• Home
  • LDS.org
  • Insegnare e imparare mediante lo studio e la fede

Insegnare e imparare mediante lo studio e la fede

Tre volte in Dottrina e Alleanze, il Signore esorta i Santi degli Ultimi Giorni a imparare “mediante lo studio ed anche mediante la fede” (vedi DeA 88:118, DeA 109:7 e DeA 109:14). Quale responsabilità ripone questo concetto su coloro che studiano il Vangelo e in che modo lo studio e la fede si intrecciano nell’insegnamento e nell’apprendimento dei principi e delle dottrine veri?

“La ricerca della verità dovrebbe essere tanto vasta quanto le attività in cui siamo coinvolti e tanto profonda quanto lo permettono le circostanze”, dice l’anziano Dallin H. Oaks del Quorum dei Dodici Apostoli. “Un Santo degli Ultimi Giorni istruito dovrebbe cercare di comprendere i problemi importanti di natura religiosa, fisica, sociale e politica dei nostri giorni. Maggiore sarà la conoscenza che avremo delle leggi celesti e delle cose terrene, più grande sarà l’influenza che potremo esercitare nel bene su coloro che ci circondano e più al sicuro saremo dalle influenze scurrili e malvagie che potrebbero confonderci e distruggerci”.

Poi continua: “Nella ricerca della verità, abbiamo bisogno di ottenere l’aiuto dell’amorevole Padre Celeste. Il Suo spirito può dirigerci e intensificare gli sforzi necessari ad apprendere, come pure magnificare la capacità di assimilare la verità. Questo apprendimento tramite lo Spirito non si limita alle aule o alla preparazione per gli esami scolastici, bensì si applica ad ogni cosa facciamo, ovunque accada, che sia a casa, sul posto di lavoro o in chiesa”.

Il Bible Dictionary dice: “La fede è un principio di azione e di potere… Benché la fede sia un dono, deve essere coltivata e cercata sino a quando cresce e da un seme minuscolo diventa un albero maestoso”. Tre volte in Dottrina e Alleanze, il Signore esorta i Santi degli Ultimi Giorni a imparare “mediante lo studio ed anche mediante la fede” (vedi DeA 88:118, DeA 109:7 e DeA 109:14). Quale responsabilità ripone questo concetto su coloro che studiano il Vangelo e in che modo lo studio e la fede si intrecciano nell’insegnamento e nell’apprendimento dei principi e delle dottrine veri? È un esercizio del libero arbitrio.

Annotate i suggerimenti

L’anziano Richard G. Scott, membro del Quorum dei Dodici Apostoli, insegna che un modo in cui possiamo invitare adeguatamente lo Spirito Santo e imparare tramite Lui consiste nell’annotare i Suoi suggerimenti. “La maggior parte delle persone limitano il proprio apprendimento principalmente a quello che ascoltano o leggono. Siate saggi. Sviluppate la capacità di imparare da quello che vedete e, in particolar modo, da quello che lo Spirito Santo vi suggerisce. Cercate coscientemente di imparare da quello che vedete e provate, e la vostra capacità di farlo si amplierà grazie ad un esercizio costante. Chiedete con fede di avere questo aiuto, vivete in modo da essere degni di riceverlo, cercate di riconoscerlo.

“Annotate in un posto sicuro le cose importanti che imparate tramite lo Spirito; trascrivendo queste impressioni importanti, scoprirete che ne riceverete delle altre… Esprimete gratitudine per l’aiuto ricevuto e ubbidite. Queste abitudini rafforzeranno la vostra capacità di imparare attraverso lo Spirito. Permetteranno al Signore di guidare la vostra vita e arricchire ogni capacità che è latente dentro di voi”.

Responsabili individualmente

“Alla fine, la responsabilità di apprendere attraverso la fede e applicare la verità spirituale ricade sul singolo individuo”, insegna l’anziano David A. Bednar del Quorum dei Dodici Apostoli. “Questa è una responsabilità sempre più grande e importante nel mondo in cui viviamo e vivremo. Che cosa, come e quando impariamo è sostenuto, ma non dipendente, da un insegnante, un metodo di presentazione, un argomento specifico o dal formato della lezione …

Siamo tenuti ad agire ed essere facitori della parola e non dei semplici ascoltatori che solo subiscono. Siamo io e voi agenti che si danno da fare e cercano l’istruzione mediante la fede, o attendiamo di essere istruiti e subiamo? I bambini, i ragazzi e gli adulti che serviamo stanno agendo e cercando di apprendere per mezzo della fede o stanno aspettando e subendo? Stiamo noi incoraggiando e aiutando coloro che serviamo a cercare la conoscenza mediante la fede? Dobbiamo tutti essere ansiosamente impegnati a chiedere, a cercare e a bussare”, dice l’anziano Bednar (vedi 3 Nefi 14:7).

“Una persona che apprende esercitando il libero arbitrio agendo secondo i principi corretti apre il cuore allo Spirito Santo e invita i Suoi insegnamenti, il potere della testimonianza e le conferme spirituali”, afferma l’anziano Bednar. “Apprendere mediante la fede richiede uno sforzo spirituale, mentale e fisico, non solo ricevere passivamente. È con la sincerità e la coerenza delle azioni ispirate dalla fede che mostriamo al Padre celeste e a Suo Figlio Gesù Cristo la disponibilità ad apprendere e ricevere istruzioni dallo Spirito Santo. Pertanto, apprendere mediante la fede implica l’esercizio del libero arbitrio per agire sulla certezza delle cose che speriamo e invita la dimostrazione di cose non viste da parte del solo vero insegnante, lo Spirito del Signore”.