Capitolo 20: Il battesimo

Principi evangelici, (2011), 114–19


Il comandamento di essere battezzati

  • Perché dobbiamo essere battezzati?

Per l’insegnante: Usa le domande all’inizio della sezione per sollecitare uno scambio di idee e rimanda i membri della classe o della famiglia al testo per trovare maggiori informazioni. Usa le domande alla fine della sezione per aiutare i membri della classe o della famiglia a meditare e a parlare del significato di ciò che hanno letto e ad applicarlo nella loro vita.

Oggi, come ai giorni di Gesù, vi sono certi principi e ordinanze del Vangelo che dobbiamo conoscere e rispettare. Un principio è una credenza o insegnamento. Un’ordinanza è un rito o cerimonia. I primi due principi del Vangelo sono la fede nel Signore Gesù Cristo e il pentimento. Il battesimo è la prima ordinanza del Vangelo. Una delle istruzioni che il Signore diede ai Suoi apostoli fu: «Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo, insegnando loro d’osservar tutte quante le cose che v’ho comandate» (Matteo 28:19–20).

Dobbiamo essere battezzati per ottenere la remissione dei nostri peccati

Se riponiamo la nostra fede in Gesù Cristo, ci pentiamo e siamo battezzati, otteniamo il perdono per i nostri peccati grazie all’espiazione di Gesù Cristo.

Dalle Scritture impariamo che Giovanni il Battista battezzava «nel deserto predicando un battesimo di ravvedimento per la remissione dei peccati» (Marco 1:4). L’apostolo Pietro insegnò: «Ravvedetevi, e ciascun di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo, per la remission de’ vostri peccati» (Atti 2:38). Dopo la conversione di Paolo, Anania gli disse: «Lèvati, e sii battezzato, e lavato dei tuoi peccati» (Atti 22:16).

Dobbiamo ricevere il battesimo per diventare membri della Chiesa di Gesù Cristo

«Tutti coloro che si umiliano dinanzi a Dio e desiderano essere battezzati.… che… si sono veramente pentiti di tutti i loro peccati… saranno ricevuti nella sua chiesa mediante il battesimo» (DeA 20:37).

Dobbiamo essere battezzati prima di poter ricevere il dono dello Spirito Santo

Il Signore disse: «Se vorrai volgerti a me e… pentirti di tutte le tue trasgressioni, ed essere battezzato, sì, nell’acqua, nel nome del mio Figlio Unigenito,… riceverai il dono dello Spirito Santo» (Mosè 6:52).

Dobbiamo ricevere il battesimo per dimostrare la nostra obbedienza

Gesù Cristo era senza peccato, eppure fu battezzato. Egli disse che il Suo battesimo era necessario per «adempi[ere]… ogni giustizia» (Matteo 3:15). Il profeta Nefi spiegò che il Signore gli aveva detto: «Seguitemi, e fate le cose che mi avete visto fare… con pieno intento di cuore, senza compiere nessuna ipocrisia e nessun inganno dinanzi a Dio, ma con intento reale, pentendovi dei vostri peccati, testimoniando al Padre che siete disposti a prendere su di voi il nome di Cristo, mediante il battesimo» (2 Nefi 31:12–13).

Dobbiamo essere battezzati per entrare nel regno celeste

Gesù disse: «Chiunque crede in me ed è battezzato… eredit[erà] il regno di Dio. E chiunque non crede in me e non è battezzato, sarà dannato» (3 Nefi 11:33–34). Il battesimo è la porta attraverso la quale ci incamminiamo sul sentiero verso il regno celeste (vedere 2 Nefi 31:17–18).

Il modo giusto di battezzare

  • Come dobbiamo essere battezzati?

C’è soltanto un modo giusto in cui essere battezzati. Gesù rivelò al profeta Joseph Smith che una persona con la debita autorità del sacerdozio per battezzare «scenderà nell’acqua con la persona che si è presentata per il battesimo… Poi la immergerà nell’acqua e uscirà di nuovo fuori dall’acqua» (DeA 20:73–74). L’immersione è necessaria. L’apostolo Paolo insegnò che l’immersione nell’acqua e il venirne fuori di nuovo sono un simbolo della morte, della sepoltura e della resurrezione. Dopo il battesimo, diamo inizio a una nuova vita. Paolo disse:

«O ignorate voi che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte?

Noi siam dunque stati con lui seppelliti mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita.

Perché, se siamo divenuti una stessa cosa con lui per una morte somigliante alla sua, lo saremo anche per una risurrezione simile alla sua» (Romani 6:3–5).

Il battesimo per immersione, per mano di colui che detiene la debita autorità, è l’unico modo vero e accettabile di essere battezzati.

  • Perché per celebrare un battesimo è importante l’autorità?

  • In quali modi il battesimo per immersione è simile alla sepoltura e alla resurrezione del Salvatore?

Il battesimo all’età della responsabilità

  • Chi deve essere battezzato?

Ogni persona che ha raggiunto gli otto anni di età ed è responsabile delle proprie azioni deve essere battezzata. Alcune chiese insegnano che anche i neonati devono ricevere il battesimo: queste disposizioni non concordano con gli insegnamenti del Salvatore. Quando Gesù parlò dei fanciulli disse: «Di tali è il regno de’ cieli» (Matteo 19:14).

Il profeta Mormon disse che battezzare i fanciulli è una beffa dinanzi a Dio, poiché essi sono incapaci di peccare. Allo stesso modo, il battesimo non è richiesto per le persone che sono mentalmente incapaci di distinguere il bene dal male (vedere Moroni 8:9–22).

Tutte le altre persone devono essere battezzate. Dobbiamo ricevere l’ordinanza del battesimo e rimanere fedeli alle alleanze che stipuliamo in quella occasione.

  • Cosa puoi dire a un amico che creda che i bambini piccoli hanno bisogno di essere battezzati?

Con il battesimo stipuliamo delle alleanze

Molti passi delle Scritture insegnano in merito al battesimo. In uno di questi passi, il profeta Alma insegnò che la fede e il pentimento sono passi che ci preparano al battesimo. Egli insegnò che quando siamo battezzati facciamo un’alleanza con il Signore. Noi promettiamo di fare determinate cose e in cambio Dio promette di benedirci.

Alma spiegò che dobbiamo desiderare di essere annoverati fra il popolo di Dio. Dobbiamo essere disposti ad aiutarci gli uni con gli altri e a confortarci reciprocamente. Dobbiamo ergerci come testimoni di Dio in ogni occasione, in ogni cosa e in ogni luogo. Egli disse che, se faremo queste cose e saremo battezzati, Dio perdonerà i nostri peccati. A coloro che credettero ai suoi insegnamenti sul Vangelo, Alma disse:

«Ecco qui le acque di Mormon… ed ora, se siete desiderosi di entrare nel gregge di Dio e di essere chiamati il suo popolo… cosa avete in contrario a essere battezzati nel nome del Signore, a testimonianza dinanzi a lui che siete entrati in alleanza con lui, che lo servirete e obbedirete ai suoi comandamenti, affinché egli possa riversare su di voi il suo Spirito più abbondantemente?» (Mosia 18:8, 10). Il popolo batté le mani per la gioia e disse che era suo desiderio essere battezzato. Alma li battezzò nelle Acque di Mormon. (Vedere Mosia 18:7–17).

    Alma insegnò che quando siamo battezzati facciamo alleanza con il Signore di:
  1. 1.

    Entrare a far parte del gregge di Dio.

  2. 2.

    Portare i fardelli gli uni degli altri.

  3. 3.

    Stare come testimoni di Dio in ogni occasione e in ogni luogo.

  4. 4.

    Servire Dio e osservare i Suoi comandamenti.

    Quando siamo battezzati e osserviamo le alleanze stipulate al battesimo, il Signore ci promette di:
  1. 1.

    Perdonare i nostri peccati (vedere Atti 2:38; DeA 49:13).

  2. 2.

    Riversare su di noi il Suo Spirito più abbondantemente (vedere Mosia 18:10).

  3. 3.

    Darci ogni giorno la guida e l’aiuto dello Spirito Santo (vedere Atti 2:38; DeA 20:77).

  4. 4.

    Farci venir fuori nella Prima Risurrezione (vedere Mosia 18:9).

  5. 5.

    Darci la vita eterna (vedere Mosia 18:9).

  • Cosa credi significhi portare i fardelli gli uni degli altri? Stare come testimoni di Dio in ogni occasione e in ogni luogo?

Il battesimo ci offre un nuovo inizio

Con il battesimo cominciamo una nuova vita: questo è il motivo per cui lo chiamiamo una nuova nascita. Gesù disse che a meno che non nasciamo di acqua e di Spirito, non possiamo entrare nel regno di Dio (vedere Giovanni 3:3–5). Questo principio fu spiegato chiaramente ad Adamo:

«Dato che nasceste nel mondo mediante l’acqua, e il sangue, e lo spirito, che io ho fatto, e così diveniste dalla polvere un’anima vivente, proprio così dovete nascere di nuovo nel regno del cielo, di acqua e di Spirito, ed essere purificati mediante il sangue, sì, il sangue del mio Unigenito» (Mosè 6:59).

L’apostolo Paolo disse che, dopo il battesimo, dobbiamo cominciare una nuova vita: «Noi siam… stati con lui seppelliti mediante il battesimo… così anche noi camminassimo in novità di vita» (Romani 6:4). Una delle grandi benedizioni del battesimo è che ci offre un nuovo inizio sulla strada verso il nostro obiettivo eterno.

  • In che modo il tuo battesimo ha rappresentato un nuovo inizio?

Ulteriori passi delle Scritture