Lo Spirito Santo mi aiuta

Primaria 1: Sono un figlio di Dio, 2003


Scopo

Aiutare ogni bambino a capire che lo Spirito Santo ci aiuta.

Preparazione

  1. 1.

    Leggi attentamente Giovanni 14:16–17; 2 Nefi 32:5; Moroni 10:4–5 e Dottrina e Alleanze 39:23; 130:22. Vedi anche Principi evangelici (31110 160), capitolo 7.

  2. 2.

    Materiale necessario:

    1. a.

      Bibbia e Dottrina e Alleanze.

    2. b.

      Un oggetto di uso comune e un sacchetto in cui metterlo.

    3. c.

      Illustrazione 1-3, Gesù il Cristo (Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 240; 62572); illustrazione 1-4, La Prima Visione (Corredo di illustrazioni per lo studio del Vangelo 403; 62470).

  3. 3.

    Fai i preparativi necessari per tenere le attività supplementari di tua scelta.

Attività di apprendimento

Invita un bambino a dire la preghiera di apertura.

Attività per richiamare l’attenzione

Chiedi a un bambino di avvicinarsi a te. Sussurragli nell’orecchio una frase riguardante lo Spirito Santo come, ad esempio: «Lo Spirito Santo aiuta il Padre celeste e Gesù». Ripeti la stessa procedura con ogni bambino della tua classe (puoi dire la stessa cosa a ogni bambino). Chiedi poi ai bambini se sanno di chi parlerete oggi. Spiega che parlerete dell’aiutante del Padre celeste e di Gesù, ossia dello Spirito Santo.

Mostra l’illustrazione 1-4, La Prima Visione. Indica il Padre celeste e Gesù e spiega che Essi hanno un corpo fisico dall’aspetto simile al nostro. Spiega che lo Spirito Santo per molti aspetti è come il Padre celeste e Gesù. Egli ci ama e ci aiuta. Ma Egli non ha un corpo fisico come il Padre celeste e Gesù. È uno spirito, perciò può mettere silenziosamente delle idee nella nostra mente e darci sentimenti di felicità e di conforto.

Lo Spirito Santo ci dà conforto e aiuto

• Quando vi sentite feriti o tristi, in che modo vostra madre o vostro padre vi confortano e vi fanno sentire meglio?

Mostra l’illustrazione 1-3, Gesù il Cristo. Spiega ai bambini che Gesù sapeva che i discepoli, Suoi aiutanti, si sarebbero sentiti tristi quando Egli sarebbe morto. Pertanto disse loro che Egli avrebbe chiesto al Padre celeste di mandare un consolatore ad aiutarli a non sentirsi abbandonati (vedi Giovanni 14:16–17).

Storia

Spiega che lo Spirito Santo può anche ammonirci e guidarci quando abbiamo bisogno di aiuto. Narra con parole tue il seguente episodio della vita di Harold B. Lee, che divenne l’undicesimo presidente della Chiesa:

«Un giorno, quando avevo all’incirca otto anni, mio padre, dovendosi per ragioni di lavoro recare in una fattoria un po’ distante da casa nostra, mi portò con sé. Là, mentre egli lavorava, io cercavo di passare il tempo facendo le cose che fanno tutti i ragazzi di quella età. Faceva caldo e c’era polvere nell’aria, ma io giocai finché non fui stanco. Al di là della recinzione c’era un capanno diroccato che suscitò il mio interesse. Mi immaginai che quel capanno fosse un castello e io lo dovessi esplorare, così andai alla recinzione e cominciai ad arrampicarmi per poi arrivare al capanno, quando sentii una voce che mi disse queste precise parole: ‹Harold, non andare là›. Mi guardai attorno per vedere chi mi avesse chiamato per nome. Mio padre era all’altra estremità del campo, quindi non poteva vedere quello che stavo facendo, e nei paraggi non c’era nessun altro. Allora mi resi conto che qualcuno che io non potevo vedere mi aveva avvertito di non andare, e non andai. Quello che c’era là non lo seppi mai. Imparai però che, nascosti alla nostra vista, ci sono coloro che possono parlarci» (Conference Report, Mexico Area Conference 1972, pagg. 48–49).

Spiega che qualche volta lo Spirito Santo sussurra i Suoi suggerimenti ad alta voce, come fece per il presidente Lee, ma spesso ci dà soltanto un sentimento riguardo a quello che dobbiamo o non dobbiamo fare.

Lo Spirito Santo ci aiuta a capire cos’è giusto

Spiega che lo Spirito Santo ci ama e ci aiuta a scegliere il giusto. Chiedi ai bambini di pensare ad alcune cose che fanno diligentemente come, ad esempio, obbedire ai genitori, aiutarsi gli uni gli altri e dire le preghiere.

• Come vi sentite quando fate le cose giuste?

• Come vi sentite quando fate le cose sbagliate?

Spiega che lo Spirito Santo ci aiuta a capire la differenza tra il bene e il male mandandoci un sentimento di benessere e di soddisfazione quando facciamo le cose giuste, e un sentimento di tristezza e insoddisfazione quando facciamo le cose sbagliate.

Chiedi ai bambini di parlare delle occasioni in cui hanno provato un sentimento di benessere e di soddisfazione perché hanno fatto la scelta giusta o hanno aiutato qualcuno. Aiutali a riconoscere l’influenza dello Spirito Santo.

Inno Insieme con i bambini recita le parole dell’inno «Listen, Listen» (Children’s Songbook, pag. 107).

Quando tu non sai che far
Senti! Senti!
Una voce sempre ti dirà
Cosa devi far.

Lo Spirito Santo ci aiuta a sapere che il Padre celeste e Gesù Cristo esistono veramente

Spiega che lo Spirito Santo può aiutarci a sapere se una cosa è vera e reale. Mostra ai bambini un sacchetto contenente un oggetto. Spiega che nel sacchetto c’è una cosa, ma non dire qual è.

• C’è qualcosa in questo sacchetto?

Spiega che anche se i bambini non possono vedere l’oggetto nel sacchetto, sanno che c’è perché lo hai detto tu. Anche se poche persone vedono il Padre celeste e Gesù, lo Spirito Santo può aiutarci a sapere che il Padre celeste e Gesù esistono veramente e che ci amano. Spiega che questa conoscenza è chiamata testimonianza. Qualche volta le persone portano testimonianza nelle riunioni della Chiesa e dicono di sapere che Gesù vive. Lo Spirito Santo li ha aiutati a sapere che è vero.

Possiamo ricevere il dono dello Spirito Santo

Narra di quando sei stata battezzata e confermata. Spiega quello che hai sentito quando gli uomini che detengono il sacerdozio hanno posto le mani sul tuo capo e ti hanno dato il dono dello Spirito Santo.

Leggi ad alta voce Dottrina e Alleanze 39:23 sino a Spirito Santo. Spiega che quando i bambini compiono gli otto anni e sono battezzati e confermati, possono ricevere il dono dello Spirito Santo. Il dono dello Spirito Santo li aiuterà a tenere fede alle promesse che fanno quando sono battezzati.

Testimonianza

Esprimi la tua gratitudine per lo Spirito Santo e spiega ai bambini come lo Spirito Santo ti ha confortata e aiutata a capire che cosa è giusto.

Attività Supplementari

Scegli alcune di queste attività da tenere durante la lezione.

  1. 1.

    Aiuta i bambini a cantare o a recitare le parole dell’inno «Lo Spirito Santo» (Innario dei bambini, pag. 56).

  2. 2.

    Mostra illustrazioni di persone che fanno cose buone come, ad esempio, donare ciò che hanno e aiutare il prossimo. Chiedi ai bambini come si sentono quando fanno le cose giuste. Descrivi ai bambini alcuni episodi in cui alcune persone hanno fatto cose buone e cose cattive come, ad esempio, aiutare la mamma, litigare con i fratelli, prestare i loro giocattoli e disobbedire ai genitori. Chiedi ai bambini di sorridere quando l’azione descritta è buona e di fare il broncio quando l’azione non è buona.

  3. 3.

    A voce bassa di’: «Tutti coloro che sentono la mia voce si mettano il dito sul naso. Tutti coloro che ascoltano la mia voce mettano la mano sul capo». Continua designando ogni parte del corpo sino a quando tutti i bambini sentono la tua voce bassa. Spiega che anche se hai parlato piano, quando i bambini hanno ascoltato hanno potuto sentire la tua voce e obbedire alle tue istruzioni. Spiega che lo Spirito Santo ci parla a bassa voce. Se ascoltiamo attentamente, Egli ci dirà cose importanti.

  4. 4.

    Narra con parole tue il seguente episodio della vita del presidente Wilford Woodruff, quarto presidente della Chiesa:

    Una sera, mentre si trovava in viaggio con la moglie e i quattro figli, il presidente Woodruff si fermò a casa di un amico per trascorrervi la notte. Tre dei figli trovarono posto nella casa, mentre lui, sua moglie e l’altro figlio rimasero a dormire nel carro. Il presidente Woodruff dice: «Mi ero coricato solo da pochi minuti quando una voce mi disse: ‹Alzati, sposta il carro›. Non era il tuono, né il fulmine, né il terremoto, ma la voce mite e tranquilla dello Spirito di Dio, dello Spirito Santo … Mi alzai e spostai il carro, portandolo accanto alla casa. Mentre tornavo a dormire lo stesso Spirito mi disse: ‹Sposta i muli da sotto quella quercia› … Portai gli animali in un vicino boschetto e li legai. Poi tornai a letto. In meno di mezz’ora una tromba d’aria colpì l’albero al quale avevo in precedenza legato i muli, spezzandolo vicino a terra e trascinandolo per più di trenta metri, abbattendo due recinti e scaraventandolo poi proprio nel punto dove prima stazionava il nostro carro … Per aver dato ascolto alla rivelazione dello Spirito di Dio, salvai la vita a me, a mia moglie, a mio figlio e ai miei animali» («Leaves from My Journal», Millennial Star, 12 dicembre 1881, pagg. 790–791).

Attività addizionali per i bambini più piccoli

  1. 1.

    Una settimana prima di tenere questa lezione, chiedi ai genitori di ogni bambino di lasciargli portare in classe un oggetto che lo tranquillizza. Potrà trattarsi di una coperta, un giocattolo o una canzone particolare che gli piace cantare. Porta in classe tu stessa alcuni oggetti, nel caso che qualcuno si dimentichi di portare il suo.

    In classe parla con i bambini di come questi oggetti li fanno sentire sicuri e amati. Spiega che uno dei più importanti aiutanti del Padre celeste e di Gesù può farci sentire sicuri e amati. Questa persona qualche volta è chiamata Consolatore, perché il Padre celeste Lo manda da noi quando ci sentiamo tristi o preoccupati. Questa persona è lo Spirito Santo, un meraviglioso aiutante.

  2. 2.

    Recita le parole dell’inno «The Still Small Voice» (Children’s Songbook, pag. 106) e aiuta i bambini a mimare le azioni indicate:

    Senti! Senti! (metti la mano attorno all’orecchio)
    Lo Spirito Santo sussurrerà (porta l’indice alle labbra)
    Senti! Senti! (metti la mano attorno all’orecchio)
    La piccola voce ti parlerà (metti la mano sul cuore).