SEZIONE 107

Rivelazione sul sacerdozio data tramite Joseph Smith, il Profeta, a Kirtland, Ohio, datata 28 marzo 1835 (History of the Church, 2:209–217). Nella data menzionata i Dodici si riunirono in consiglio, confessarono le loro debolezze e manchevolezze individuali, esternarono il loro pentimento e cercarono ulteriore guida dal Signore. Essi stavano per partire in missioni distinte nei distretti assegnati. Sebbene alcune parti di questa sezione siano state ricevute nella data menzionata, le registrazioni storiche affermano che varie parti erano state ricevute in tempi diversi, alcune fin dal novembre 1831.

1–6: vi sono due sacerdozi: di Melchisedec e di Aaronne; 7–12: coloro che detengono il Sacerdozio di Melchisedec hanno il potere di officiare in tutti gli uffici nella Chiesa; 13–17: il vescovato presiede sul Sacerdozio di Aaronne, che amministra le ordinanze esteriori; 18–20: il Sacerdozio di Melchisedec detiene le chiavi di tutte le benedizioni spirituali; il Sacerdozio di Aaronne detiene le chiavi del ministero degli angeli; 21–38: la Prima Presidenza, i Dodici e i Settanta costituiscono i quorum presiedenti, le cui decisioni devono essere prese in unità e rettitudine; 39–52: viene fissato l'ordine patriarcale da Adamo a Noè; 53–57: gli antichi santi si riunirono ad Adam-ondi-Ahman e il Signore apparve loro; 58–67: i Dodici devono mettere in ordine i dirigenti della Chiesa; 68–76: i vescovi servono come giudici comuni in Israele; 77–84: la Prima Presidenza e i Dodici costituiscono il tribunale supremo della Chiesa; 85–100: i presidenti del sacerdozio governano i loro rispettivi quorum.

  Vi sono nella chiesa due sacerdozi, cioè di aMelchisedec e di bAaronne, che include il Sacerdozio Levitico.

  Il motivo per cui il primo è chiamato Sacerdozio di aMelchisedec è perché Melchisedec fu un grandissimo sommo sacerdote.

  Prima dei suoi giorni era chiamato il Santo Sacerdozio secondo al'ordine del Figlio di Dio.

  Ma per rispetto, ossia ariverenza, per il nome dell'Essere Supremo, per evitare la ripetizione troppo frequente del suo nome, essi, la Chiesa, nei tempi antichi, chiamarono questo sacerdozio con il nome di Melchisedec, ossia il Sacerdozio di Melchisedec.

  Tutte le altre autorità o uffici nella Chiesa sono aappendici a questo sacerdozio.

  Ma vi sono due rami o grandi capi: uno è il Sacerdozio di Melchisedec e l'altro è il Sacerdozio di Aaronne o aLevitico.

  L'ufficio di aanziano rientra nel Sacerdozio di Melchisedec.

  Il Sacerdozio di Melchisedec detiene il diritto di presidenza, e ha potere e aautorità su tutti gli uffici nella chiesa, in tutte le epoche del mondo, per amministrare le cose spirituali.

  La aPresidenza del Sommo Sacerdozio secondo l'ordine di Melchisedec ha il diritto di officiare in tutti gli uffici nella chiesa.

 10  I asommi sacerdoti secondo l'ordine del Sacerdozio di Melchisedec hanno bdiritto di officiare nella loro specifica posizione, sotto la direzione della presidenza, nell'amministrare le cose spirituali e anche nell'ufficio di anziano, di sacerdote (dell'ordine Levitico), di insegnante, di diacono e di membro.

 11  Un anziano ha il diritto di officiare in sua vece quando non è presente un sommo sacerdote.

 12  Il sommo sacerdote e l'anziano devono amministrare le cose spirituali, in accordo con le alleanze e i comandamenti della chiesa; e hanno il diritto di officiare in tutti questi uffici della Chiesa quando non sono presenti autorità superiori.

 13  Il secondo sacerdozio è chiamato aSacerdozio di Aaronne perché fu conferito ad bAaronne e alla sua posterità, lungo tutte le generazioni.

 14  Il motivo per cui è chiamato sacerdozio minore è perché è aun'appendice a quello maggiore, ossia al Sacerdozio di Melchisedec, e ha il potere di amministrare le ordinanze esteriori.

 15  Il avescovato è la presidenza di questo sacerdozio e ne detiene le chiavi, ossia l'autorità.

 16  Nessuno ha legale diritto a questo ufficio, di detenere le chiavi di questo sacerdozio, eccetto che sia un discendente aletterale di Aaronne.

 17  Ma siccome un sommo sacerdote del Sacerdozio di Melchisedec ha autorità di officiare in tutti gli uffici minori, egli può officiare nell'ufficio di vescovo quando non si possa trovare nessun discendente letterale di Aaronne, purché sia chiamato, messo a parte e aordinato a questo potere per mano della bPresidenza del Sacerdozio di Melchisedec.

 18  Il potere e l'autorità del maggiore, ossia del Sacerdozio di Melchisedec, è di detenere le achiavi di tutte le benedizioni spirituali della chiesa:

 19  Di avere il privilegio di ricevere i amisteri del regno dei cieli, di avere i cieli aperti dinanzi a sé, di comunicare con l'assemblea bgenerale, la Chiesa del Primogenito, e di godere della comunione e della presenza di Dio Padre e di Gesù, il cmediatore della nuova alleanza.

 20  Il potere e l'autorità del minore, ossia del Sacerdozio di Aaronne, è di detenere le achiavi del ministero degli angeli e di amministrare le bordinanze esteriori, la lettera del Vangelo, il cbattesimo di pentimento per la dremissione dei peccati, in accordo con le alleanze e i comandamenti.

 21  Devono necessariamente esservi dei presidenti, ossia degli ufficiali presiedenti, provenienti da e nominati fra coloro che sono ordinati ai vari uffici di questi due sacerdozi.

 22  Tre Sommi Sacerdoti aPresiedenti del Sacerdozio di bMelchisedec, scelti dal corpo, nominati e ordinati a quell'ufficio, e csostenuti dalla fiducia, dalla fede e dalle preghiere della chiesa, formano il quorum della Presidenza della chiesa.

 23  I adodici consiglieri viaggianti sono chiamati ad essere i Dodici bApostoli, ossia testimoni speciali del nome di Cristo in tutto il mondo, e si differenziano così dagli altri dirigenti della chiesa nei doveri della loro chiamata.

 24  E formano un quorum, eguale in autorità e potere ai tre presidenti summenzionati.

 25  Anche i aSettanta sono chiamati a predicare il Vangelo e ad essere testimoni speciali per i Gentili e in tutto il mondo, e si differenziano così dagli altri dirigenti della chiesa nei doveri della loro chiamata.

 26  E formano un quorum, eguale in autorità a quello dei Dodici testimoni speciali, ossia Apostoli, appena citati.

 27  E ogni decisione presa da uno di questi quorum deve essere per voce unanime di questo; cioè, ogni membro in ciascun quorum deve essere d'accordo con le decisioni di questo, allo scopo di rendere le loro decisioni di pari potere o validità, l'una rispetto all'altra.

 28  Una maggioranza può formare un quorum quando le circostanze rendono impossibile fare altrimenti;

 29  A meno che non sia così, le decisioni non hanno diritto alle stesse benedizioni alle quali avevano diritto anticamente le decisioni di un quorum di tre presidenti, che erano ordinati secondo l'ordine di Melchisedec ed erano uomini retti e santi.

 30  Le decisioni di questi quorum, o di uno di essi, devono essere prese in tutta agiustizia, in santità e umiltà di cuore, in mitezza e longanimità, in fede e in bvirtù, e in conoscenza, temperanza, pazienza, benignità, gentilezza fraterna e carità;

 31  Poiché la promessa è: se queste cose abbondano in loro, non saranno ainfruttuosi nella conoscenza del Signore.

 32  E nel caso che qualche decisione di questi quorum sia presa con ingiustizia, essa può essere portata dinanzi ad un'assemblea generale dei vari quorum che costituiscono le autorità spirituali della chiesa; altrimenti non può esservi nessun appello contro le loro decisioni.

 33  I Dodici sono un Sommo Consiglio Presiedente Viaggiante, per officiare nel nome del Signore, sotto la direzione della Presidenza della chiesa, in accordo con le istituzioni dei cieli; per edificare la chiesa e regolarne tutti gli affari in tutte le nazioni, in primo luogo verso i aGentili e in secondo luogo verso i Giudei.

 34  I Settanta devono agire nel nome del Signore, sotto la direzione dei aDodici, ossia del sommo consiglio viaggiante, nell'edificare la chiesa e nel regolarne tutti gli affari in tutte le nazioni, in primo luogo verso i Gentili e poi verso i Giudei,

 35  Poiché i Dodici sono mandati, detenendone le chiavi, ad aprire la porta mediante la proclamazione del Vangelo di Gesù Cristo in prima ai Gentili e poi ai Giudei;

 36  I asommi consigli permanenti, nei pali di Sion, formano un quorum eguale in autorità negli affari della chiesa, in tutte le loro decisioni, al quorum della presidenza, o al sommo consiglio viaggiante.

 37  Il sommo consiglio in Sion forma un quorum eguale in autorità negli affari della chiesa, in tutte le sue decisioni, ai consigli dei Dodici nei pali di Sion.

 38  È dovere del sommo consiglio viaggiante di fare appello ai aSettanta, anziché ad ogni altro, quando hanno bisogno di aiuto, per adempiere alle varie chiamate di predicare, e di amministrare il Vangelo.

 39  È dovere dei Dodici ordinare, in tutti i grandi rami della chiesa, dei ministri aevangelici, come saranno loro designati per rivelazione;

 40  L'ordine di questo sacerdozio è stato confermato per essere trasmesso di padre in figlio e appartiene di diritto ai discendenti letterali della stirpe eletta, alla quale furono fatte le promesse.

 41  Quest'ordine fu istituito ai giorni di aAdamo e discese per blignaggio nel modo seguente:

 42  Da Adamo a aSeth, che fu ordinato da Adamo all'età di sessantanove anni e fu benedetto da lui tre anni prima della sua morte (di Adamo), e ricevette la promessa di Dio, mediante suo padre, che la sua posterità sarebbe stata quella scelta dal Signore e che sarebbe stata preservata fino alla fine della terra;

 43  Perché lui (Seth) era un uomo aperfetto, e le sue bsembianze erano le esatte sembianze di suo padre, tanto che sembrava essere come suo padre in ogni cosa, e poteva essere distinto da lui solo per la sua età.

 44  Enosh fu ordinato all'età di centotrentaquattro anni e quattro mesi per mano di Adamo.

 45  Dio chiamò Kenan nel deserto nel suo quarantesimo anno d'età, ed egli incontrò Adamo mentre viaggiava verso il luogo Shedolamack. Aveva ottantasette anni quando ricevette la sua ordinazione.

 46  Mahalaleel aveva quattrocentonovantasei anni e sette giorni quando fu ordinato per mano di Adamo, che lo benedisse pure.

 47  Jared aveva duecento anni, quando fu ordinato sotto la mano di Adamo, che lo benedisse pure.

 48  aEnoc aveva venticinque anni quando fu ordinato sotto la mano di Adamo, e aveva sessantacinque anni quando Adamo lo benedisse.

 49  Ed egli vide il Signore, e camminò con lui, e stava continuamente dinanzi al suo volto; e acamminò con Dio trecentosessantacinque anni, perciò aveva quattrocentotrenta anni quando fu btraslato.

 50  aMethushelah aveva cento anni quando fu ordinato sotto la mano di Adamo.

 51  Lamec aveva trentadue anni quando fu ordinato sotto la mano di Seth.

 52  aNoè aveva dieci anni quando fu ordinato sotto la mano di Methushelah.

 53  Tre anni prima della sua morte, Adamo chiamò Seth, Enosh, Kenan, Mahalaleel, Jared, Enoc e Methushelah, che erano tutti asommi sacerdoti, con il resto della sua posterità che era giusta, nella valle di bAdam-ondi-Ahman, e là dette loro la sua ultima benedizione.

 54  E il Signore apparve loro, ed essi si alzarono e benedissero aAdamo, e lo chiamarono bMichele, il principe, l'arcangelo.

 55  E il Signore dette conforto ad Adamo e gli disse: Ti ho posto per essere alla testa; una moltitudine di nazioni usciranno da te, e tu sarai un aprincipe su di esse in eterno.

 56  E Adamo si alzò in mezzo all'assemblea; e nonostante che fosse curvo per l'età, essendo pieno dello Spirito Santo apredisse tutto ciò che sarebbe accaduto alla sua posterità fino all'ultima generazione.

 57  Queste cose furono tutte scritte nel libro di Enoc, e ne sarà resa testimonianza a tempo debito.

 58  È anche dovere dei aDodici ordinare e mettere in bordine tutti gli altri ufficiali della chiesa, in accordo con la rivelazione che dice:

 59  Alla chiesa di Cristo nella terra di Sion, in aggiunta alle aleggi della chiesa in merito agli affari della Chiesa:

 60  In verità vi dico, dice il Signore degli Eserciti: devono necessariamente esserci degli anziani apresiedenti per presiedere su coloro che hanno l'ufficio di anziano;

 61  E anche dei asacerdoti per presiedere su coloro che hanno l'ufficio di sacerdote;

 62  E anche degli insegnanti per apresiedere su coloro che hanno l'ufficio di insegnante, allo stesso modo, e anche dei diaconi.

 63  Pertanto, da diacono a insegnante, da insegnante a sacerdote e da sacerdote ad anziano, singolarmente come sono nominati, secondo le alleanze e i comandamenti della chiesa.

 64  Poi viene il Sommo Sacerdozio, che è il più grande di tutti.

 65  Pertanto, è necessario che sia nominato uno del Sommo Sacerdozio a presiedere sul sacerdozio, e dovrà essere chiamato Presidente del Sommo Sacerdozio della Chiesa.

 66  Ossia, in altre parole, il Sommo Sacerdote aPresiedente sul Sommo Sacerdozio della Chiesa.

 67  Da questi procede l'amministrazione delle ordinanze e delle benedizioni alla chiesa, mediante al'imposizione delle mani.

 68  Pertanto, l'ufficio di vescovo non è uguale a questo; poiché l'ufficio di avescovo consiste nell'amministrare tutte le cose materiali.

 69  Nondimeno, un vescovo deve essere scelto fra il Sommo aSacerdozio, a meno che non sia un discendente bletterale di Aaronne;

 70  Poiché, a meno che non sia un discendente letterale di Aaronne non può detenere le chiavi di quel sacerdozio.

 71  Nondimeno un sommo sacerdote, cioè secondo l'ordine di Melchisedec, può essere messo a parte per amministrare le cose materiali, avendone conoscenza mediante lo Spirito di verità;

 72  Ed anche per essere un agiudice in Israele, per occuparsi degli affari della chiesa, per sedere in giudizio verso i trasgressori in base alle testimonianze come gli saranno presentate, secondo le leggi, mediante la collaborazione dei suoi consiglieri, che ha scelto o che sceglierà fra gli anziani della chiesa.

 73  Questo è il dovere di un vescovo che non è un discendente letterale di Aaronne, ma che è stato ordinato al Sommo Sacerdozio secondo l'ordine di Melchisedec.

 74  Egli sia così un giudice, sì, un giudice comune fra gli abitanti di Sion o in un palo di Sion, o in qualsiasi ramo della chiesa dove egli sia stato messo a parte per questo ministero, finché i confini di Sion non siano ampliati e divenga necessario avere altri vescovi, ossia giudici, a Sion o altrove.

 75  E se saranno nominati altri vescovi, che agiscano nello stesso ufficio.

 76  Ma un discendente letterale di Aaronne ha il diritto legale alla presidenza di questo sacerdozio, alle achiavi di questo ministero, ad agire nell'ufficio di vescovo in modo indipendente, senza consiglieri, eccetto nel caso in cui un Presidente del Sommo Sacerdozio secondo l'ordine di Melchisedec venga chiamato in giudizio, a sedere come giudice in Israele.

 77  E la decisione di uno di questi consigli, in accordo con il comandamento che dice:

 78  E ancora, in verità vi dico: gli affari più importanti della chiesa e i casi più adifficili della chiesa, se la decisione del vescovo o dei giudici non darà soddisfazione, siano trasmessi e portati al consiglio della chiesa, dinanzi alla bPresidenza del Sommo Sacerdozio.

 79  E la Presidenza del consiglio del Sommo Sacerdozio avrà il potere di chiamare altri sommi sacerdoti, cioè dodici, per collaborare come consiglieri; e così la Presidenza del Sommo Sacerdozio e i suoi consiglieri avranno il potere di giudicare in base alle testimonianze, secondo le leggi della chiesa.

 80  E dopo questa decisione, non siano più ricordati dinanzi al Signore; poiché questo è il più alto consiglio della chiesa di Dio, ed è la decisione definitiva nelle controversie in materia spirituale.

 81  Non v'è alcuna persona che appartenga alla chiesa che sia esente da questo consiglio della Chiesa.

 82  E se un Presidente del Sommo Sacerdozio trasgredisce, sia ricordato dinanzi al consiglio comune della chiesa, che dovrà essere coadiuvato da dodici consiglieri del Sommo Sacerdozio:

 83  E la decisione che prenderanno su di lui sarà la fine della controversia a suo riguardo.

 84  Così nessuno sarà esente dalla agiustizia e dalle leggi di Dio, affinché ogni cosa sia fatta con ordine e in solennità dinanzi a lui, secondo verità e giustizia.

 85  E ancora, in verità vi dico: il dovere di un presidente dell'ufficio di adiacono, come è dato secondo le alleanze, è di presiedere a dodici diaconi, di sedere in consiglio con loro e di binsegnare loro il loro dovere, edificandosi l'un l'altro.

 86  E anche il dovere di un presidente dell'ufficio di ainsegnante, come è dato nelle alleanze, è di presiedere a ventiquattro insegnanti e di sedere in consiglio con loro, insegnando loro i doveri del loro ufficio.

 87  Anche il dovere del presidente del Sacerdozio di Aaronne, come è dato nelle alleanze, è di presiedere a quarantotto asacerdoti e di sedere in consiglio con loro, per insegnare loro i doveri del loro ufficio;

 88  Questo presidente deve essere un avescovo, poiché questo è uno dei doveri di questo sacerdozio.

 89  E inoltre, il dovere di un presidente dell'ufficio degli aanziani è di presiedere a novantasei anziani e di sedere in consiglio con loro, e di istruirli secondo le alleanze.

 90  Questa presidenza è distinta da quella dei settanta ed è designata per quelli che non aviaggiano in tutto il mondo.

 91  E inoltre, il dovere del Presidente dell'ufficio del Sommo Sacerdozio è di apresiedere sull'intera chiesa e di essere simile a bMosè;

 92  Ecco, qui sta la saggezza; si, di essere un aveggente, un brivelatore, un traduttore e un cprofeta, avendo tutti i ddoni di Dio che Egli conferisce al capo della chiesa.

 93  Ed è secondo la visione che mostra l'ordine dei aSettanta che essi abbiano sette presidenti per presiedere su di loro, scelti dal numero dei settanta;

 94  E il settimo di questi presidenti deve presiedere agli altri sei;

 95  E questi sette presidenti devono scegliere altri settanta, oltre ai primi settanta a cui appartengono, e devono presiedere su di loro;

 96  E anche altri settanta, fino a sette volte settanta se il lavoro nella vigna necessariamente lo richiede.

 97  E questi settanta devono essere dei ministri aviaggianti, prima verso i Gentili e anche verso i Giudei.

 98  Mentre gli altri dirigenti della chiesa, che non appartengono ai Dodici né ai Settanta, non sottostanno alla responsabilità di viaggiare fra tutte le nazioni, ma devono viaggiare come lo permetteranno le loro condizioni, nonostante che possano detenere uffici altrettanto elevati e di responsabilità nella chiesa.

 99  Pertanto, che ora ognuno con ogni adiligenza apprenda il suo bdovere e impari ad agire nell'ufficio a cui è nominato.

 100  Colui che è aindolente non sia ritenuto bdegno di rimanere, e colui che non apprende il suo dovere e si dimostra disapprovato non sia ritenuto degno di rimanere. Così sia. Amen.