• Home
  • LDS.org
  • Detenere una valida raccomandazione per il tempio

Detenere una valida raccomandazione per il tempio

Messaggio dei dirigenti di Area

Anziano Manfred Schütze, Settanta di Area

Nei mesi precedenti l’apertura del tempio di Friburgo nel 1985, come presidente di palo ebbi il sacro dovere di intervistare per il tempio 350 membri fedeli della Germania dell’Est. Sebbene molti fossero membri della Chiesa da decenni, la situazione politica di quell’epoca non consentiva loro di andare al tempio. L’apertura del tempio di Friburgo sarebbe stata la prima volta al tempio per quasi tutti loro — la prima opportunità di celebrare le ordinanze per se stessi e per la loro famiglia. Tra tutte le esperienze spirituali vissute durante tali interviste, ce n’è una che ricordo particolarmente e che è rimasta vivida nella mia mente anche dopo venticinque anni.

Il fratello Karl Pabst era stato un membro fedele e forte per tutta la sua vita. Nella primavera del 1985 fu costretto a letto da un brutto raffreddore e sentiva che la sua vita era ormai alla fine. Lo incontrai per tenere la sua intervista per il tempio. Mi guardò con tristezza e, in lacrime, disse: “Non ce la farò ad andare al tempio, ma ci tenevo tanto”. La mia risposta fu breve: “Fratello Pabst, desidero che lei vada nel mondo eterno come un servo di Dio degno di entrare al tempio".

Facemmo l'intervista prestando meticolosa attenzione a ogni domanda. Al termine, compilai la sua raccomandazione per il tempio. Non riuscì mai a usarla, perché morì prima della dedicazione, ma, dopo l’apertura del tempio, i membri della sua famiglia, degni di entrarvi, furono in grado di completare tutte le ordinanze che ancora dovevano essere celebrate.

È un privilegio avere una raccomandazione per il tempio e dobbiamo usarla per andarci il più spesso possibile, in base alle nostre circostanze. Proviamo grande gioia nel constatare il numero di giovani degni di detenere una raccomandazione e che vanno al tempio regolarmente per celebrare i battesimi per i morti.

Avere una raccomandazione per il tempio è un segno della nostra dedizione personale al Vangelo. Nel tempio serviamo con altri membri che hanno standard di condotta elevati e che si sforzano seriamente di vivere in modo degno e di osservare le alleanze che hanno fatto. Ogni volta che andiamo al tempio veniamo edificati mentre godiamo con loro dell'atmosfera speciale nel tempio stesso.

Una sorella proveniente dalla zona di Chernobyl, in Ucraina era un membro di questo calibro. Aveva viaggiato per molte ore su un pullman per arrivare al tempio. Non era in buona salute a causa del disastro nucleare avvenuto in quella città, e suo marito era deceduto subito dopo la catastrofe. Aveva sentito i missionari parlare del piano di salvezza, era stata battezzata e aveva un solo desiderio: ricevere le ordinanze di salvezza per se stessa ed essere suggellata a suo marito. E così fu. Riuscì a partecipare soltanto ad altre due sessioni durante la sua permanenza di una settimana al tempio. Subito dopo il suo ritorno a casa, morì, ma tutto ciò che contava era stato fatto!

Dobbiamo fare tutto ciò che è necessario per ottenere e mantenere una raccomandazione per il tempio, e per risolvere in fretta quello che ci proibisce di farlo, mancanza di dignità o indifferenza che sia. Anche se la vostra situazione personale o familiare vi impedisce di andare spesso al tempio, ciò nonostante dovete sempre detenere una raccomandazione valida. È la conferma che state vivendo in armonia con le norme essenziali del Vangelo. Tale conoscenza porta all’autostima e alla consapevolezza di essere sulla strada giusta, e, inoltre, vi incentiva a mantenere la vostra dignità.

Nel tempio ricordiamo i nostri cari defunti. Le ordinanze celebrate nel tempio sono efficaci nell’eternità. Queste ordinanze sono fondamentali per coloro che hanno già lasciato questa vita, e noi veniamo benedetti quando svolgiamo questo lavoro per procura a loro favore. Servendo i nostri antenati defunti noi seguiamo l'esempio del Salvatore, che si curava sempre del singolo: “Ed Egli li guarì… tutti” (3 Nefi 17:9).

Quale benedizione poter partecipare a questa grande opera! Esorto ciascuno di voi, compresi i giovani uomini e le giovani donne, a prendervi parte detenendo sempre una valida raccomandazione per il tempio.