Il sacerdozio

Guida dei dirigenti del sacerdozio e delle organizzazioni ausiliarie, 2001


Il sacerdozio è il potere e l’autorità di Dio. Attraverso di esso Egli compie la Sua opera e la Sua gloria, che è «fare avverare l’immortalità e la vita eterna dell’uomo» (Mosè 1:39). Gesù Cristo permette agli uomini degni che sono membri della Chiesa, di detenere il Suo sacerdozio. Quando sono ordinati al sacerdozio, possono essere autorizzati a compiere il lavoro del Signore, come predicare il Vangelo, celebrare le ordinanze del sacerdozio e officiare, quando chiamati, nel regno di Dio sulla terra.

restoration of melchizedek priesthood

«Vi sono nella chiesa due sacerdozi, cioè di Melchisedec e di Aaronne» (DeA 107:1). Messaggeri celesti restaurarono l’autorità del sacerdozio sulla terra attraverso il profeta Joseph Smith.

Il sacerdozio di Melchisedec

Il Sacerdozio di Melchisedec è il sacerdozio maggiore. Il suo nome deriva da quello di un grande sommo sacerdote che viveva ai tempi di Abrahamo (vedere DeA 107:2–5). I fratelli che detengono questo sacerdozio hanno il potere e l’autorità di detenere posizioni di presidenza nella Chiesa e di dirigere la predicazione del Vangelo. Possono presiedere, quando chiamati, su missioni, distretti, rami e quorum.

Prima che un uomo possa essere ordinato a un ufficio nel Sacerdozio di Melchisedec, gli deve essere conferito il Sacerdozio di Melchisedec. Allora è ordinato a un ufficio di questo sacerdozio. Questi uffici sono: anziano, sommo sacerdote, patriarca, settantae apostolo. I dirigenti di missione o distretto organizzano i fratelli che detengono il Sacerdozio di Melchisedec in quorum degli anziani nella missione o distretto. Un presidente presiede a ciascun quorum degli anziani. Egli insegna ai membri del quorum i loro doveri e incoraggia la fratellanza tra di loro. Nel ramo tutti i detentori del Sacerdozio di Melchisedec sono membri del quorum degli anziani.

Gli anziani e la presidenza del quorum degli anziani

Gli anziani sono chiamati a insegnare, esporre, battezzare e vegliare sulla Chiesa. Oltre ad avere l’autorità e i doveri degli uffici del Sacerdozio di Aaronne, gli anziani possono conferire il dono dello Spirito Santo, benedire gli ammalati e celebrare altre ordinanze (vedere «Le ordinanze e benedizioni del sacerdozio» nella Guida della famiglia). Quando autorizzati dai loro dirigenti del sacerdozio, gli anziani possono presiedere alle riunioni della Chiesa, quando non sono presenti sommi sacerdoti autorizzati (vedere DeA 20:42–45; 107:11).

Quando nel ramo ci sono degni detentori del Sacerdozio di Melchisedec,la presidenza della missione o del distretto, secondo la guida dello Spirito, può organizzare un quorum degli anziani, chiamando e mettendo a parte un presidente, scelto tra i membri del quorum del ramo. Quando nel ramo il numero degli anziani aumenta, la presidenza della missione può chia- mare e mettere a parte due consiglieri del presidente del quorum degli anziani. Ogni quorum degli anziani può contare fino a 96 componenti.

Il quorum fornisce esempio, assistenza e guida ai padri e agli altri membridel quorum.

Il presidente del quorum degli anziani serve sotto la direzione del presidente del distretto o della missione e risponde a lui della sua chiamata.

Il presidente del quorum opera, inoltre, sotto la direzione del presidente del ramo in qualità di membro del comitato esecutivo del sacerdozio del ramo, e membro del consiglio del ramo.

Il presidente del quorum presiede ai membri del quorum nel ramo e rappresenta un esempio per loro. Opera insieme al presidente del ramo per organizzare e seguire l’insegnamento familiare, per assicurarsi che la Chiesa rimanga in contatto attivo con tuttii membri del ramo.

Il presidente del quorum insegna ai membri del quorum il Vangelo e i doveri del Sacerdozio di Melchisedec (vedere DeA 107:89). Li incoraggiaa servire con gioia e umiltà, soprattutto nei loro doveri di mariti e padri. Li istruisce su come celebrare le ordinanze del sacerdozio, programma progetti di servizio e attività che aiutino i fratelli, creando fratellanza tra di loro. Egli è responsabile del benessere spirituale e materiale dei membri del quorum.

Il presidente del quorum assegna all’insegnamento familiare coloro che detengono il Sacerdozio di Melchisedec e gli adulti che abbiano più di 19 anni che detengono il Sacerdozio di Aaronne. Con l’approvazione del presidente del ramo, assegna all’insegnamento familiare anche gli insegnanti e i sacerdoti del Sacerdozio di Aaronne.

I fratelli sono incaricati in coppia all’insegnamento familiare durante un’intervista personale. Previa approvazione del presidente del ramo, il presidente del quorum degli anziani può incaricare la moglie di un detentore del Sacerdozio di Melchisedec quale accompagnatrice nelle visite dove una coppia è decisamente richiesta.

Il presidente del quorum istruisce i membri del quorum sugli scopi dell’insegnamento familiare (vedere pagine 6–7) e li sprona ad adempierli bene. Un componente della Presidenza del quorum intervista regolarmentegli insegnanti familiari per ricevere un rapporto sulle loro visite ed essere informato dei bisogni dei fedeli.

Il presidente del quorum degli anziani supervisiona l’insegnamento familiare e informa il presidente del ramo delle visite, delle necessità dei fedeli e delle preoccupazioni apprese attraverso l’insegnamento familiare.

Il presidente del quorum incoraggia i fratelli a partecipare alle riunioni della Chiesa, alle attività e a servire. Egli aiuta gli uomini non ordinatie coloro che hanno più di 18 anni che detengono il Sacerdozio di Aaronne a prepararsi per ricevere il Sacerdozio di Melchisedec e le ordinanze del tempio. Gli insegnanti familiari aiutano in questo, ma spesso il presidente si prende cura personalmente dei suoi membri del quorum.

I sommi sacerdoti, patriarchi, settanta e apostoli

Per informazioni riguardo all’ufficio di sommo sacerdote, patriarca, Settantae apostolo vedere Principi evangelici, capitolo 14.

L’insegnamento familiare

Gli insegnanti familiari sono detentori del sacerdozio che sono chiamati ad aiutare i dirigenti del sacerdozioa prendersi cura e rafforzare i fedeli del ramo. Tutti i detentori del Sacerdozio di Melchisedec e del Sacerdoziodi Aaronne, a eccezione dei diaconi, hanno la possibilità di servire come insegnanti familiari.

Gli insegnanti familiari visitano regolarmente i fedeli, mostrando loro affetto, insegnando loro il Vangelo e invitandoli a venire a Cristo. Gli insegnanti familiari incoraggiano i padri a pregare e a prendersi diligentemente cura della propria famiglia. Aiutanoi fedeli nei momenti di malattia, perdita di una persona cara, solitudine, disoccupazione e in momenti di particolare bisogno (vedere DeA 20:51, 53, 59).

Mentre visitano le famiglie assegnate, gli insegnanti familiari rappresentano il Signore, il presidente del ramo e il presidente del quorum. Vengono a conoscenza degli interessi e dei bisogni delle famiglie e mostrano un interesse genuino per loro. Gli insegnanti familiari, guidati dallo Spirito, cercano di insegnare il Vangelo, di svilupparee rafforzare la fede delle persone e dei membri delle famiglie che visitano.

Se possibile, tutti gli insegnanti familiari devono avere un collega.

Gli insegnanti familiari:

  • Si tengono in contatto con tutti i fedeli loro assegnati.

  • Riconoscono il padre quale capofamiglia (o la madre o la persona responsabile se non c’è un padre nella casa) e lo aiutano a guidarei suoi familiari nel loro cammino verso l’immortalità e la vita eterna.

  • Aiutano i fedeli ad avere fede in Gesù Cristo portando un messaggio tratto dalle Scritture o dai profeti viventi, come quello contenuto nel Messaggio della Prima Presidenza della Liahona.

  • Pregano insieme a coloro che visitano invocando benedizioni in loro favore.

  • Informano la famiglia sulle riunioni, sulle attività di ramo e di quorum, sui progetti speciali e li aiutanoa parteciparvi.

  • Riferiscono al presidente del quorum degli anziani (o al presidente del ramo se nel ramo non c’è un quorum degli anziani) il progresso dei fedeli.

  • Incoraggiano e aiutano le famiglie a ricevere tutte le ordinanze essen- ziali del Vangelo e a osservare le relative alleanze.

  • Incoraggiano i fedeli a fare il lavoro missionario, nonché quello genealogico e di tempio.

Le ordinanze e le benedizioni

Le ordinanze del sacerdozio sono atti sacri, rivelati dal Signore e celebrati tramite l’autorità del sacerdozio. Le benedizioni del sacerdozio sono impartite per guarire, confortare e per incoraggiare. Il battesimo, la benedizionee la distribuzione del sacramento sono esempi di ordinanze del sacerdozio. Alcune ordinanze possono essere celebrate dai detentori del Sacerdozio di Aaronne, ma la maggior parte di esse sono celebrate dai detentori del Sacerdozio di Melchisedec (vedere «Il Sacerdozio di Aaronne» in questa guidae nella Guida della famiglia). I presidenti di ramo e quelli del quorum degli anziani devono insegnare ai fratelli a celebrare le ordinanze. Questi dirigenti aiutano i padri a prepararsi e a essere degni di celebrare ordinanze a beneficio dei familiari. I fratelli che celebrano le ordinanze e impartiscono le benedizioni hanno la responsabilità di prepararsi vivendo secondo i principi del Vangelo e sforzandosi di essere guidati dallo Spirito Santo. Celebrano tutte le ordinanze e benedizioni in maniera dignitosa. Tutte le ordinanze e le benedizioni devono essere celebrate:

  1. 1.

    Nel nome di Gesù Cristo.

  2. 2.

    Mediante l’autorità del sacerdozio.

  3. 3.

    Con tutte le necessarie procedure, come parole specifiche o olio consacrato.

  4. 4.

    Dove richiesto, le ordinanze devono essere autorizzate da un dirigente del sacerdozio incaricato che detiene le relative chiavi. Le ordinanze che richiedono l’autorizzazione di un dirigente del sacerdozio sono l’imposizione del nome e la benedizione dei bambini, la celebrazione dei battesimi e delle confer- mazioni, il conferimento del sacerdozio e l’ordinazione a un ufficio del sacerdozio, la benedizione e la distribuzione del sacramento e la dedicazione delle tombe.

Vedere la Guida della famiglia per le istruzioni su specifiche ordinanze e benedizioni.

Il Sacerdozio di Aaronne

Il Sacerdozio di Aaronne è «un’appen- dice a quello maggiore, ossia al Sacerdozio di Melchisedec» (DeA 107:14). È chiamato secondo il nome di Aaronne, fratello di Mosè, perché fu conferitoa lui e alla sua posterità. I fratelli che detengono il Sacerdozio di Aaronne hanno l’autorità di celebrare alcune ordinanze del sacerdozio. I sacerdoti possono battezzare, benedire il sacramento, ordinare sacerdoti, insegnanti e diaconi. I sacerdoti e gli insegnanti possono preparare il sacramento. I sacerdoti, gli insegnanti e i diaconi possono distribuirlo (vedere DeA 107:13–14, 20).

Quando il Sacerdozio di Aaronne è conferito a una persona, questa è ordinata a un ufficio di tale sacerdozio. Gli uffici sono: diacono, insegnantee sacerdote. Il presidente del ramo,che è il presidente del Sacerdoziodi Aaronne nel ramo, guidato dallo Spirito e secondo il numero dei giovani, organizza i detentori dello stesso ufficio nel quorum dei diaconi (12–13 anni), insegnanti (14–15 anni) e sacerdoti (16–18 anni).

Il presidente del ramo, che detiene le chiavi della presidenza del Sacerdozio di Aaronne, è il presidente del Sacerdozio di Aaronne nel ramo. Egli è il presidente del quorum dei sacerdoti e può chiamare due degni sacerdoti a servire come suoi assistenti nel quorum. Può chiamare un degno insegnante e un degno diacono a servire come presidenti dei rispettivi quorum. Il presidente, come pure un consigliere incaricato, può chiamare due consiglieri della presidenza del quorum dei diaconi o degli insegnanti per completare le presidenze di detti quorum. Quando i quorum hanno un numero sufficiente di giovani, un membro della presidenza di ramo può chiamare un giovane per ogni quorum che serva come segretario del quorum. Il presidente del ramo mette a parte i suoi assistenti del quorum dei sacerdoti e i presidenti del quorum degli insegnanti e dei diaconi. Un membro della presidenza del ramo mette a parte i consiglieri e il segretario dei quorum.

Dopo gli esercizi di apertura della riunione del sacerdozio, sotto la dire- zione del presidente del ramo, il Sacerdozio di Aaronne si riunisce separatamente dai detentori del Sacerdozio di Melchisedec.

Quando il presidente del ramo organizza i quorum del Sacerdozio di Aaronne, chiama, guidato dallo spirito, un detentore del Sacerdozio di Melchisedec o un insegnante del Sacerdozio di Aaronne a servire come presidente dei Giovani Uomini. Il presidente dei giovani uomini lavora con la presidenza del ramo e la presidenza dei quorum del Sacerdozio di Aaronne con lo scopo di aiutare tutti i giovani a rafforzare la loro fede in Gesù Cristo e ad aumentare la loro comprensione e impegno nel vivere in armonia coni principi del Vangelo restaurato.

Gli scopi del Sacerdozio di Aaronne sono quelli di aiutare ogni persona che è stata ordinata a:

  • Convertirsi al vangelo di Gesù Cristo e mettere in pratica i suoi insegnamenti.

  • Fare onore alle chiamate del sacerdozio e svolgere i doveri del suo ufficio nel sacerdozio.

  • Svolgere un servizio utile.

  • Prepararsi a ricevere il Sacerdozio di Melchisedec e le ordinanzedel tempio.

  • Prepararsi a svolgere onorevolmente una missione a tempo pieno.

  • Studiare il più possibile e prepararsi a diventare un degno marito e padre.

  • Rispettare le donne, le ragazze e i bambini.

Il presidente del ramo lavora con le presidenze del Sacerdozio di Aaronne per programmare le riunioni dei quorum, i progetti di servizio e le attività che favoriscano il raggiungimento di questi scopi. Le attività devono fornire un ambiente sano in cui i giovani possano fare amicizia, prestare servizioe sviluppare le loro abilità insieme ad altri che condividono fede e norme simili.

Le presidenze dei quorum del Sacerdozio di Aaronne e le presidenze delle classi delle Giovani Donne, in collaborazione con i dirigenti adulti del Sacerdozio di Aaronne e delle Giovani Donne, possono programmare le attività congiunte dei giovani e delle giovani sotto la supervisione del presidente del ramo. Le attività congiuntesi chiamano AMM.

I diaconi

Un degno giovane che sia stato battezzato e confermato può essere ordinato diacono quando ha almeno 12 anni.

I diaconi sono di solito incaricati di distribuire il sacramento, prendersi cura degli edifici e dei terreni circostanti la chiesa, aiutare a prendersi cura dei bisognosi e portare a termine speciali incarichi, come raccogliere le offertedi digiuno.

Ogni quorum dei diaconi può contare fino a 12 componenti (vedere DeA 107:85).

Gli insegnanti

Un degno giovane può essere ordinato insegnante quando ha almeno 14 anni. In aggiunta a tutta l’autorità e ai doveri dei diaconi, gli insegnanti preparano il sacramento e svolgono l’insegnamento familiare.

Ogni quorum degli insegnanti può contare fino a 24 componenti (vedere DeA 107:86).

I sacerdoti

Degni fratelli possono essere ordinati sacerdoti quando hanno almeno 16 anni. I convertiti adulti sono, di solito, ordinati sacerdoti fino a quando non hanno sufficiente esperienza per essere ordinati anziani.

In aggiunta a tutta l’autorità e ai doveri dei diaconi e degli insegnanti, i sacerdoti possono battezzare e benedire il sacramento, e possono condurre le riunioni quando nessun detentore del Sacerdozio di Melchisedec è presente (vedere DeA 20:46–51).

Ogni quorum dei sacerdoti può contare fino a 48 componenti (vedere DeA 107:87).