Unità 15 Giorno 3

Giovanni 13

Nuovo Testamento – Guida per gli studenti del corso di studio a domicilio del Seminario


Introduzione

Dopo aver consumato il pasto pasquale, il Salvatore lava i piedi ai Suoi apostoli, identifica Giuda come il Suo traditore e dà ai Suoi apostoli un “nuovo comandamento” (Giovanni 13:34). Nell’ultima settimana del Suo ministero terreno, Gesù Cristo incentra i Suoi insegnamenti sull’obbedienza, sul servizio e sull’amore, qualità che hanno caratterizzato la Sua vita e che dovrebbero caratterizzare la nostra vita quali Suoi discepoli.

Giovanni 13:1–17

Gesù lava i piedi ai Suoi Apostoli

schema della felicità

Medita sulle seguenti domande:

  • Dove ti posizioneresti su questa linea?

  • Vorresti essere più felice di quanto lo sei attualmente?

  • C’è qualcuno che ti piacerebbe aiutare a diventare più felice?

Mentre studi Giovanni 13, cerca un principio che insegni che cosa possiamo fare per essere più felici.

Dopo il Suo ingresso trionfale a Gerusalemme, Gesù celebrò la Pasqua con i Suoi apostoli. Giovanni 13:1–3 riporta che mentre consumava il pasto (l’Ultima Cena) con i Suoi apostoli, Gesù sapeva che sarebbe morto presto e che il Suo spirito avrebbe fatto ritorno al Suo Padre Celeste.

Gesù lava i piedi agli Apostoli

Leggi Giovanni 13:4–5, prestando attenzione a cosa fece Gesù dopo aver consumato il pasto pasquale con i Suoi apostoli. L’espressione “depose le sue vesti” in Giovanni 13:4 significa che Gesù si tolse un soprabito. Questo gesto è simile al togliersi la giacca ai nostri giorni.

“Ai tempi del Nuovo Testamento, le persone portavano sandali aperti, camminavano per lo più su strade sporche in cui si accumulava la sozzura delle bestie e avevano saltuariamente accesso all’acqua per farsi il bagno. I loro piedi diventavano davvero sporchi, e lavare i piedi di un’altra persona poteva essere un compito sgradevole. […] Questa usanza, segno di ospitalità, veniva solitamente praticata dai servitori di grado più basso” (New Testament Student Manual [manuale del Sistema Educativo della Chiesa, 2014], 242).

  1. icona del diarioRispondi alle seguenti domande sul tuo diario di studio delle Scritture:

    1. Se fossi stato presente quando Gesù lavò i piedi ai Suoi apostoli, come avresti reagito se Gesù avesse iniziato a lavare i tuoi piedi?

    2. Che cosa rivela sul carattere di Gesù l’atto di lavare i piedi ai Suoi apostoli?

Leggi Traduzione di Joseph Smith, Giovanni 13:8 (nella Guida alle Scritture), cercando cosa disse Pietro quando il Salvatore iniziò a lavare i suoi piedi.

Poi leggi Traduzione di Joseph Smith, Giovanni 13:9–10 (nella Guida alle Scritture) e cerca la risposta di Pietro alle parole del Signore.

In Giovanni 13:9, che cosa impariamo su Pietro dalla risposta che diede alle parole del Signore?

Lavando i piedi agli Apostoli, il Salvatore non solo svolse un bellissimo atto di servizio, ma adempì anche una parte della legge di Mosè e istituì una sacra alleanza per aiutare i Suoi discepoli fedeli a divenire puri dal peccato. Questa ordinanza è stata restaurata nella nostra dispensazione tramite il profeta Joseph Smith (vedi DeA 88:74–75, 137–141).

Leggi Giovanni 13:11, prestando attenzione al motivo per cui Gesù disse agli Apostoli: “Non tutti siete netti”.

Si riferiva a Giuda Iscariota, che l’avrebbe tradito a breve.

Leggi Giovanni 13:12–17 cercando cosa insegnò Gesù ai Suoi apostoli dopo aver lavato loro i piedi. Potresti sottolineare le frasi che descrivono l’esempio che il Salvatore stabilì e che invitò i Suoi apostoli a seguire.

Sulla base della promessa del Salvatore ai Suoi apostoli riportata in Giovanni 13:17, quale benedizione riceveremo se seguiremo il Suo esempio servendo gli altri? Rispondi a questa domanda completando il seguente principio: Se seguiremo l’esempio del Salvatore servendo gli altri, saremo ____________________.

  1. icona del diarioSvolgi i seguenti compiti nel diario di studio delle Scritture:

    1. Rispondi alla seguente domanda: Perché, secondo te, se serviremo gli altri come fece il Salvatore saremo più felici?

    2. Descrivi un episodio in cui ti sei sentito felice per aver seguito l’esempio del Salvatore servendo gli altri.

Anziano M. Russell Ballard

Leggi la seguente dichiarazione dell’anziano M. Russell Ballard del Quorum dei Dodici Apostoli, prestando attenzione a cosa possiamo fare per individuare delle opportunità di servizio: “Ogni nuovo giorno, nella vostra preghiera mattutina, chiedete al Padre Celeste di farvi riconoscere un’opportunità di servire uno dei Suoi preziosi figli. Poi affrontate la giornata con il cuore pieno di fede e di amore, cercando qualcuno da aiutare. […] Se lo farete, la vostra sensibilità spirituale si espanderà e scoprirete occasioni di servire di cui non vi eravate mai resi conto prima” (“Ansiosamente impegnati”, Liahona, novembre 2012, 31).

Potresti scrivere la dichiarazione dell’anziano Ballard su un foglio da posizionare dove ti farà ricordare di pregare per avere delle opportunità di servizio. Potresti poi scrivere nel diario di studio delle Scritture e condividere con altri come le tue preghiere hanno ricevuto risposta grazie all’aver messo in pratica il consiglio dell’anziano Ballard.

Giovanni 13:18–30

Gesù identifica il Suo traditore

Secondo Giovanni 13:18–30, dopo che Gesù ebbe insegnato ai Suoi apostoli che se avessero servito gli altri avrebbero avuto gioia, Egli disse che uno di loro Lo avrebbe tradito. Quando Giovanni chiese al Salvatore chi Lo avrebbe tradito, Gesù rispose: “È quello al quale darò il boccone dopo averlo intinto” (Giovanni 13:26); e lo diede a Giuda Iscariota.

Giovanni 13:31–38

Gesù insegna ai Suoi discepoli ad amarsi gli uni gli altri

Sei mai stato accusato da qualcuno di non essere cristiano, o un vero discepolo di Gesù Cristo, perché sei membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni? Ciò potrebbe accadere per via di alcuni insegnamenti distintivi legati alla Restaurazione come, ad esempio, la veridicità del Libro di Mormon e la Divinità intesa come tre esseri separati e distinti. Come hai risposto? (Se non ti è mai capitato, come risponderesti a qualcuno che ti dice che non sei cristiano?).

Leggi Giovanni 13:34–35, cercando che cosa, secondo le parole di Gesù, avrebbe aiutato le persone a riconoscere gli Apostoli come discepoli di Gesù Cristo. Valuta se sottolineare i comandamenti che Gesù diede ai Suoi apostoli in Giovanni 13:34.

Nota che Giovanni 13:35 afferma che gli altri avrebbero saputo che gli Apostoli erano discepoli di Gesù Cristo se si fossero amati l’un l’altro come Gesù li aveva amati. Da questi versetti impariamo che quando ci amiamo gli uni gli altri così come Gesù Cristo ama noi, le persone sapranno che siamo Suoi discepoli.

  1. icona del diarioIn base a quello che hai studiato quest’anno su Gesù Cristo, elenca nel tuo diario di studio delle Scritture cinque modi in cui Egli mostra il Suo amore per le persone.

Leggi la seguente storia, raccontata dall’anziano Paul E. Koelliker dei Settanta, prestando attenzione a come i missionari di cui si parla seguirono il consiglio del Signore di amarsi gli uni gli altri:

Anziano Paul E. Koelliker

“Due giovani missionari bussarono a una porta, sperando di trovare qualcuno che accogliesse il loro messaggio. La porta si aprì e si presentò un uomo piuttosto grosso con una voce tutt’altro che amichevole: ‘Pensavo di avervi detto di non bussare più alla mia porta. Vi avevo avvisato che se foste mai ritornati, non sarebbe stata una bella esperienza. Ora lasciatemi in pace’. Dopodiché chiuse rapidamente la porta.

Mentre gli anziani se ne stavano andando, il missionario più grande ed esperto mise il braccio sulla spalla del missionario più giovane per confortarlo e incoraggiarlo. Senza che lo sapessero, l’uomo li guardò dalla finestra per essere sicuro che avessero recepito il suo messaggio. Era convinto che li avrebbe visti ridere e prendersi gioco della sua brusca reazione al loro tentativo di visita. Ma, quando notò l’espressione di gentilezza tra i due missionari, il suo cuore si intenerì all’istante. Riaprì la porta e chiese ai missionari di tornare indietro e condividere il loro messaggio con lui. […]

Questo principio di avere amore gli uni per gli altri e di sviluppare la capacità di porre Cristo al centro del modo in cui pensiamo, parliamo e agiamo è fondamentale per divenire discepoli di Cristo e insegnanti del Suo vangelo” (“Egli ci ama veramente”, Liahona maggio 2012, 17).

  1. icona del diarioLeggi le parole di “Come vi ho amati” (Inni, 197) e pensa a qualcuno che conosci che è facilmente riconoscibile quale discepolo di Gesù Cristo a motivo dell’amore che mostra agli altri. Scrivi nel diario di studio delle Scritture il modo in cui questa persona mostra amore per gli altri e come vorresti seguire il suo esempio. Inoltre, scrivi una meta per amare gli altri come li ama il Salvatore.

Secondo Giovanni 13:36–38, dopo che Pietro ebbe dichiarato di essere disposto a deporre la sua vita per Gesù Cristo, il Salvatore disse che egli Lo avrebbe rinnegato tre volte prima del canto del gallo.

  1. icona del diarioNel diario di studio delle Scritture, alla fine dei compiti di oggi, scrivi:

    Ho studiato Giovanni 13 e ho completato questa lezione il (data).

    Ulteriori domande, pensieri e idee di cui vorrei parlare con l’insegnante: