su questi passi.

  1. a.

    DeA 101:23. (Tutti potranno vedere il Salvatore).

  2. b.

    DeA 101:24. (Tutti i malvagi saranno distrutti). c. DeA 101:25. (La terra sarà rinnovata).

  3. d.

    DeA 101:26. (Gli uomini e gli animali vivranno in pace).

  4. e.

    DeA 101:27. (I desideri giusti delle persone saranno esauditi).

  5. f.

    DeA 101:28; vedere anche DeA 45:55; 88:110. (Satana sarà legato e non avrà il potere di tentare nessuno).

  6. g.

    DeA 101:29. (Non vi saranno né dolore né morte).

  7. h.

    DeA 101:30–31. (Le persone invecchieranno, quindi saranno improvvisamente portate dalla vita terrena all’immortalità).

  8. i.

    DeA 101:32–34. (Il Signore rivelerà tutte le cose che riguardano il cielo e la terra, compreso come la terra fu creata e che cosa sarà di essa).

  9. j.

    DeA 45:58. (I bambini cresceranno senza peccato).

  10. k.

    DeA 45:59; 133:25. (Il Signore sarà il re e legislatore di tutta la terra).

• Quale aiuto può darci ora, questa conoscenza riguardo al Millennio? Quale aiuto può darvi sapere che la rettitudine infine trionferà sulla malvagità?

3. Dobbiamo prepararci per la Seconda Venuta.

Il Signore ha ripetutamente sottolineato il fatto che dobbiamo prepararci per la Sua venuta (DeA 133:4, 10–11). Alcuni possono pensare di non poter mai fare abbastanza né di essere abbastanza capaci di prepararsi adeguatamente. Possono scoraggiarsi e pensare che tale preparazione è impossibile. Tuttavia il Signore in Dottrina e Alleanze impartisce consigli che ci insegnano che possiamo prepararci per questo importante avvenimento nella nostra vita di ogni giorno.

• Che cosa possiamo fare nella nostra vita di ogni giorno per prepararci per la Seconda Venuta? (Attingi alle seguenti informazioni per commentare o approfon- dire le risposte dei membri della classe).

Vegliare per notare i segni della venuta del Salvatore

Spiega che in Dottrina e Alleanze il Signore rivela molti dei segni che precederanno la Sua seconda venuta. Egli ci esorta ad essere «vigilanti» (DeA 61:38).

• Perché è importante conoscere i segni che precederanno la seconda venuta del Salvatore? Leggi insieme ai membri della classe DeA 45:36–39. Che cosa possiamo imparare da questa parabola riguardo al motivo per cui questi segni sono stati descritti?

• Quali sono alcuni dei segni che secondo le profezie precederanno la seconda venuta del Salvatore?

Per rispondere alla domanda scegli alcuni dei seguenti passi delle Scritture da leggere con i membri della classe. Identifica i segni che vengono menzionati in ogni passo. Riassumili alla lavagna sotto i titoli Segni positivi e Segni negativi. Puoi dividere la classe in piccoli gruppi assegnando a ciascun gruppo il compito di studiare e quindi riferire sui passi assegnati. Oppure puoi chiedere a singoli membri di studiare e riferire su questi passi.

Segni positivi

  1. a.

    DeA 45:9; 133:57–58. (La pienezza del Vangelo sarà restaurata).

  2. b.

    DeA 45:66–71. (La Nuova Gerusalemme sarà costruita. Sarà un luogo di pace e di sicurezza per i giusti negli ultimi giorni).

  3. c.

    DeA 65:2–6. (Il regno di Dio sarà stabilito sulla terra).

  4. d.

    DeA 110:11–16. (Le chiavi del sacerdozio saranno restaurate).

  5. e.

    DeA 133:8–9, 36–39. (Il Vangelo sarà predicato in tutto il mondo).

Segni negativi

  1. a.

    DeA 29:15; 88:91. (Vi saranno pianti, disperazione e paura. Il cuore degli uomini verrà meno).

  2. b.

    DeA 29:16; 45:31; 112:24. (Vi saranno carestie, calamità, malattie e desolazione).

  3. c.

    DeA 34:9; 45:40–42; 88:87. (Vi saranno segni e meraviglie nei cieli e sulla terra).

  4. d.

    DeA 45:26; 63:33. (Vi saranno guerre e rumori di guerre, e tutta la terra sarà in subbuglio).

  5. e.

    DeA 45:27. (L’amore degli uomini si raffredderà e l’iniquità abbonderà).

  6. f.

    DeA 45:33; 88:89–90. (Vi saranno terremoti, tempeste e grandi onde del mare. Gli uomini induriranno il loro cuore contro Dio e combatteranno l’uno contro l’altro).

Fai notare che alcune di queste profezie si sono già adempiute mentre altre si stanno adempiendo; alcune devono ancora adempiersi.

• Il Signore ci ha consigliato di non lasciarci turbare dal tumulto degli ultimi giorni (DeA 45:35). Come possiamo tener viva la speranza ed evitare i sentimenti di scoraggiamento quando siamo circondati dalla malvagità e dal subbuglio degli ultimi giorni? (Vedere DeA 38:30).

Stare in luoghi santi

Oltre a esortarci di vegliare per i segni della Seconda Venuta, il Signore ci chiede anche di prepararci comportandoci con rettitudine. Scegli alcuni dei seguenti passi delle Scritture da leggere con i membri della classe. Esamina ciò che ogni passo insegna riguardo alla preparazione per la seconda venuta del Salvatore. Riassumi alla lavagna le informazioni.

  1. a.

    DeA 27:15; 33:17. (Restare saldi nella rettitudine).

  2. b.

    DeA 34:6; 39:19–20; 43:20–23. (Predicare il pentimento e pentirci noi stessi). Perché il pentimento è importante per prepararci per la Seconda Venuta?

  3. c.

    DeA 45:32; 87:8; 101:22–23. (Stare in luoghi santi). Che cosa significa «stare in luoghi santi»? Quali sono alcuni di questi luoghi santi? (Questi luoghi possono comprendere i nostri templi, le nostre cappelle, le nostre case e i Pali di Sion). Che cosa facciamo per mantenerci degni e santi anche quando viviamo in un ambiente mondano?

  4. d.

    DeA 45:56–57. (Avere come guida il Santo Spirito).

Il presidente Gordon B. Hinckley ha detto: «Come possiamo prepararci per la Seconda Venuta? Innanzi tutto non dobbiamo preoccuparci. Conduciamo il genere di vita che se la Seconda Venuta dovesse accadere domani ci troverebbe pronti. Nessuno sa quando ciò avverrà … Il nostro dovere è quello di prepararci a vivere in modo degno di stare in compagnia del Salvatore, comportarci in maniera tale che non ci sentiremmo imbarazzati se dovesse improvvisamente comparire tra noi. Questo è l’impegno che dobbiamo affrontare oggi» (Church News, 2 gennaio 1999, 2).

L’anziano Boyd K. Packer, presidente facente funzione del Quorum dei Dodici, ci ha dato questo consiglio:

«Gli adolescenti spesso pensano che non valga la pena di darsi tanto da fare poiché il mondo molto presto salterà in aria e verrà la fine. Questa convinzione è dettata dalla paura, non dalla fede. Nessuno ne conosce l’ora né il giorno (DeA 49:7), ma la fine non potrà venire sino a dopo che tutti i propositi del Signore si saranno adempiuti. Tutto ciò che ho imparato dalle rivelazioni e dalla vita mi convince che c’è tempo, anzi ne avanza, per preparasi con cura per una lunga vita.

Un giorno avrete voi stessi dei figli adolescenti, e sarà proprio ciò che vi meritate. E in seguito vizierete i vostri nipoti, come essi poi vizieranno i loro. E se per qualcuno dovesse esserci una fine prematura, è solo un motivo in più per fare le cose nel modo giusto» (La Stella, luglio 1989, 52).

Conclusione

Fai notare che il Signore ha rivelato a noi più informazioni riguardanti la Seconda Venuta e il Millennio che a qualsiasi altro gruppo di persone nella storia del mondo. Armati di queste informazioni possiamo essere preparati e rimanere saldi nella rettitu- dine man mano che le Sue profezie si adempiono tutto attorno a noi. Dobbiamo attendere con gioia il tempo in cui il Salvatore ritornerà per iniziare il grande regno millenario di pace e di rettitudine.

Secondo i suggerimenti dello Spirito, porta testimonianza dei principi esaminati durante la lezione.

Idee addizionali da utilizzare nell’esporre la lezione

Il testo che segue integra lo schema della lezione. Puoi utilizzare una o più delle seguenti idee come parte della lezione.

1. La parabola del grano e delle zizzanie

Dottrina e Alleanze 86 fornisce ulteriori informazioni riguardanti la Seconda Venuta. Questa sezione contiene una rivelazione ricevuta da Joseph Smith allo scopo di chiarire il significato di alcuni elementi della parabola del grano e delle zizzanie.

Il Salvatore aveva già esposto questa parabola durante il Suo ministero terreno (Matteo 13:24–30).

• Ripassa con i membri della classe la parabola contenuta in DeA 86. Che cosa rappresentano gli elementi di questa parabola?

I servitori del Signore sono i seminatori del buon seme e Satana e i suoi seguaci i seminatori delle zizzanie. Il buon seme rappresenta i seguaci di Gesù e le zizzanie coloro che soccombono al male. Al grano e alle zizzanie è consentito di crescere insieme sino alla fine del mondo. A quel tempo i giusti saranno tolti d’in fra i malvagi e i malvagi saranno bruciati.

• Che cosa ci insegna questa parabola riguardo agli avvenimenti collegati alla Seconda Venuta?

2. Videocassetta

Se la videocassetta Insegnamenti di Dottrina e Alleanze e storia della Chiesa (5X933 160) è disponibile, puoi mostrare una o entrambe le seguenti sequenze:

«Non siate turbati» (cinque minuti). Questa sequenza aiuta i membri della classe a capire che non è necessario che siano spaventati o turbati dalle calamità che avverranno negli ultimi giorni. Se decidi di utilizzare questa sequenza, fallo durante la terza parte della lezione.

«Coloro che sono saggi» (sei minuti). Questa sequenza commenta la parabola delle dieci vergini raccontata dal Salvatore (Matteo 25:1–13; vedere anche DeA 45:56–59). Se decidi di utilizzare questa sequenza, fallo durante la terza parte della lezione.

Prima di mostrare «Coloro che sono saggi», spiega che la parabola delle dieci vergini è basata sulle antiche usanze nuziali giudaiche. Al tempo di Gesù lo sposo e i suoi amici accompagnavano la sposa dalla sua casa a quella dello sposo. Lungo il cammino gli amici della sposa aspettavano di unirsi a loro. Quando arrivavano a casa dello sposo, tutti entravano per partecipare alla festa. Questi matrimoni di solito avvenivano di sera, perciò quelli che aspettavano la sposa avevano con sé piccole lampade a olio. Nella parabola lo sposo rappresenta il Salvatore. Le vergini i membri della Chiesa. Le nozze rappresentano la seconda venuta del Salvatore. L’olio nelle lampade rappresenta la preparazione per la Seconda Venuta.

Dopo aver mostrato la sequenza, invita i membri della classe a leggere DeA 45:56–59. Quindi fai la seguente domanda:

• Che cosa insegnano questi versetti riguardo alla preparazione per la seconda venuta del Salvatore?

Puoi leggere la seguente dichiarazione del presidente Spencer W. Kimball:

«Nella parabola, l’olio si può acquistare al mercato. Nella nostra vita l’olio della preparazione si accumula una goccia dopo l’altra mediante il retto vivere. La partecipazione alle riunioni sacramentali aggiunge olio alla nostra lampada, una goccia dopo l’altra, lungo gli anni. Il digiuno, la preghiera familiare, l’insegnamento familiare, il dominio sulle passioni carnali, la predicazione del Vangelo, lo studio delle Scritture – ogni atto di dedizione e obbedienza è una goccia che si aggiunge alla nostra riserva. Le buone azioni, il pagamento delle decime e delle offerte, gli atteggiamenti e i pensieri casti, il matrimonio nell’alleanza per l’eternità – anche questo contribuisce considerevolmente ad accrescere l’olio con il quale possiamo rifornire a mezzanotte le nostre lampade ormai esaurite» (Faith Precedes the Miracle [1972], 256).