Boyd K. Packer

Presidente del Quorum dei Dodici Apostoli

Il presidente Packer all’addestramento dei dirigenti a livello mondiale

Il presidente del Quorum dei Dodici Apostoli Boyd K. Packer parla in una trasmissione di addestramento dei dirigenti a livello mondiale.

Quando era un giovane alla ricerca della verità del Vangelo il presidente Packer rivolse una preghiera al Padre Celeste. “Mi rivolsi a Lui dicendo: ‘Non sono uno che non prende posizione, puoi fare di me ciò che vuoi. Se hai bisogno di me, eccomi. Non importa cosa farai di me e non devi prendere niente da me perché io te lo do, ti offro tutto quello che ho, tutto quello che sono’”

Boyd K. Packer nacque il 10 settembre 1924 a Brigham City nello Utah, da Ira W. Ed Emma Jensen Packer. Era il decimo di undici figli. Già da piccolo amava stare all’aperto e a contatto con la natura. In particolare gli piacevano gli uccelli. Negli anni ha allevato molti volatili, tra cui pavoni, fagiani dorati e piccioni. È anche un pittore di talento e sia i suoi dipinti che i suoi uccelli intagliati sono stati esposti al Museo di Storia della Chiesa.

Boyd K. Packer quando era militare

Come molti della sua generazione Boyd K. Packer servì nell’esercito.

Un grande lavoratore

Dopo il diploma di scuola superiore, lavorò per un certo periodo alla costruzione di un ospedale militare nella sua città. Come molti giovani uomini della Chiesa di quegli anni, a causa della Seconda guerra mondiale non poté servire una missione di proselitismo. Nella primavera del 1943 si arruolò nelle forze armate dell’Aviazione e l’anno successivo divenne pilota. Fu assegnato di stanza nell’area del Pacifico e rimase in Giappone per quasi un anno dopo la fine del conflitto.

Tornato a casa nel 1946 si iscrisse al Weber College (ora Weber State University) di Ogden. Fu lì che conobbe Donna Edith Smith, anche lei di Brigham City. Si sposarono il 27 giugno 1947 nel tempio di Logan, nello Utah. In seguito ebbero dieci figli: Allan, Kenneth, David, Laurel, Russell, Spencer, Gayle, Kathleen, Lawrence, e Eldon.

Boyd e Donna Packer sposi

Boyd K. Packer e sua moglie Donna si sono sposati nel tempio di Logan.

Il desiderio di insegnare

Un obiettivo di Boyd K. Packer era diventare un insegnante. Ottenne un diploma universitario al Weber College nel 1948 e una laurea di primo grado alla Utah State University di Logan nel 1949. Ricevette un master dall’università statale dello Utah nel 1953 e un dottorato in educazione dalla Brigham Young University nel 1962.

Erano anni molto pieni quelli. Oltre ad assolvere le sue chiamate locali nella Chiesa (insegnante, assistente archivista di palo e sommo consigliere) nel 1949 iniziò a insegnare il seminario. Lo stesso ospedale militare di Brigham City che aveva aiutato a costruire era stato riconvertito in una scuola federale per studenti indiani e dal 1949 fino a metà del 1955 il giovane insegnante del seminario, assunto dal Sistema educativo della Chiesa, svolse anche il ruolo di coordinatore per gli affari indiani presso la scuola. In questa veste ebbe l’occasione di lavorare spesso con l’anziano Spencer W. Kimball del Quorum dei Dodici Apostoli. In quello stesso periodo occupò il posto di consigliere comunale di Brigham City per quattro anni.

Nel 1955 fu nominato come assistente amministratore dei seminari e istituti del Sistema educativo della Chiesa. L’anno seguente si trasferì a Lindon, sempre nello Utah.

Il presidente Packer con la famiglia

La famiglia Packer afferma che essere un padre è sempre stata la priorità numero uno per il loro genitore.

Il presidente Packer parla a una classe di laureandi alla University of Utah.

Il presidente Packer è anche stato per tutta la vita un insegnante. Qui si rivolge a una classe di laureandi della University of Utah.

La priorità della famiglia

Con la famiglia che cresceva, le responsabilità che aumentavano e gli studi che continuavano, quei primi anni di matrimonio furono molto pieni, tuttavia la famiglia restava per lui una priorità.

“Ho cercato in tutti i modi di stare con i miei figli quando ero a casa” dichiara il presidente Packer. Questo significava, per quanto possibile, passare ogni giorno un po’ di tempo con ciascuno di loro.

Il figlio Allan, oggi anziano Allan F. Packer dei Settanta, dice che suo padre era sempre disponibile a cogliere qualsiasi opportunità di insegnare in famiglia. I figli del presidente Packer si rivolgono ancora a lui per ricevere consigli.

“È il nostro patriarca” commenta Allan. “È ancora un padre e quella è la sua prima priorità”.

La figlia del presidente Packer Laurel Packer Dillman dice che suo padre si è sempre mostrato molto sensibile ai suggerimenti dello Spirito. Racconta di quando era una studentessa alla BYU: “Ricordo che mi telefonava sempre quando passavo dei momenti difficili” Un suo consiglio o una parola di incoraggiamento l’aiutavano a superarli.

Boyd K.Packer si prepara ad officiare un battesimo in Giappone dopo la Seconda guerra mondiale.

Dopo la fine del conflitto, Boyd K. Packer rimase in Giappone, dove, quando non era di servizio, aiutava a diffondere il Vangelo. Qui si prepara a officiare un battesimo.

L’anziano Packer e il presidente Hugh B. Brown

Il presidente Hugh B. Brown (1883-1975) in un momento di svago con l’anziano Boyd K. Packer. Il presidente Brown servì come consigliere in diverse Prime Presidenze e anche nel Quorum dei Dodici Apostoli.

Una vita di servizio e testimonianza

Il presidente Packer continuò a lavorare per il Sistema educativo della Chiesa fino al settembre del 1961, quando venne chiamato come Assistente dei Dodici. Fu sostenuto nel Quorum dei Dodici Apostoli nell’aprile del 1970.

Dopo che il presidente Thomas S. Monson fu sostenuto nell’aprile 2008, il presidente Packer parlò come Apostolo del progresso della Chiesa di Gesù Cristo. Quello che riportò riguardo all’ordinazione del presidente Monson poteva sembrare scontato, ma la testimonianza che rese non lo fu. Dimostrava sia la sua riverenza per le chiamate come dirigenti della Chiesa, sia la sua certezza in merito all’origine divina della loro autorità.

“Non c’erano dubbi su cosa andasse fatto, nessuna titubanza… In quella sacra riunione Thomas Spencer Monson è stato sostenuto dal Quorum dei Dodici Apostoli come presidente della Chiesa”. Restava un posto vacante nel Quorum dei Dodici. Quel posto fu ricoperto dall’anziano D. Todd Christofferson, e anche sulle modalità della sua chiamata non ci furono dubbi. “La chiamata di un Apostolo risale al Signore Gesù Cristo”, ha detto il presidente Packer, spiegando che questa procedura non è nuova. “Il Signore in persona stabilì questo modello di amministrazione”.

Sculture di uccelli e iris

Questa scultura realizzata dal presidente Packer dimostra il suo talento di artista e l’amore che nutre da sempre per la natura e gli uccelli.

Il presidente Packer parla di se stesso e degli altri Apostoli viventi come di “persone comuni”, che potrebbero domandarsi perché sono state chiamate a questo sacro ufficio. “Mi mancano tante qualità. Nel mio sforzo per servire ci sono molte carenze. C’è una sola qualifica che può spiegarlo. Come Pietro e tutti coloro che sono stati ordinati da allora, io ho quella stessa testimonianza.

“Io so che Dio è nostro Padre. Egli presentò Suo Figlio Gesù Cristo a Joseph Smith. Vi dichiaro che so che Gesù è il Cristo. So che Egli vive… Egli ha compiuto la Sua Espiazione. Di Lui rendo testimonianza”.

La decisione presa in gioventù da Boyd K. Packer di dare tutto se stesso al Signore lo ha portato a vivere una vita da discepolo e ad essere chiamato come testimone speciale del Signore Gesù Cristo, un incarico che egli continua ad adempiere in veste di Presidente del Quorum dei Dodici Apostoli.

il Quorum dei Dodici Apostoli

Il Quorum dei Dodici Apostoli (sotto).

Leggi la biografia ufficiale