Sono grato per gli alberi, le piante e i fiori

Primaria 1: Sono un figlio di Dio, 2003


Scopo

Aiutare ogni bambino a provare gratitudine verso il Padre celeste e Gesù Cristo per gli alberi, le piante e i fiori.

Preparazione

  1. 1.

    Leggi attentamente Genesi 1:11–13.

  2. 2.

    Metti in un panno o in un sacchetto di carta un frutto, una verdura o un ramoscello.

  3. 3.

    Prepara piccoli pezzi di frutta, verdura o pane. Informati presso i genitori dei bambini per assicurarti che nessuno sia allergico ai cibi che offri.

  4. 4.

    Materiale necessario:

    1. a.

      Bibbia.

    2. b.

      Se possibile, procurati illustrazioni di alberi, piante e fiori della tua zona e porta in classe alcuni piccoli oggetti di legno come, ad esempio, una matita, un cucchiaio o una ciotola.

    3. c.

      Ritaglio 1-4, Fiori.

    4. d.

      Illustrazione 1-22, Albero in fiore; illustrazione 1-23, Un nido con gli uccellini.

  5. 5.

    Fai i preparativi necessari per tenere le attività supplementari di tua scelta.

Attività di apprendimento

Invita un bambino a dire la preghiera di apertura.

Attività per richiamare l’attenzione

Fai passare tra i bambini il sacchetto contenente la frutta, la verdura o il ramoscello, tenendolo chiuso in modo che non possano vedere cosa c’è dentro. Chiedi ai bambini di palpare il sacchetto e di indovinare cosa contiene. Chiedi loro di non dirlo ad alta voce sino a quando tutti hanno avuto la possibilità di palpare il sacchetto. Quando tutti hanno palpato il sacchetto, chiedi ai bambini di dirti quello che, secondo loro, c’è dentro. Estrai l’oggetto dal sacchetto e parla del suo aspetto e della sua utilità.

Gli alberi, le piante e i fiori rendono la terra un luogo bello in cui vivere

Ricorda ai bambini che tutto quello che esiste sulla terra è stato creato secondo il piano del Padre celeste. Il terzo giorno della creazione Gesù creò gli alberi, le piante e i fiori (vedi Genesi 1:11–13). Spiega che il Padre celeste e Gesù vollero rendere bella la terra con gli alberi, le piante e i fiori.

Mostra il ritaglio dei fiori e ogni altra illustrazione di alberi, piante o fiori che ti sei procurata. Lascia che i bambini parlino delle esperienze che hanno fatto con gli alberi, le piante o i fiori.

Storia

Narra una storia che insegni ai bambini che gli alberi, le piante e i fiori rendono la terra un luogo bello in cui vivere. Parla delle bellissime piante che crescono nella parte del mondo in cui vivete. Se è adatta alla vostra zona, puoi usare l’illustrazione 1-22, Alberi in fiore, e le seguenti idee:

Caterina aveva un albero favorito sotto il quale le piaceva giocare. Un mattino la mamma la svegliò e disse che aveva una sorpresa per lei. L’albero preferito di Caterina era coperto di bellissimi fiori bianchi che assomigliavano un po’ al popcorn. Ella chiese come aveva fatto il popcorn a salire sul suo albero preferito, e la mamma le spiegò l’importanza dei fiori.

Inno Chiedi ai bambini di alzarsi e di cantare l’inno «Popcorn e papaveri» (Innario dei bambini, pag. 118) mimando le azioni descritte dalle parole. Spiega che a primavera gli albicocchi si ricoprono di fiori bianchi che sembrano proprio popcorn.

Ho visto sull’albero del mio giardin
trasformarsi le albicocche in popcorn.
Mi sorpresi nel vedere al fin
dei papaveri sui rami in fior.
Quindi coi papaveri m’adornai,
che festa feci con quel popcorn!
Mi piace assai sognar e desiderar
dei papaveri e tanto popcorn.

Spiega che alcuni fiori crescono sugli alberi, altri sui cespugli e sulle piante rampicanti, e altri ancora spuntano direttamente dal terreno. Invita i bambini a parlare dei fiori che hanno visto.

• In che modo usiamo i fiori per rendere bello il nostro mondo? (li piantiamo nei giardini, ne facciamo dei mazzi, li mettiamo nei capelli o sui vestiti).

• Perché regaliamo i fiori alle persone? (per celebrare occasioni speciali e per farle felici).

Le piante e gli alberi sono necessari alla vita

Storia

Spiega che le piante e gli alberi sono necessari alla vita. Mostra l’illustrazione 1-22, Albero in fiore, e narra una storia che parla dei molti usi che facciamo degli alberi. Usa le seguenti idee o parla degli altri modi in cui gli abitanti della tua zona usano gli alberi.

Per prima cosa gli uccelli usano gli alberi come casa. Costruiscono un nido con molta cura e la mamma uccello vi depone le uova (mostra l’illustrazione 1-23, Un nido con gli uccellini). Quando gli uccellini escono dalle uova, l’albero offre loro un riparo. Li protegge dall’ardore del sole, dalla pioggia e dagli animali che potrebbero far loro del male. L’albero produce anche i frutti per una famiglia che vive nelle vicinanze. I bambini giocano all’ombra dell’albero e ad uno dei suoi rami più grossi appendono un’altalena. Quando una parte dell’albero muore, la famiglia la taglia e la usa come legna da ardere per riscaldare la casa.

• Perché gli alberi sono importanti per noi? (ci forniscono cibo, legno, ombra e un luogo in cui giocare).

Mostra alcuni oggetti che hai portato da casa o che si trovano in classe fatti di legno e parla dei molti usi del legno.

• Quali altre cose sono fatte di legno?

Spiega che usiamo le piante anche in molti altri modi. Una delle cose più importanti che le piante fanno per noi è fornirci il cibo.

• Quali piante mangiamo?

Se una delle illustrazioni che ti sei procurata raffigura piante che vengono usate come cibo, mostrale ai bambini a questo punto.

Attività

Parla con i bambini dei cereali, della frutta e della verdura coltivata nella zona. Spiega che i cereali vengono spesso trasformati in pane o biscotti. Chiedi a ogni bambino di indicare il suo cibo preferito che proviene da una pianta. Fai assaggiare ai bambini i piccoli pezzi di frutta, verdura o pane che hai portato in classe. Parla loro della pianta o albero dal quale provengono.

Spiega che il Padre celeste chiese a Gesù di creare molte piante e alberi diversi, in modo che noi avessimo delle cose buone da mangiare.

• Come possiamo ringraziare il Padre celeste per il nostro cibo? (ricordandoci di chiederGli di benedire il nostro cibo prima che lo mangiamo).

Testimonianza

Porta testimonianza dell’amore che il Padre celeste e Gesù hanno per ognuno di noi. Esorta i bambini a ricordare questo amore ogni volta che vedono i bellissimi alberi, piante e fiori.

Attività Supplementari

Scegli alcune di queste attività da tenere durante la lezione.

  1. 1.

    Porta in classe alcuni semi (come, ad esempio, semi di fiori, fagioli o chicchi di grano) e un bicchiere di carta pieno di terriccio per ogni bambino perché lo porti a casa. Mostra ai bambini come si piantano i semi e ricorda loro che per farli crescere dovranno dare loro l’acqua e la luce necessarie.

  2. 2.

    Chiedi ai bambini di ripetere con te le parole dell’inno «Dorme il seme» (Innario dei bambini, pag. 119) poi invitali a fingere di essere dei piccoli semi che si svegliano e si stirano mentre tu canti o ripeti le parole dell’inno.

  3. 3.

    Ritaglia dei petali, foglie e gambi di carta colorata e chiedi a ogni bambino di incollarne alcuni su un foglio di carta formando un fiore. Intitola la pagina Sono grato per i bellissimi fiori.

  4. 4.

    Porta in classe un frutto o una verdura che contiene dei semi. Spiega ai bambini che dentro il frutto o verdura c’è una sorpresa. Apri il frutto o la verdura in modo che i bambini possano vedere i semi. Spiega che se i semi vengono piantati e ricevono l’acqua e la luce necessarie, cresceranno producendo altri frutti o verdure.

  5. 5.

    Porta i bambini a fare una passeggiata all’aperto per osservare i diversi tipi di piante. Se il tempo non consente questa passeggiata all’aperto, i bambini possono guardare fuori della finestra e a turno dire quali piante possono vedere. Se lo ritieni indicato, spiega i cambiamenti stagionali che influiscono sulle piante e sugli alberi.

Attività addizionali per i bambini più piccoli

  1. 1.

    Mostra l’illustrazione 1-22, Albero in fiore. Spiega ai bambini che il Padre celeste chiese a Gesù di creare le piante e gli alberi (vedi Genesi 1:11–13). Spiega che gli alberi ci danno legna e frutta. Le piante ci danno frutta e verdura.

  2. 2.

    Porta in classe una pianta o una sua parte (come, ad esempio, un fiore o alcune foglie) per farla vedere, sentire e annusare ai bambini. Da’ a ogni bambino la possibilità di toccare o tenere la pianta. Fai notare il suo colore, odore o bellezza. Esprimi la tua gratitudine per le piante, i fiori e gli alberi.

  3. 3.

    Recita la seguente poesia mimando le azioni descritte dalle parole. Poi chiedi ai bambini di mimare essi stessi le azioni mentre ripeti la poesia.

    Io scavo

    Io scavo, scavo, scavo (fingi di scavare)
    E poi i semi pianto (chinati e fingi di piantare dei semi).
    Rastrello, rastrello, rastrello (fingi di rastrellare).
    Poi le erbacce estirpo (chinati e fingi di estirpare le erbacce).
    Splende il sole bello e caldo (porta le braccia a cerchio sopra la testa).
    Poi dal cielo la pioggia scende (abbassa le braccia agitando le dita).
    Davanti ai miei occhi, proprio qui
    cominciano a spuntare i semi (spingi le dita della mano sinistra tra le dita della mano destra).